I fichi fanno ingrassare? Scopri calorie e benefici

Morbidi, dolci e carnosi, fichi sono anche ricchi di proprietà e con poche calorie: veri e propri alleati per la nostra salute.

22/07/2022

L’estate è un’esplosione di gusto e di colori a tavola. Nella stagione più calda dell’anno giungono a maturazioni alcuni dei frutti più amati da grandi e piccini. Tra questi anche i gustosi fichi, che sono buoni da mangiare e fanne bene all’organismo.

Fichi in un piatto in cucina

Chi vive in campagna, in zone particolarmente calde, avrà la fortuna di poterli consumare direttamente dall’albero, un’esperienza che regala tanta soddisfazione, non solo al palato. Molto diffusi e facilmente reperibile sui banconi dell’ortofrutta, i fichi sono ricchi di proprietà, hanno poche calorie e apportano molti benefici al nostro corpo. Non tutti sanno che ne esistono ben 150 varietà, anche se i più comuni e diffusi sulle nostre tavole sono quelli, verdi, neri e viola.

I fichi, proprietà e calorie

A differenza di quanto si potrebbe pensare, i fichi freschi non contengono più calorie di altri classici frutti estivi: ne forniscono circa 50 per ogni 100 grammi. Sbaglia dunque chi, seguendo una dieta ipocalorica, tende a escluderli dalla propria alimentazione. Inoltre, essendo ricchi di zuccheri, rappresentano una fonte naturale di energia a breve termine. Poi, grazie alla loro dolcezza possono sostituire i classici dolci, soddisfacendo la voglia di golosità senza troppe rinunce.


Leggi anche: Fichi d’India: proprietà e come mangiarli

Importante anche il loro apporto sul fronte di vitamine, tra qui quelle del gruppo B, la C e la A. Quest’ultima è nota per la sua azione benefica per la salute della pelle e degli occhi.

Fichi

Alto è anche il contenuto di sali minerali e fibre. Proprio per questo sono particolarmente indicati in caso di stitichezza e altri problemi intestinali, soprattutto se consumate a stomaco vuoto. Non trascurabile, poi, il contenuto di polifenoli, che sono antiossidanti naturali, sostanze che contribuiscono a bloccare l’invecchiamento delle cellule del nostro organismo. L’insieme di tutti gli elementi nutritivi contenuti nei fichi rende questo delizioso frutto un prezioso alleato del nostro sistema immunitario.

Tutti i benefici di questo frutto

I fichi contengono anche potassio e calcio, elementi che aiutano, rispettivamente, a regolarizzare la pressione sanguigna e a mantenere sane ossa e denti. Consigliati come spuntino in gravidanza, contribuiscono al fabbisogno giornaliero utile al nascituro per lo sviluppo della spina dorsale e delle ossa.

Tra le proprietà di questo frutto estivo anche quella di facilitare la digestione. I fichi sono infatti ricchi di prebiotici, che contribuiscono a riequilibrare la flora batterica intestinale.

Ma c’è di più: pur essendo molto dolci, riuscirebbero a controllare i livelli di zucchero nel sangue, tenendo sotto controllo la glicemia. Una condizione resa possibile grazie all’alto contento di sali minerali.

Come molti altri prodotti vegetali, anche i fichi svolgono un’azione antinfiammatoria importante e potrebbero rivelarsi adatti nel combattere problemi della pelle, come l’acne. Oltre che a farne un moderato consumo, all’interno di un regime alimentare sano ed equilibrato, possono essere applicati direttamente sulla parte interessata.

Fichi freschi e fichi secchi: differenze di calorie e proprietà

Oltre che consumati freschi e in aggiunta a deliziose ricette, i fichi sono deliziosi anche secchi, sebbene molto più calorici. Avendo perso l’apporto idrico, infatti, aumenta la concentrazione dei nutrienti presenti nel frutto e quindi anche delle calorie fornite.


Potrebbe interessarti: Fichi: menù a tema autunnale

Basti pensare che rispetto alle 50 calorie contenute in 100 grammi di fichi freschi, quelli secchi ne apportano 5 volte tanto, ben 249.

Consumati d’inverno, però, con cioccolato fuso e/o noci sono una piacevole tentazione golosa alla quale ogni tanto è concesso cedere.

Consigli di consumo e conservazione

I fichi sono tra i frutti più delicati anche perché la loro buccia non è particolarmente spessa, al contrario, in alcune varietà è sottilissima.

La parte interna è particolarmente morbida e carnosa ed essendo anche molto zuccherina potrebbe richiamare la presenza di insetti e altri piccoli animaletti. Per questo è consigliabile aprire sempre in due il frutto prima di mangiarlo, così da poterlo ispezionare attentamente.

E la buccia? Mangiarla non fa male, ma non potendo essere lavata per evitare di deteriorare tutto l’alimento, bisognerebbe essere certi della provenienza. Il rischio, infatti, è che su di essa vi siano residui di sostanze nocive, come antiparassitari, che potrebbero causare seri rischi per la salute.

fichi tagliati con coltello

Una volta raccolti o acquistati, i fichi possono essere conservati in frigo per due o tre giorni e c’è chi consiglia anche di congelarli, ma per non più di un mese. Particolare attenzione richiede la conservazione di quelli secchi, che vanno invece riposti in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di calore e inaccessibile agli insetti. Inoltre, se conservati in precarie condizioni igiene o in luoghi umidi, possono dare origine a muffe tossiche. Queste ultime possono sviluppare le aflatossine, sostanze nocive e potenzialmente molto cancerogene.

Anche le foglie di fico sono miracolose?

Insomma, è evidente che i fichi sono davvero preziosi per il benessere del nostro corpo e includerli nella dieta quotidiana può essere una buona abitudine. Ma sorprenderà saper che prodigiose sarebbero anche le foglie dell’albero su cui cresce il frutto.

Secondo alcuni studi, questa particolare parte della pianta aiuterebbe a diminuire i trigliceridi nel sangue e manterrebbero in salute il sistema cardiovascolare. Ma la scoperta più sorprendente è quella avvenuta dopo un esperimento in vitro: le foglie di fico avrebbero inibito la crescita dei campioni di cellule tumorali. Risultati importanti sui quali la ricerca scientifica si sta concentrando per capire cosa esattamente dia origine a questi processi.