La donna gipsy e romatica di Just Cavalli

Just Cavalli porta in passerella una donna eclettica e colorata di tinte romantiche e calde. L'ispirazione anni '70 si presentata in chiave moderna.

La donna di Just Cavalli è gipsy e romantica
La donna di Just Cavalli è gipsy e romantica
  • La donna di Just Cavalli è gipsy e romantica
  • Dominio di colori terrosi, come il rosso mattone, e fantasie geometriche e simmetriche su abiti e cappotti
  • Piume marabù, fil-rouge della collezione
  • Cappotti A line in pelliccia optical art e abitini nelle varie declinazioni di rosso
  • Mood anni '70
  • Donna eclettica e frizzante. Il look è retrò ma modernizzato
  • Colori caldi come l'ocra
  • Stampe damascate tipiche della Firenze del Rinascimento
  • Leggere e svolazzanti pellicce ecologiche
  • Cromie calde e romantiche
  • Completo con abbondanza di ocra
  • Fabtasie optical
  • Pelliccia ecologiche con mood animalier
  • Abito giallo senape
  • Abito rosso con dettagli animalier
  • Gonna con stampa geometrica e lupetto
  • Abitino leggero alterna fantasia e monocromia sui toni dell'ocra
  • Animalier, cifra stilistica del brand Just Cavalli
  • Le fantasie geometriche e simmetriche corrono su abiti e cappotti
  • Dominanza di rosso e delle sue varie sfumature
  • La donna Just Cavalli osa, sperimenta nuovi stili
  • Abito fantasia in pieno mood anni '70
  • Pelliccia rosso mattone svolazzante su abito stampato

Just Cavalli sottolinea con forza il suo stile unico, difficilmente confondibile, il chiaro richiamo alla libertà. Vestire può fare la differenza rispetto al volgo.

Panta stretch e fantasie rinascimentali. Il gusto del retrò moderno

Il brand fiorentino punta sulla donna giovane, eclettica, frizzante, il look è retrò ma modernizzato.
Qualche elemento clou della collezione: i pantaloni stretch, aderenti come una seconda pelle, in netto contrasto con leggere e svolazzanti pellicce ecologiche; i cappottini in velluto con colli ricamati, stampe geometriche e fantasie damascate tipiche della Firenze del Rinascimento; le camicie di pizzo e borse in nappa e struzzo da portare sottobraccio; scarpe con tacco alto e solido.

Festival anni ’70

In passerella le cromie romantiche fanno da padrone, la tecnica, affinatissima, accompagna lo show. L’eco degli anni Settanta si fa prepotente: dalle lunghezze rasenti il suolo ai colori terrosi – rosso mattone, ocra, senape, giallo – e le fantasie geometriche e simmetriche che corrono dinamiche su abiti e cappotti, dal ritorno della vita alta al dolcevita, fino agli accessori etnici.

Donne che osano

Il risultato ottenuto dalla nuova collezione Just Cavalli? Una donna gypsy romanticamente avvolta da abiti rossi, nelle varie declinazioni di rosso, da minidress, cappotti A line in pelliccia optical art, tailleur in stampa tapestry, gonne in marabù e per finire le stampe animalier, carattere distintivo del brand fin dalla sua nascita. Si tratta di una femminilità “cangiante” che, talvolta, abbandona il look “Festival anni ’70” per imbracciarne altri: l’eleganza austera di una pelliccia total black, intramontabile piece.
Osare è la regola, su questo “peso” è tarata l’intera collezione. Perchè stravolgere i look e rinnovarsi continuamente è bellissimo, entusiasmante.
It-elements della sfilata Just Cavalli: le piume marabù, fil-rouge della collezione.


Vedi altri articoli su: Fashion Weeks | Milano Fashion Week | Sfilate |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *