churros
Ricette

Churros fatti in casa

Una ricetta tipica della Spagna, croccante e deliziosa, da servire con zucchero e cannella, ma anche con cioccolato e dulce de leche

Arriva dalla Spagna questa ricetta sfiziosa e golosissima. Si tratta dei churros, dei simpatici dolcetti fritti molto diffusi non solo nella penisola Iberica, ma anche in Sud America. Ciò che rende speciali questi dolci fritti è la loro forma allungata e l’impasto a base di acqua, burro, zucchero e un pizzico di sale. Per prepararli basta impastare gli ingredienti, versare il composto nella sac à poche e formare dei “vermicelli” di circa 10 centimetri da friggere nell’olio bollente.

Il tocco finale è una bella spolverata di zucchero e cannella, che conferiscono ai churros un gusto davvero irresistibile. Si possono preparare anche al forno, adagiandoli su una teglia e cuocendoli a 200 gradi per 40 minuti, ma noi li preferiamo di gran lunga fritti, croccanti e profumati di cannella, da mangiare caldi, appena fatti.

In Spagna si comprano nelle bancarelle per strada e si mangiano passeggiando, mentre in Argentina, dove ne vanno pazzi, si gustano insieme al dulce de leche. Ma il modo migliore per gustarli è insieme con una bella tazza di cioccolato caldo, nel quale intingere i tuoi churros uno a uno.

Con il Bimby

Inserisci nel boccale un pizzico di sale, l’acqua, il burro e aziona il Bimby per 8 minuti alla velocità 2. Aggiungi poi la farina e fai andare ancora per 30 secondi alla velocità 5. Fai freddare l’impasto, poi aggiungi le uova e aziona alla velocità 4. Quando l’impasto sarà omogeneo e liscio versalo con un cucchiaio nella sac à poche e friggi i tuoi churros.

  • Resa: 4 Persone servite
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 5 minuti

Ingredienti

  • 250 grammi farina
  • 400 millilitri acqua
  • 2 uova
  • 200 grammi burro
  • 50 grammi zucchero semolato
  • sale un pizzico
  • olio di semi per friggere
  • zucchero a velo
  • cannella

Preparazione

  1. Per prima cosa accendete il fuoco e fate scaldare un pentolino pieno d’acqua. Poi aggiungete lo zucchero e mescolate lentamente facendolo sciogliere.
  2. Versate anche un pizzico di sale e il burro, mescolando con una frusta affinchè non si formino dei grumi.
  3. Infine aggiungete la farina e lasciate cuocere, abbassando un po’ la fiamma, sino a quando non si formerà una patina bianca.
  4. Spegnete poi il fuoco e fate intiepidire la crema lasciandola nella pentola.
  5. Quando il composto si sarà freddato impastatelo energicamente con una frusta, versando un uovo alla volta.
  6. Lavorate bene l’impasto e quando sarà bello morbido e omogeneo inseritelo in una sac à poche con una bocchetta di media grandezza a stella.
  7. A questo punto preparatevi a friggere i churros. Fate scaldare l’olio di semi, poi, quando sarà ben caldo, con la sac à poche spremete l’impasto versandolo direttamente nel pentolino, tagliando i bastoncini con le forbici a una lunghezza di 10 centimetri.
  8. Fate cuocere i churros per pochi minuti e quando saranno dorati, metteteli in un vassoio e cospargeteli con lo zucchero e la cannella.


Ricetta pizza proteica
Ricette Piatti Unici

Ricetta pizza proteica

Taralli pugliesi fatti in casa ricetta originale e con il bimby
Ricette con il Bimby

Taralli pugliesi fatti in casa: ricetta originale e con il Bimby

Maccheroncini di Campofilone al limone
Ricette Primi Piatti

Maccheroncini di Campofilone al limone

Pasta fresca senza uova con il bimby
Ricette con il Bimby

Pasta fresca senza uova con il Bimby

Come conservare i pomodori secchi
Consigli di cucina

Come conservare i pomodori secchi

Zuppa di legumi con il bimby
Ricette con il Bimby

Zuppa di legumi con il Bimby

Pasta frolla per biscotti con e senza uovo
Ricette Dolci e Dessert

Pasta frolla per biscotti con e senza uova

Biscotti al burro, morbidi e golosi
Ricette Dolci e Dessert

Biscotti al burro, morbidi e golosi

4 ricette con la Portulaca Oleracea
Consigli di cucina

4 ricette con la Portulaca Oleracea

La Portulaca Oleracea è una pianta spontanea diffusa in tutto il mondo: si usa sia in cucina sia in campo medico e le sue origini sono antichissime

Leggi di più