Salmone surgelato, come cucinarlo
Consigli di cucina

Salmone surgelato, come cucinarlo

Il salmone surgelato è un pesce nutriente, saporito e versatile: non può mancare sulle vostre tavole!

Come cucinare il salmone surgelato? Idee e consigli per creare soluzioni sempre perfette.

Salmone surgelato: un’ottima scelta

Salmone surgelato, come cucinarlo? Il salmone surgelato è un prodotto che si può utilizzare facilmente, comodo e sempre disponibile. Già pulito e porzionato in filetti o tranci è pronto per essere immediatamente utilizzato per le vostre ricette. Il salmone surgelato è un’ottima scelta per chi desidera organizzare pranzi o cene veloci e stupire tutti i commensali. Se si ha tempo a disposizione si può far lasciare scongelare il salmone in una ciotola per qualche ora, affinché la sua consistenza diventi morbida e possa essere cucinato. Altrimenti è possibile tirarlo fuori dal congelatore, attendere qualche minuto e passarlo o sotto l’acqua bollente oppure immergerlo per circa tre minuti in una pentola d’acqua portata ad ebollizione. L’unica accortezza è quella di non lasciare il salmone troppo tempo nell’acqua bollente altrimenti potrebbe scuocersi e perdere anche tutte le sue proprietà nutritive.

Le ricette

Sono tante le ricette che potete preparare con il salmone surgelato, spaziando dai primi ai secondi, passando anche per antipasti sfiziosi ricchi di gusto e colore. I metodi più utilizzati per cucinare il salmone surgelato sono la cottura in padella, al forno, al cartoccio o al forno gratinato. Se invece pensate al finger food, ottime idee sono crostini con salmone e formaggio fresco spalmabile, oppure dei fagottini di pasta sfoglia con salmone ed erbe aromatiche.

Salmone surgelato in padella

Per cucinare il salmone surgelato in padella, dovrete togliere i filetti dal congelatore, risciacquarli accuratamente in acqua fredda per rimuovere i cristalli di ghiaccio e asciugarli tamponando la superficie con della carta assorbente da cucina. Spennellate poi entrambi i lati del pesce con olio di oliva o un altro di vostra scelta. Meglio evitare il burro, perché brucia ad alte temperature. Scaldate una padella grande a fuoco medio-alto e mettete i filetti di salmone nel tegame con il lato della pelle rivolto verso l’alto. Aspettate circa 3-4 minuti e girateli per aromatizzarli. Coprite la padella e abbassate la fiamma. Proseguite la cottura per altri 6-8 minuti. Il salmone è pronto quando diventa rosa chiaro. Per insaporire, aggiungete pepe nero e spezie a piacimento oppure la buccia grattugiata di un limone.

Come cucinare il salmone surgelato al forno

Un altro metodo per cucinare il salmone surgelato è la cottura al forno. Dopo aver tolto il salmone surgelato dal freezer e averlo sciacquato, ungete entrambi i lati e disponetelo in una pirofila ricoperta con carta forno. Infornate per circa 4 minuti a 200 gradi. In questo modo, l’acqua abbandona la superficie del pesce. Togliete il pesce dal forno conditelo a piacimento con burro, aromi, salse o spezie. Infornate nuovamente il tegame e proseguite la cottura per altri 10-15 minuti, in base alle dimensioni del salmone. I pesci molto grandi hanno bisogno di più tempo.

Alla griglia

Se volete preparare il salmone surgelato seguendo una cottura salutare, scaldate la griglia. Togliete il salmone dal congelatore, risciacquatelo e asciugatelo. Appoggiate un grande foglio di carta di alluminio sul ripiano della cucina. Spennellatelo con dell’olio e metteteci sopra il filetto con il lato della pelle rivolto verso il basso. Spennellate entrambi i lati del pesce con olio di oliva e conditelo con pepe, spezie e, se volete, una fetta di limone. Piegate i lati del foglio di alluminio verso l’interno e avvolgetelo su se stesso diverse volte, formando un cartoccio sigillato. Appoggiate il “pacchetto” sulla griglia per 10 minuti con il lato della chiusura rivolto verso il basso. Trascorso questo tempo, toglietelo dal calore e apritelo. Aggiungete gli aromi, le salse e le marinate. Chiudete nuovamente il cartoccio, riportatelo sulla griglia e continuate la cottura per altri 10 minuti. Togliete il pesce dalla fonte di calore. Se il filetto è leggermente rosato, il vostro salmone allora è pronto per essere gustato.

Idee per piatti sfiziosi

Le ricette che potrete realizzare con il salmone surgelato sono davvero un’infinità. Per questo motivo vi consigliamo di tenere sempre dei tranci di salmone pronti all’uso nel vostro freezer. Oltre ai metodi che vi abbiamo proposto, potete usare il salmone surgelato per condire i vostri primi piatti. Il salmone si presta davvero a tantissimi tipi di pasta, in particolar modo quella fresca. Tra le ricette più gustose e rinomate bisogna annoverare assolutamente le tagliatelle al salmone: un piatto veloce e semplice da preparare. Se invece volete coccolarvi un po’ con un gusto diverso, un’idea originale sono le lasagne al salmone. Per un secondo piatto ricco e gustoso, invece, potete cucinare il salmone in padella, alla griglia o al forno, magari gratinandolo, e aggiungendo come contorno delle patate o dei pomodorini, che ben si sposano con il gusto del salmone.

Fresco o surgelato?

Utilizzare il pesce surgelato, come ad esempio il salmone, è una valida alternativa al pesce fresco. In molti si chiedono ancora se il pesce surgelato mantenga le stesse proprietà nutritive rispetto a un prodotto fresco. Domanda ovviamente legittima: chi se la pone, infatti, teme che a causa del processo di surgelazione, a livello industriale, il pesce perda il suo sapore, le sue caratteristiche ma, soprattutto, la sua genuinità. Ma potete stare tranquilli: acquistare e consumare del pesce surgelato non altera il suo valore nutritivo, anzi ne garantisce la conservazione. Acquistare del pesce surgelato è anche sinonimo di sicurezza, fondamentale per il nostro benessere, in quanto ogni etichetta è uno strumento per un acquisto consapevole.

I benefici del salmone

Il salmone possiede moltissime proprietà benefiche, con un apporto calorico perfetto anche per chi segue un regime alimentare bilanciato. Il salmone è un pesce ricco di omega 3 e di grassi polinsaturi, fondamentali per la salute. Inoltre è un pesce ricco di vitamina D, fondamentale per il benessere dell’organismo. La vitamina D, infatti, è necessaria per la salute delle ossa del corpo, ma anche per il benessere del cuore e della mente. Infine un altro aspetto molto importante della vitamina D, presente all’interno del salmone, è il suo incidere positivamente sulla nostra mente. Stimola la produzione di serotonina, conosciuta anche come l’ormone del buonumore. Mangiare il salmone è quindi la scelta perfetta per mangiare bene, in modo equilibrato e sano, senza rinunciare al gusto.



Come scrivere sulle torte
Consigli di cucina

Come scrivere sulle torte

Tortini svuota frigo
Consigli di cucina

Tortini svuota frigo

Colazione sana idee e ricette per dimagrire
Consigli di cucina

Colazione sana: idee e ricette per dimagrire

Come conservare i pancake
Consigli di cucina

Come conservare i pancake

Come conservare il lievito di birra
Consigli di cucina

Come conservare il lievito di birra

Colazione salata, 5 idee
Consigli di cucina

Colazione salata, 5 idee

Come fare il pane in casa
Consigli di cucina

Come fare il pane in casa

Come cucinare i carciofi
Consigli di cucina

Come cucinare i carciofi

Cookies light senza burro
Ricette Dolci e Dessert

Cookies light senza burro

Oggi cookies light, una ricetta per stare leggeri senza rinunciare al piacere di un buon dolce!

Leggi di più