Orto e bambini: binomio vincente
Asilo e Scuola

Agriscuole: quando i banchi di scuola si spostano all’aperto

Un nuovo modo di imparare che si sta diffondendo anche nel nostro Paese.

Nel 2004 Slow Food ha aperto i primi “Orti in condotta” nelle scuole d’infanzia e primarie, un nuovo approccio all’educazione che si basa sull’apprendimento pratico e sul rapporto con la natura.

In Italia esistono già diverse “scuole all’aperto” e il fenomeno è in continua crescita. Si parte dall’Agrinido per bambini dai tre mesi ai tre anni, per poi passare all’Agriscuola, per i bimbi dai tre ai sei anni.

Un’ottima opportunità per insegnare ai bambini a conoscere e apprezzare i prodotti locali, nonché per avvicinarli alla natura.

L’apprendimento attivo delle agriscuole

Non più le vecchie aule cupe e distaccate, con i banchi in fila e l’insegnante che cerca di far memorizzare i concetti. La nuova frontiera dell’apprendimento si sposta all’aperto e insegna ai bambini a “saper fare”. Al bando, dunque, l’apprendimento passivo.

Queste scuole promuovono un insegnamento alternativo che deriva da un ambiente esterno, che richiede curiosità e proattività da parte degli allievi. I piccoli alunni, infatti, devono sviluppare la volontà di imparare. I bambini imparano così a esplorare e ipotizzare spiegazioni sui fenomeni che osservano, nonché a cercare in base a quello che vogliono individuare.

Il metodo educativo innovativo di queste scuole si basa sugli insegnamenti che la natura offre. Le agriscuole sono fondate, inoltre, sul rispetto per l’ambiente e l’ecosistema (ecco come insegnarlo ai bambini). In quest’ottica anche le infrastrutture sono vicine alla natura. I giochi sono in legno o vengono costruiti dai bambini stessi con cartoni e stoffe e i pannolini sono rigorosamente biodegradabili o lavabili.

Non solo colori e forbicine negli armadietti scolastici dei bambini! I piccoli esploratori devono essere muniti di zappa, stivali da orto, rastrelli e molto altro.

Tante attività tutte da scoprire

Se le grandi città e la tecnologia sono responsabili dell’allontanamento dei bambini dalla natura, l’agriscuola può essere d’aiuto per cercare di ricongiungerli.

Fra le attività proposte dalle agriscuole troviamo – per i più piccini – la ricreazione nell’orto e la raccolta dei frutti, l’osservazione degli animali che producono e forniscono il cibo, lo studio delle stagioni e degli uccelli. Si passa poi a nutrire gli animali e farli crescere.

Per i più grandicelli le attività diventano ancora più interessanti. Si passa dalla coltivazione dell’orto (seguendo tutto il ciclo dall’aratura alla semina fino al raccolto) a laboratori per studiare le erbe aromatiche fino alla preparazione della merenda con gli alimenti da loro coltivati.

I bambini che frequentano queste scuole sviluppano autonomia e manualità, curiosità e fiducia in se stessi. Il tutto condito dai benefici delle attività all’aria aperta e del cibo genuino. Le agriscuole sono dunque un concentrato di salute, apprendimento e divertimento.



Pagelle
Asilo e Scuola

Pagelle in arrivo, come aiutare tuo figlio a recuperare?

Asilo e Scuola

Black Friday: sconti su Skuola.net | Ripetizioni per un aiuto alla pagella di tuo figlio

Ritorno a scuola
Asilo e Scuola

Ritorno a scuola: i figli sono pronti per tornare in classe? I consigli utili per aiutarli

Come aiutare i bambini a tornare a scuola post covid
Asilo e Scuola

Come aiutare i bambini a tornare a scuola post covid

Back to school cosa comprare per la scuola
Asilo e Scuola

Back to school: cosa comprare per la scuola

Fine anno con insufficienze Sette consigli per preparare tuo figlio al back to school
Asilo e Scuola

Fine anno con insufficienze? Sette consigli per preparare tuo figlio al back to school

Anticipatari a scuola i pro e i contro della primina
Asilo e Scuola

Anticipatari a scuola: i pro e i contro della primina

Asilo e Scuola

Micro nido e scuola dell’infanzia bilingue Green Dadà

A che età i bambini possono avere il cellulare
Consigli per mamme

A che età i bambini possono avere il cellulare

Con la società di oggi si inizia a dare prima del tempo il cellulare ai bambini, ma qual è il periodo più idoneo? Scopriamolo insieme.

Leggi di più