Krizia primavera-estate 2014: animalier e bon ton contemporaneo

La bella stagione tra tigri, zebre e "ombre della foresta" su linee a trapezio nella collezione primavera/estate

Animalier bon ton e tessuti nude look per la primavera-estate 2014 di Krizia
Animalier bon ton e tessuti nude look per la primavera-estate 2014 di Krizia
  • Animalier bon ton e tessuti nude look per la primavera-estate 2014 di Krizia
Una donna bon ton che veste abiti in grado di risaltare la silhouette, che ama l’animalier, i tessuti che giocano con le trasparenze creando effetti nude look: è questa la collezione primavera/estate 2014 proposta da Krizia in occasione della Settimana della Moda di Milano.

La bella stagione

Capi da indossare durante La bella stagione, questo il nome della collezione targata Krizia presentata a Milano Moda Donna, che pensa a volumi versatili, abiti con dettagli preziosi, nastri, organza, plissé e ricami che sfilano copiosi in passerella su vestiti con stampe geometriche alternati a capi d’ispirazione navy dove a farla da padrone è il blu. Linee a trapezio per i capispalla, tagli ricercati per gli abiti su cui campeggiano moderne stampe animalier e un trionfo del plissé sugli abiti da sera. È un bon ton contemporaneo quello della primavera/estate 2014 di Krizia che si rivolge a una donna sofisticata che di giorno indossa capi dalle spalle arrotondate, rete e tessuti differenti (perlopiù plissettati), mentre per la sera opta per abiti lunghi nelle tonalità dell’oro, argento e ottone in organza e ricami in paillettes in nuance che vanno a sfumare.

Ad ogni modo, il vero padrone della passerella è l’animalier di tigri, zebre e “ombre della foresta” – come dicono dalla maison – supercolorato (si va dal bianco al blu intenso) e rivisitato in chiave astratta, non pacchiano ma divertente e glamour grazie ai tagli geometrici degli abiti e i preziosi ricami presenti su tutta la lunghezza dei capi. Ma la donna Krizia è anche sensuale: ecco dunque sfilare l’organza e inserti di fasce opache per un effetto nude look elegante e sensuale.

Per questa collezione, che fin da subito sembra aver accolto numerosi consensi, la maison non ha puntato solo sulla ricercatezza delle linee, delle forme e dei volumi. Grande attenzione è stata riposta anche per i materiali: organza giapponese, seta e chiffon si alternano a capi in pelle bianca laserata, placcata oro, rete e giochi di tessuti sovrapposti. Una collezione luminosa, bon ton contemporaneo, e che sa di primavera.

Orli corti, linee affusolate, a trapezio ed estremamente comode, gonne glam, patchwork, sapienti giochi vedo non vedo, colori freschi che spaziano da look total white e total black all’azzurro, blu intenso, crema, oro e verde. Le scollature sono vertiginose nei lunghi abiti che fluttuano in passerella, mentre i kimono, gli abiti di paillettes e le giacche stringono il punto vita risaltando la silhouette femminile. Ai piedi sandali alti o décolleté bianche e nere.


Vedi altri articoli su: Fashion Weeks | Milano Fashion Week |

Commenti