Collana Tricotin: foto tutorial passo per passo

Non c'è regalo più bello per una mamma che condividere il tempo libero con i suoi bambini, e se questo significa anche creare con loro un gioiello da portare con orgoglio allora.... mettiamoci all'opera!

0_Collana tricotin e perle di legno
Una collana per la festa della mamma da fare con i bambini, da regalarsi e da regalare

Per la festa della mamma abbiamo creato magiche stampe con la carta vetrata e abbiamo regalato spille fatte con il metro da sarta, quest’anno vogliamo proporvi un accessorio bijoux che metta i vostri bimbi al lavoro esercitando la loro manualità: ne saranno entusiasti e troveranno questa attività così divertente da volerla ripetere in moltissime altre occasioni.

Partiamo con lo strumento necessario a realizzare questa collana: il Tricotin o Caterinetta o Spool Knitter.

1_Tricotin
Il tricotin: un semplice strumento per creare tubolari di filato

Nella sua versione classica si tratta di un cilindro sagomato di legno cavo al centro con quattro gancetti nella parte superiore. Viene venduto con un ago di legno necessario per la lavorazione del filato. A questo proposito vi consiglio di sostituire l’ago in dotazione con un uncinetto perché la lavorazione risulterà molto più agevole.

Per quanto riguarda la tecnica di lavorazione, mi servirò di alcune foto per spiegarvi i passaggi (vedrete che è più facile a farsi che a dirsi) per creare i tradizionali tubolari di filato che potranno poi essere utilizzati in svariati modi.

Innanzitutto è necessario infilare il filo all’interno del cilindretto.

Lavorazione dei tubolari con il tricotin: l'aggancio del filo

Come potete vedere, basterà infilare un uncinetto (adatto alla dimensione del filato) all’interno della zona cava, agganciare il capo del vostro gomitolo e tirarlo verso il basso.

La prima fase della lavorazione è quella che determina la corretta creazione delle maglie quindi non dovrete fare altro che seguire i passaggi indicati nelle foto seguente.

Lavorazione dei tubolari con il tricotin: creazione del primo giro di maglia

Si tratta semplicemente di incrociare il filo attorno ai ganci, avendo  cura negli ultimi tre passaggi di far scorrere il filo al di sopra del filo già bloccato dal gancio. Per evitare che il filo sciolto fuoriesca dal tricotin, tenetelo bloccato per i primi due passaggi, poi non sarà più necessario poiché saranno gli stessi incroci a tener bloccato il tutto.

In questo modo avrete creato la struttura portante del vostro tubolare. Per proseguire con il lavoro ecco i passaggi successivi.

Lavorazione dei tubolari con il tricotin: avvio del lavoro

Partite dal terzo gancio in senso anti orario e agganciatevi con l’uncinetto al filo inferiore (foto 10), tirate il filo verso l’esterno (foto 11) e, bloccando il filato superiore, estraete la maglia inferiore dal gancio (foto 12). Ruotate quindi il tricotin di 1/4 di giro, appoggiate il filo libero sul gancio successivo (al di sopra del filo precedentemente agganciato) e procedete come nel passaggio precedente (foto 13, 14, 15).

Da questo momento in poi non dovrete fare altro che ripetere questi passaggi tante volte quanta la lunghezza del tubolare che avrete bisogno, verificando che guardandola da sopra la struttura delle maglie abbia questo aspetto.

Lavorazione dei tubolari con il tricotin: le maglie viste dall'alto

Man mano che proseguite con il lavoro tirate il filo libero verso il basso e estraete il tubolare.

Il tubolare di maglia lavorato con il tricotin

Una volta ottenuta la lunghezza desiderata sganciate il tubolare come indicato di seguito.

Lavorazione dei tubolari con il tricotin: la chiusura

Tagliate il filo ancora agganciato al gomitolo (rimanete un po’ abbondanti per evitare che il lavoro si sciolga), sganciate ad una ad una le maglie dai gancetti avendo cura di lasciare i 4 occhielli aperti (figura 16) e inserite l’uncinetto negli occhielli (figura 17); a questo punto agganciate il filo libero (figura 18) e fatelo passare attraverso gli occhielli (figura 19) evitando di estrarre completamente il filo, agganciatelo di nuovo al capo libero (figura 20) e estraetelo fino alla fine (figura 21). Il vostro tubolare è pronto.

Una volta appresa la tecnica vi renderete conto della facilità del lavoro.

A questo punto però vi renderete conto che questo tipo di attrezzo può supportare solo filati piuttosto sottili (altrimenti il tubolare non riesce a passare attraverso la zona cava). E’ per questo che oggi vi faremo vedere come con semplici materiali potrete creare un tricotin adatto a qualsiasi tipo di filato e soprattutto adatto anche ai bambini!

Occorrente

Tutto quello di cui avete bisogno è:

  • Un rotolo di cartone (quello della carta igienica ad esempio)
  • Quattro stecchini di legno (del ghiacciolo o di quelli “abbassalingua”)
  • Scotch resistente

Procedimento

Non dovete fare altro che posizionare i quattro stecchini in modo equidistante e simmetrico attorno alla circonferenza del rotolo di cartone e bloccarli con lo scotch.

Il tricotin fai-da-te: basta un rotolo di carta igienica e dei bastoncini di legno

Lavorando esattamente come vi abbiamo mostrato nelle foto precedenti e facendovi aiutare dai bambini potrete creare dei tubolari di vario spessore per creare un gioiello che qualsiasi mamma potrà indossare con orgoglio.

A questo proposito vi basteranno il tubolare e alcune perle di legno naturale.

Tubolare e perle di legno: Pochi elementi per una collana di grande effetto

Non dovrete fare altro che infilare le perle di legno lungo uno dei capi del tubolare, annodate quindi i capi dello stesso (avendo cura di nascondere il nodo all’interno di una delle perle di legno) e tagliate la parte che avanza.

La perle di legno aiutano a dare consistenza alla collana

Questo sarà il risultato (con l’aggiunta di un piccolo dettaglio colorato).

Anche le mani dei bambini possono creare meravigliosi bijoux di filato

È vero, il regalo alla mamma non dovrebbe farselo lei stessa, ma cosa c’è di meglio che regalarsi del tempo condiviso con i propri bambini creando un accessorio unico e di inestimabile valore?

E poi nessuno vi vieta di regalarlo a mamme e nonne amiche.

Se volete altre idee per la Festa della Mamma, perchè non pensare ad un fantastico biglietto 3d, magari corredato da un dolce pensiero o da un altrettanto sorprendente poesia dedicata a questa particolare giornata?

Auguri a tutte le mamme!


Vedi altri articoli su: Décor e Fai da te | Feste e ricorrenze | Lavoretti per la Festa della Mamma | Riciclo creativo |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *