Parigi Haute Couture A/I 2018: i migliori abiti visti in passerella

La Parigi Haute Couture conferma la sua vocazione lussuosa e raffinata, ma mostra anche un nuovo passo sperimentale e contemporaneo.

Parigi Haute Couture - Fonte Instagram @dior
Parigi Haute Couture - Fonte Instagram @dior.

Il lusso e l’eleganza dei red carpet hanno sfilato dall’1 al 5 luglio nella Ville Lumière in occasione di Parigi Haute Couture A/I 2018.

La manifestazione ha confermato la sua attitudine sfarzosa e aristocratica, ma ha anche dimostrato di sapere cogliere le suggestioni e le tendenze che guidano il mercato. Tra alta sartoria, tradizione, provocazione e una comune ricerca del bello, gli stilisti e le maison presenti hanno offerto un eccezionale spettacolo fashion.

Qui trovate una selezione dei migliori abiti visti in passerella.

Giorgio Armani Privé

Per la stagione A/I 2018, Giorgio Armani punta su uno dei suoi pezzi iconici: il tailleur.

Lo stilista lo rivisita in colori e materiali che ricordano i metalli preziosi, inserendo lavorazioni e intarsi lussuosi. Nella nuova collezione Haute Couture c’è spazio anche per pantaloni ampi e morbidi dall’eleganza senza tempo e per lussuosi abiti lunghi che esplorano forme e volumi diversi.

Chanel

Il tailleur è grande protagonista anche della collezione A/I 2018 di Chanel.

Diversamente da Re Giorgio, il Kaiser Karl Lagerfeld sceglie un tessuto che è un emblema di portabilità e quotidianità, il tweed, ma (ovviamente) lo arricchisce di dettagli come incrostazioni di cristalli e paillettes.

Le spalline marcate e le gonne lunghe con ampio spacco sovrapposte a mini e micro gonne si candidano a diventare un must dei prossimi red carpet.

Valentino

Valentino Haute Couture - Fonte Instagram @maisonvalentino.
Il capo chiave della proposta Haute Couture di Valentino per la stagione A/I 2018 è la cappa.

Pierpaolo Piccioli gioca con le lunghezze, i volumi e i materiali e propone una serie di spettacolari mantelle declinate in colori vibranti, in tinta unita e in stampe sontuose.

Gli abiti con maxi balze e ruches completano una collezione sospesa tra favola e futurismo.

Christian Dior

Christian Dior sceglie il minimalismo e l’essenzialità come fil rouge della sua collezione A/I 2018.

Gli abiti che disegnano il busto, segnano il punto vita e si aprono in morbide gonne a corolla sono piccoli gioielli di eleganza e sartorialità. Ma non sono l’unica meraviglia della proposta pensata da Maria Grazia Chiuri per la nuova stagione dell’alta moda.

I vestiti tutù e le giacche con maniche sovrapposte sono un vero e proprio inno alla femminilità.

Viktor & Rolf

I colletti composti da apparentemente infiniti strati di ruches, le maniche con applicazioni che ricordano la cresta di un drago, le maxi lettere, il bianco abbacinante, le trasparenze fanno della proposta di Viktor & Rolf A/I 2018 una delle collezioni più audaci della Parigi Haute Couture e confermano la vocazione sempre più moderna e sperimentale della manifestazione.

Ovviamente, nel segno del lusso.

Schiaparelli

Schiaparelli ha lasciato il segno alla Parigi Haute Couture con una serie di sensuali abiti dal mood animalier.

Il rimando al regno animale è magico, voluttuoso, giocoso ed è narrato non solo nelle fantasie e nei colori, ma anche nelle forme.

Davvero memorabile la jumpsuit con cappuccio con orecchie da coniglio.

Givenchy

Clare Waight Keller rende omaggio al fondatore della maison, Monsieur Hubert, con una collezione ricercatissima, raffinata e classica, ma allo stesso tempo seducente, avvolgente e contemporanea.

Piume, paillettes ed eccezionali corpetti d’oro regalano alla collezione A/I un’aura incredibilmente lussuosa e glamour.


Vedi altri articoli su: Abbigliamento | Collezioni | Fashion Weeks | Parigi Fashion Week | Sfilate |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *