Descrizione:
Cosa Cucino Stasera

Orata all’acqua pazza

Un piatto tipico della cucina partenopea riadattato in versione invernale. Una proposta un po’ pazza per ogni occasione!

L’orata all’acqua pazza è un secondo piatto di pesce tipico della tradizione culinaria napoletana. Nata nella cucina dei pescatori, la ricetta originale prevedeva di utilizzare come liquido di cottura per il pesce l’acqua di mare addizionata di vino bianco: un’acqua pazza appunto! Come scelta del pesce si andava di pari passo con i favori del mare e dunque, di volta in volta, si potevano usare orate, branzini o spigole: l’importante è che il pesce fosse sodo e carnoso.

La versione che vi ripropongo oggi è inevitabilmente riadattata sulla nostra reale possibilità quotidiana di reperire acqua di mare che, come potete immaginare, non è per nulla semplice soprattutto per chi abita in zone d’Italia in cui il mare può solo sognarlo!

In questa ricetta faremo dunque uso di acqua minerale a cui aggiungeremo il vino bianco per la cottura nel nostro pesce. E, visto che mi piace rispettare la stagionalità delle materie prime che si usano in cucina, utilizzeremo pomodorini secchi al posto dei pomodori a grappolo freschi maturi e succosi che invece saranno il nostro cavallo di battaglia in primavera ed estate. In questo modo potrete proporre l’orata all’acqua pazza anche in inverno.

Volendo rendere il piatto ancor più elegante, si possono aggiungere anche vongole veraci al filetto di pesce prescelto: in questo modo sarà una portata perfetta per un giorno di festa.

Orata all’acqua pazza: il mare facile!

  • Resa: 4 Persone servite
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 15 minuti
  • Cucina:

Ingredienti

  • 4 filetti orata carnosi, squamati
  • 2 spicchi aglio
  • 1 peperoncino secco
  • 10 pomodori secchi sott’olio
  • 2 filetti alici sotto sale
  • acqua minerale
  • vino bianco
  • sale e pepe
  • olio extravergine di oliva

Preparazione

  1. In una grande padella mettete i pomodori secchi tagliati a metà, i filetti di alici, il peperoncino, l’aglio sbucciato, un cucchiaio di olio, un bicchiere abbondante di acqua minerale e mezzo bicchiere di vino bianco.
    Accendete la fiamma e scaldate a fuoco vivace per 5 minuti.
  2. Aggiungete allora i filetti di orata con la pelle verso il basso, salateli e pepate. Abbassate la fiamma al minimo, coprite con il coperchio e fate cuocere per circa 8-10 minuti. Togliete i filetti mantenendoli al caldo su un vassoio (potete copriteli con alluminio e tenerli in forno tiepido) e fate restringere un poco il liquido di cottura.
  3. Servite i filetti con la loro acqua pazza e un goccio d’olio crudo.


Taccole al pomodoro: la ricetta
Ricette Secondi Piatti

Taccole al pomodoro: la ricetta

Uova in purgatorio, la ricetta napoletana
Cosa Cucino Stasera

Uova in purgatorio, la ricetta napoletana

Piadina fatta in casa
Cosa Cucino Stasera

Piadina fatta in casa

Agnello con carciofi
Ricette Secondi Piatti

Agnello con carciofi

Pesce in umido in bianco
Ricette Secondi Piatti

Pesce in umido in bianco

Rucola cotta, tre ricette
Cosa Cucino Stasera

Rucola cotta, tre ricette

Scacce ragusane
Cosa Cucino Stasera

Scacce ragusane

Baccalà alla livornese
Ricette Secondi Piatti

Baccalà alla livornese

Tiella barese, la ricetta originale
Ricette Piatti Unici

Tiella barese, la ricetta originale

La tiella barese è un piatto di terra e mare, cotto al forno: esistono diverse varianti, a seconda dei gusti. Ecco la ricetta originale.

Leggi di più