Cocktail B52

La ricetta di un cocktail esplosivo che prende il nome da un bombardiere da combattimento

Cocktail B52_2

Il B52 Stratofortness era un potente aereo da guerra attivo nella US Air Force ed utilizzato in particolare durante la Guerra del Vietnam per il lancio delle famigerate e sinistre bombe al napalm. E già qualche indizio su quale sia l’effetto di questo popolare cocktail sul vostro stomaco si può intuire dall’origine “bellica” del suo nome: si tratta infatti di una vera bomba da maneggiare con cura e…facilmente infiammabile.

Nato con ogni probabilità in California, si beve tradizionalmente nel bicchierino “shot” – il “cicchetto” italiano – ovvero quello classico da liquore; è a base di Baileys, Grand Marnier e di Kalhua, un drink quasi nero di origine messicana che si estrae dal caffè. La sua preparazione è abbastanza semplice anche se non richiede la classica tecnica della “mescolazione” o “shakeramento” ma quella esattamente contraria del “layer”, ovvero la creazione di strati sovrapposti che rimangono separati fra loro.

Naturalmente, spulciando il web potete trovarne numerosissime varianti tra cui il “B-69”, ovvero il B-52 costruito all’inverso o il B-53 alla Vodka.

Il risultato è una miscela esplosiva! Mi raccomando…non eccedete.

B52, Aereo
B52 Stratofortness - US Air Force, 1955

Credits: cremo; Danny McL; Veebl

  • Resa: 1 cocktail ( 1 Persone servite )
  • Difficoltà:
  • Preparazione: 4 minuti

Cocktail a tecnica “layer”

Ingredienti

  • 1 /3 liquore al caffè Kalhua o Tia Maria
  • 1 /3 Baileys
  • 1 /3 Grand Marnier

Preparazione

  1. Nello shot versate il liquore al caffè (il Kalhua è quello classico ma va bene anche il Tia Maria)
  2. Aggiungete la crema al whiskey sopra allo strato precedente molto lentamente versandola sopra ad un cucchiaino da cocktail tenuto al contrario, in modo che il liquore “scorra” sulla parte convessa depositandosi sullo strato precedente senza mischiarsi
  3. Ripetete la medesima operazione con il Gran Marnier


Vedi altri articoli su: Ricette Cocktail |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *