Pane siciliano fatto in casa: la ricetta

Il pane siciliano, o mafalda, è realizzato con semola di grano duro e la superficie è ricoperta di sesamo: fragrante e morbido, si conserva fino a 4 giorni

17/03/2022

Sommario

Questo pane è davvero buono! Ecco ingredienti e ricetta per la mafalda,

Tempo di preparazione:
10 minuti
Tempo di cottura:
40 minuti
Quantità:
10 panetti

Ingredienti Ricetta

  • Farina di grano duro 1 kg
  • Sale 11 gr
  • Lievito di birra fresco 25 gr
  • Acqua tiepida 500 ml
  • Olio evo q b qb q.b.
  • Semi di sesamo qb q.b.

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 280 kcal
  • Fibre 3,5 g

La mafalda è un pane siciliano gustoso e fragrante. La sua superficie è ricoperta di sesamo.

pane fresco appena fatto

Il pane siciliano

Il pane siciliano, detto mafalda, è realizzato con semola di grano duro e la sua superficie è ricoperta di sesamo. La sua mollica soffice e la superficie dorata croccante lo rendono una vera e propria leccornia, apprezzata da grandi e piccini. Questa tipologia di pane, se realizzato in modo corretto, si conserva fino a 3-4 giorni, mantenendo la sua fragranza. Da mangiare caldo, può essere tagliato e gustato con crema di cioccolato, marmellata o formaggio.

La forma

Knead Bread pane senza impasto

Un’altra particolarità della mafalda è la forma: questo pane, infatti, può essere forgiato nei più svariati modi. Solitamente si ricava da lunghi cilindri che poi vengono ripiegati a forma di spirale o “S”, detta anche gli occhi di Santa Lucia. Altre forme che potrete trovare nei panifici sono a corona o ventaglio. Tra le varie tipologie di pani siciliani, la mafalda è sicuramente tra le più conosciute e diffuse e viene prodotta in tutta la regione. Essendo di facile realizzazione, molti lo producono anche in casa.


Leggi anche: Come fare il pane in casa

La tradizione del pane

Il pane siciliano, farcito nei modi più svariati, è stato per molti anni la merenda preferita dei bambini siciliani. In passato veniva realizzato dalle “furnare”, ovvero donne che avevano il compito di panificare per interi quartieri. I forni di quartiere, infatti, erano un’usanza molto radicata e quando l’impasto era cotto l’addetto alla cottura suonava una trombetta; a quel punto le donne che avevano impastato accorrevano al forno per ritirare il loro pane. Per differenziare i vari pani, le “furnare” apponevano un segno particolare che permettesse loro di riconoscerlo una volta cotto. Questo tipo di pane ha origini antiche: pare sia stato realizzato per la prima voltanell’Ottocento e che un maestro panificatore poi l’abbia dedicato, nei primi del Novecento, a Mafalda di Savoia.

Preparazione

Pane con Pancetta e Formaggio

  1. Impastare nella planetaria tutti gli ingredienti (se si impasta a mano, formare una fontana con la farina e versare al centro il lievito spezzettato, il sale e pian piano l’acqua) finché la consistenza non risulterà omogenea
  2. Dopo circa 10 minuti di lavorazione, dare forma all’impasto nel modo preferito e cospargere la superficie con il sesamo
  3. Disporre il pane realizzato a faccia in giù su un canovaccio spolverato precedentemente di farina (tranne per i pani che possiedono lavorazioni particolari tipo)
  4. Lasciare lievitare per circa un’ora
  5. Mettere in forno preriscaldato a 220° e lasciare cuocere per circa 35-40 minuti senza mai aprire il forno

Il pane è pronto quando sarà ben dorato in superficie