rimedi nausea in gravidanza

Combattere la nausea in gravidanza

Come affrontare il voltastomaco senza ricorrere a farmaci

La nausea in gravidanza è un fenomeno piuttosto comune dovuto alle variazioni ormonali e può essere combattuto con rimedi naturali o veri farmaci per le insorgenze più fastidiose. L’aumento dei livelli di ormone beta HCG e degli estrogeni dovuto alla gestazione comporta un’accelerazione del metabolismo e quindi un consumo più veloce dei carboidrati: si crea così un deficit di zuccheri responsabile della odiosa nausea.

Ogni donna ha la sua esperienza

Il disturbo in genere compare nei primi mesi, e precisamente dalla sesta settimana fino alla dodicesima circa, ma le statistiche non hanno molto senso perché ogni gestante ha la sua esperienza personale, influenzata anche dalla psiche: per questo può capitare anche che la stessa donna abbia reazioni differenti per gravidanze diverse.

L’atteggiamento mentale conta ma non è sufficiente: l’entusiasmo aiuta a gestire i sintomi in modo più tranquillo e sicuramente consente di rilassare i tessuti, ma in alcuni casi è il corpo che prende il sopravvento e purtroppo non c’è “sorriso” che tenga.

I piccoli rimedi aiutano

La futura mamma deve ricordare sempre che la nausea è un fenomeno in genere transitorio, che colpisce per lo più di mattina e che non comporta alcun male per il nascituro. Ma per stare meglio è possibile ricorrere anche a qualche piccolo accorgimento privo di effetti collaterali, perché è vero che il sacrificio sarà ampiamente ripagato al momento della nascita, ma è anche giusto cercare di soffrire il meno possibile.

Si può combattere la nausea in gravidanza con spuntini a base di alimenti secchi come biscotti, fette biscottate o crackers, evitando grandi abbuffate e di bere troppo a digiuno. Durante i pasti è opportuno consumare sempre una moderata quantità di carboidrati come patate, pane o pasta e per alleviare la digestione è consigliabile fare una piccola passeggiata e non distendersi per almeno un’ora.

Spezie e aromi alleati del benessere

zenzero contro la nausea
Per alcune donne esistono degli odori forti scatenanti, come ad esempio l’aroma del caffè o la cipolla: allora il suggerimento è di eliminare gli alimenti che già solo tramite l’olfatto possono scatenare il voltastomaco. Al contrario esistono alcune spezie che possono aiutare molto, come lo zenzero che può essere assunto tramite tisane, integratori specifici e caramelle (sempre con moderazione e dopo aver sentito il parere del medico). Se il disturbo deriva dal senso di pesantezza che assale dopo i pasti principali si può fare ricorso al limone e acqua. Il freddo è un ottimo rimedio, per cui si può fare un uso, moderato, di ghiaccioli, per evitare di assumere troppi zuccheri.  Il rischio è infatti quello di ingrassare eccessivamente per evitare la nausea. Va trovato allora il giusto equilibrio tra salute e disturbi, armandosi di una grande dose del rimedio migliore: la pazienza. In ogni caso, chiedete consiglio al vostro medico: saprà sicuramente indicarvi la via giusta, e non dannosa, per ovviare a questo spiacevole sintomo!



Quale carne posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale carne posso mangiare in gravidanza

Sesso del bambino 10 modi simpatici per annunciarlo
Gravidanza

Sesso del bambino: 10 modi simpatici per annunciarlo       

Gravidanza si può prendere il sole
Gravidanza

Gravidanza: si può prendere il sole?  

Voglie in gravidanza, verità o leggenda
Gravidanza

Voglie in gravidanza, verità o leggenda?

Quale pesce posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale pesce posso mangiare in gravidanza

Integratori in gravidanza, quali assumere
Gravidanza

Integratori in gravidanza, quali assumere

Quale carne posso mangiare in gravidanza
Gravidanza

Quale carne posso mangiare in gravidanza

Quale crema solare usare in gravidanza
Gravidanza

Quale crema solare usare in gravidanza

Bambini ipertonici, sintomi e rimedi
Malattie Bambini

Bambini ipertonici, sintomi e rimedi 

Gli esperti definiscono “ipertonici” i bambini che hanno un tono muscolare “rigido, duro”. Non si tratta di una peculiarità bensì di un disturbo neurologico che se individuato per tempo si può tranquillamente curare.

Leggi di più