Milano Fashion Week FW 2018-2019: donne al potere

Sensualità, forza, coraggio ed energia. La Milano Fashion Week FW 2018-2019 ha portato in passerella una donna potente e sicura di sé.

Roberto Cavalli, Prada e Versace alla MFW FW 2018-2019.
Roberto Cavalli, Prada e Versace alla MFW FW 2018-2019.
  • Roberto Cavalli, Prada e Versace alla MFW FW 2018-2019.
  • Abiti Prada in neoprene alla MFW FW 2018-2019.
  • Abito Prada con fiori alla MFW FW 2018-2019.
  • Scarpe Prada fiammeggianti alla MFW FW 2018-2019.
  • Borsa a mano Prada alla MFW FW 2018-2019.
  • Abito con linee diagonali asimmetriche Roberto Cavalli alla MFW FW 2018-2019.
  • Cappotto in pelle bordeaux Roberto Cavalli alla MFW FW 2018-2019.
  • Abito + pantaloni fluidi Roberto Cavalli alla MFW FW 2018-2019.
  • Abito fluttuante Roberto Cavalli alla MFW FW 2018-2019.
  • Cappotto in cammello Versace alla MFW FW 2018-2019.
  • Completo tartan Versace alla MFW FW 2018-2019.
  • Abiti drappeggiati Versace alla MFW FW 2018-2019.
  • Mini dress multicolor Versace alla MFW FW 2018-2019.
  • Abito + completo dallo stile sofisticato Giorgio Armani alla MFW FW 2018-2019.
  • Abito in velluto Giorgio Armani alla MFW FW 2018-2019.
  • Giacca rossa Giorgio Armani alla MFW FW 2018-2019.
  • Completo beige dalle linee fluide Giorgio Armani alla MFW FW 2018-2019.

Dopo un inizio col botto, ma soprattutto animato da una infuocata discussione per il cyborg show di Gucci, la Milano Fashion Week FW 2018-2019 è letteralmente corsa via un giorno dietro l’altro, proponendo un susseguirsi incalzante di show e sfilate.

Come già era accaduto durante le settimane della moda di New York e Londra. Le collezioni sono state tante, tantissime e tra le case di moda e gli stilisti che sono saliti in passerella ci sono stati anche Prada, Roberto Cavalli, Versace e Giorgio Armani.

Prada

Per presentare la collezione autunno/inverno 2018-2019, Miuccia Prada ha scelto una location molto particolare: la torre (ancora) in costruzione che va ad ampliare gli spazi già esistenti della Fondazione Prada.

Come ha dichiarato nella conferenza stampa prima della sfilata, la stilista ha portato in passerella una donna forte, femminile e potente, facendosi ispirare da paesaggi notturni e post industriali, illuminati da vivide luci al neon: “Mi piaceva l’idea della notte. La notte come luogo di avventura, di libertà e dei suoi stessi limiti”.

Il risultato sono una serie di capi dall’attitudine sportiva, ma allo stesso tempo elegante, seducente e femminile, realizzati con materiali tecnici e d’avanguardia come nylon, PVC e neoprene e tessuti preziosi quali tulle, shearling, jersey e maglia.

Roberto Cavalli

C’è l’heritage di Roberto Cavalli ed una nuova attitudine sensuale e allo stesso tempo “confortevole” nella collezione disegnata da Paul Surridge per la collezione F/W 2018-2019. È stato lo stesso stilista a rivelarlo nell’incontro con i media prima della sfilata: “Per me, il glamour è sicurezza e fiducia in se stessi e la sicurezza e la fiducia in se stessi sono comfort”.

Ma come è riuscito a dare forma alla sua idea, il direttore creativo succeduto a Peter Dundas alla guida della maison? La risposta sta negli abiti fluttuanti e nei capispalla dalle linee diagonali asimmetriche, nelle jumpsuit fascianti e nei pantaloni dal mood rockeggiante, oltre che in una scelta di materiali che contrappone alla leggerezza impalpabile dello chiffon lo stile anticonformista e ribelle della pelle.

Versace

Abiti drappeggiati da diva con collo cagoule, giacche e cappotti in cammello, short dress dalle linee asimmetriche, maxi bluse indossate su pantaloni attillati, gonne a pieghe, tubini e tanto altro ancora, tutto declinato in una palette di colori e di stampe vivace, accesa ed energetica e dove il tartan è assoluto, indiscusso protagonista.

Donatella Versace ha mescolato suggestioni anni ’80, heritage e atmosfere moderne e futuristiche in una collezione A/I 2018-2019 grintosa e sgargiante, che rende omaggio e celebra il “clan”, inteso come famiglia, ma anche – soprattutto – come gruppo di affini.

Ed è proprio questo che la stilista ha dichiarato nella conferenza prima dello show: “[Le donne, n.d.r.] oggi sanno che nulla è acquisito per diritto di nascita, ma va guadagnato attraverso il successo”.

Giorgio Armani

Giorgio Armani ha mescolato tradizione, sperimentazione e l’ispirazione fornita da diverse culture per realizzare una collezione autunno/inverno 2018-2019 che è “un’ode alla inclusività, in contrapposizione all’esclusione”.

Utilizzando una palette di colori gioiello in contrasto con nero, blu cupo e grigio polvere e materiali come velluto, seta, lana, maglia ed ecofur, lo stilista ha portato in passerella una serie di capi dall’eleganza senza tempo, pensati per vestire una donna dalle tante sfaccettature: sofisticata e pragmatica, classica e contemporanea, formale e casual.


Vedi altri articoli su: Abbigliamento | Collezioni | Fashion Weeks | Milano Fashion Week | Sfilate |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *