Viaggio di nozze a Dubai

Metropoli moderna per eccellenza, Dubai è perfetta come meta per il viaggio di nozze. Nella città convivono le due anime, nuova e vecchia, tra maestosi grattacieli e caratteristici souk

Dubai, città moderna / wikipedia / da flickr / Sarah_Ackerman
Dubai, città moderna / wikipedia / da flickr / Sarah_Ackerman
  • Dubai, città moderna / wikipedia / da flickr / Sarah_Ackerman
  • Burj Al Arab, Dubai / pixabay
  • El Burj Khalifa / @flickr / chusico
  • Città vecchia, Dubai / @flickr / Olivier de Jong
  • Dubai, acquario / Pixabay
  • Aquadventure dell’ Atlantis The Palm / @flickr / neekoh.fi
  • Dubai Museum / wikimedia
  • Shawarma Dubai / @flickr /  Imran Ahmed
  • Bastakiya Quarter, Dubai / wikipedia
  • Souk Dubai / wikimedia
  • Grand Mosque Dubai / wikipedia
  • Jumeirah Mosque, Dubai / @flick / Elvis Payne
  • Sheikh Saeed Al Maktoum House / @flickr / Ian Lloyd
  • Gravity Zone, Dubai / wikipedia
  • Dubai Shopping Festival / @flickr / Omar Chatriwala

Surreale come poche sul panorama mondiale, Dubai è la meta moderna più di tendenza, capace di stregare e incuriosire per la sua mistura di anime: il lusso di svettanti grattacieli da un lato, le moschee e i souk della vecchia Dubai dall’altro. E proprio per le due variabili estremamente affini a Dubai, modernità e maestosità, la città può definirsi Las Vegas del Medio Oriente. I novelli sposi avranno divertimento assicurato e mille attrazioni a disposizione durante il viaggio di nozze.

Un po’ di storia

Come molte città degli Emirati Arabi, anche Dubai era una cittadina di commercianti e pescatori con case in gesso e capanne in foglia di palma. La storia antica di questa zona non è ben nota, alcuni ritrovamenti archeologici riscontrerebbero la presenza umana  sin dal 3000 a.C.
La posizione strategica, tra il Mare Mediterraneo e l’Oceano Indiano, ha tanto influito sulla vocazione di questi popoli al commercio: dalla civiltà Magan ai Sasanidi, agli Omayyadi e fino all’approdo di portoghesi e inglesi. Nel XIX sec. la dinastia Al-Maktoum, che ancora oggi governa l’emirato, riprese il controllo della zona e concesse una totale esenzione fiscale per i commercianti stranieri, un passo cruciale per lo sviluppo economico di Dubai.

Le due anime di Dubai

Due lati di una stessa medaglia, la natura appariscente e quella più spontanea, convivono benissimo e rendono ancora più accattivante il viaggio di nozze a Dubai. È come ascoltare il racconto di una storia in due tempi: un passato di tradizione e cultura fatto di torri del vento, moschee, shwarma e suq; un presente di alberghi mozzafiato, spiagge bianche, squisitezze da gourmet e shopping.
Della parte vecchia di Dubai sono assolutamente da non perdere:

  • La più vecchia scuola di Dubai, Al-Ahmadiya School, costruita nel 1912 dallo sceicco Mohammed bin Ahmed bin Dalmouk . É una residenza con cortile, decorata con splendidi pannelli in gesso.
  • Il Bastakiya Quarter caratterizzato da stradine labirintiche puntellate da torri del vento e mercati.
  • Il Dubai Museum, presso il Al-Fahidi Fort, l’edificio più antico della città costruito intorno al 1790.
  • La Grand Mosque con molte cupole e il più alto minareto della città.
  • Il più grande e forse il più importante sito archeologico degli Emirati Arabi Uniti, il Jumeirah Archaeological Site.
  • In cima alla lista delle cose da fare compare senza dubbio la Jumeirah Mosque, splendida moschea visitabile solo con tour guidati.
  •  La residenza della famiglia governante Al-Maktoum, Sheikh Saeed al-Maktoum House datata al 1896.

I due quartieri e le due facce della città, antico e nuovo, sono divise da un confine naturale: il fiume navigabile, sono molto carine le gite in barca.

Attrazioni dalla città maestosa

Dal Burj Khalifa in poi, Dubai si presenta come un luogo incantato, dove l’immaginazione diventa realtà. Il grattacielo più alto del mondo, Burj Khalifa, è uno spettacolo di design e maestosità, un’opera di arte moderna al cui interno le vetrate offrono una visuale d’eccellenza su Dubai. Tappa imperdibile è senza dubbio l’Aquadventure dell’ Atlantis The Palm, specie se si è temerari e non si soffre di vertigini. Il maestoso parco divertimenti acquatico permette agli sposini di fare il bagno con i delfini, di farsi fotografare in compagnia delle foche marine, di esplorare l’acquario lanciandosi dagli scivoli di Torre Poseidon. Tra montagne russe e simulatori di guida, due altre fermate obbligatorie sono il cinema di Maranello e la Galleria Ferrari, il parco divertimenti dedicato al mondo Ferrari e dotato di mille attrazioni. A proposito di confine tra realtà e immaginazione, Dubai può ritenersi uno dei luoghi più esemplificativi dell’attributo “maestoso”, basti pensare Burj Al Arab, uno degli alberghi più lussuosi e particolari al mondo per la sua forma a vela e le 202 suite da mille e una notte. Altro elemento spettacolare è che, durante il giorno, l’hotel si tinge dei colori dell’arcobaleno, a mezzanotte l’atmosfera diventa lunare. E proprio per il fatto che a Dubai si fanno e si vedono cose fuori dall’ordinario, gli sposini potranno sollecitare l’adrenalina testando la “Gravity Zone”: qui si praticano sport estremi come un bel tuffo nel vuoto con il Bungee Jumping.

Cosa fare a Dubai

Molte sono le cose da fare a Dubai e la prima in ordine di importanza è lo shopping nei souk tradizionali, negli enormi centri commerciali o nelle  boutique di moda. Da dicembre a febbraio, ad esempio, si tiene il Dubai Shopping Festival: i centri commerciali si animano di spettacoli per bambini e fuochi d’artificio. Dal lato notturno ci si può intrattenere con la musica live Oud o marocchina, musica dance con i DJ più famosi del mondo e nei caffè dove fumare la tradizionale sheesha (pipa ad acqua).
A Dubai si tengono anche grandi eventi sportivi come Il torneo Dubai Rugby Sevens; la Dubai Desert Classic, con i migliori giocatori di golf del mondo, ospitata nell’Emirates Golf Club; la Class One World Offshore Championship; una tappa del FIA Cross Country Rally World Cup, il UAE Desert Challenge e poi il Dubai Tennis Championships.


Vedi altri articoli su: Viaggio di nozze |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *