Baccalà alla livornese

La ricetta originale di un piatto della Toscana che ha tutto il profumo del pomodoro fresco. Un pasto completo con patate e pesce in umido

Baccala alla livornese

L’Italia è uno dei Paesi che stima più questo tipo di pesce. Stiamo parlando del baccalà ovvero filetti di merluzzo che vengono puliti messi sotto sale per tre settimane poi essiccati per diventare l”ingrediente speciale di molte ricette tradizionali italiane, in particolare in Toscana, Umbria, Sicilia, Abruzzo e Marche (in Veneto, patria del baccalà mantecato e del baccalà alla vicentina, si utilizza in realtà lo stoccafisso ovvero merluzzo solo essiccato). Oggi facciamo un salto proprio in una di queste regioni per assaggiare la ricetta del baccalà alla livornese, un piatto unico a base di pesce, patate e pomodoro… che cosa volere di più?
Non tutti aggiungono le patate alla ricetta. In questo caso potete gustarle a parte, magari proponendo delle croccanti patate al forno oppure sostituirle con del topinambur come contorno.

Le ricette a base di baccalà sono tipiche nel periodo di Natale ma nulla vieta di gustarle tutto l’anno, anche in estate quando si hanno a disposizione profumatissimi pomodori freschi, perfetti per questo piatto.

Attenzione: quando comprate il baccalà chiedete se è già stato ammollato e dissalato altrimenti rischierete di rovinare la ricetta. Se non siete sicure, provate a bollirne un pezzo piccolo e ad assaggiarlo. Se è molto salato allora la risposta alle vostre domande è no.
In commercio, sia in pescheria che in alcuni supermercati, si trova baccalà già pronto. Altrimenti basterà tenere a mollo il vostro pesce in acqua per almeno 24 ore, ricordandovi di cambiare l’acqua almeno 3-4 volte. Se il vostro pesce ha un peso superiore ai 3 kg lasciatelo in ammollo per almeno 48 ore. Per sicurezza, prima di mettervi al lavoro per questa o altre ricette, potete fare la prova della bollitura con un pezzettino di baccalà e sentire se è ancora troppo salato per i vostri gusti.

Con il bimby

Preparare il baccalà alla livornese con il bimby è facilissimo. Inserite nel boccale 1 cipolla e 1 spicchio d’aglio e tritate per 8 secondi a velocità 5. Aggiungete olio extravergine d’oliva e fate soffriggere a 100° C per 2 minuti a velocità 1. A questo punto aggiungete la polpa di pomodoro, il baccalà precedentemente ammollato, dissalato, spinato e tagliato a tocchetti, le olive nere denocciolate, un pizzico di sale e uno di peperoncino. Fate andare a 100° C per 15 minuti, velocità 1.

  • Resa: 4 Persone servite
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 20 minuti
  • Cucina:

Ingredienti

  • 800 grammi baccalà già ammollato e dissalato
  • 500 grammi polpa di pomodoro
  • 1 cipolla bianca
  • 1 spicchio aglio
  • 150 grammi farina
  • 6 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • olive nere denocciolate
  • sale
  • peperoncino
  • prezzemolo facoltativo

Preparazione

  1. Non appena il baccalà è ammollato e dissalato eliminate la pelle e le eventuali lische. Strizzatelo e asciugatelo poi tagliatelo a bocconcini.
  2. In una padella scaldate l’olio e fate soffriggere l’aglio e la cipolla.
  3. Intanto passate i bocconcini di pesce nella farina e poi dorateli per qualche minuto nell’olio caldo.
  4. Aggiungete la polpa di pomodoro, le olive, il peperoncino e regolate di sale.
  5. Fate cuocere il baccalà per circa 15 minuti e servite caldo.
    Se volete potete aggiungere una spolverata di prezzemolo fresco alla fine.


Vedi altri articoli su: Ricette Piatti Unici | Ricette Secondi Piatti |

Commenti

  • Paolo

    La pelle non va levata serve a tenere unito il pezzetto che altrimenti ne esce una zuppa, quando è cotto la pelle resta facilmene nel piatto

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *