Quali sono le oasi italiane dove fare birdwatching

L'Italia offre oasi naturali incantate abitate da tantissimi volatili

20/05/2023

Il birdwatching è una pratica sempre più diffusa, perché consente di passare il proprio tempo in oasi naturali meravigliose alla ricerca di avvistamenti sempre imprevedibili. L’Italia, anche sotto questo punto di vista, offre località meravigliose per questa attività, scopriamo insieme le migliori.

Le oasi italiane dove fare birdwatching: Foresta del Tarvisio (Friuli Venezia-Giulia)

Quali sono le oasi italiane dove fare birdwatching

Uno dei luoghi più suggestivi dove fare birdwatching è la Foresta del Tarvisio, in Friuli Venezia-Giulia, al confine con la Slovenia. Si tratta di una tipica foresta alpina, con faggi, abeti bianchi e rossi, pini silvestri e neri. Questo ambiente naturale ospita diverse specie di rapaci diurni e notturni, come l’aquila reale, la civetta capogrosso, il grifone, l’astore e la civetta nana. Ci sono poi specie più comuni, come il gallo credone, la pernice bianca, il picchio (nero, cenerino e tridattilo). In quest’oasi è presente anche l’orso bruno.

Riserva Lipu di Torrile e Tre Casali (Emilia Romagna)

Quali sono le oasi italiane dove fare birdwatching

A pochi chilometri da Parma si estende la Riserva Lipu di Torrile e Tre Casali. Questo gioiellino è una zona umida, ricreata su un terreno agricolo, ed è amatissimo dai bordwatchers e dai fotografi naturalisti. Lungo l’oasi sono presenti diversi capanni che rendono più semplice l’osservazione degli uccelli. Tra le specie presenti ci sono l’airone cenerino, la garzetta, l’airone bianco maggiore, la sgarza ciuffetto, il cavaliere d’Italia e la sterna comune. In inverno vivono in questa riserva molte specie di anatre.


Leggi anche: Meteo di fine febbraio: gelo e neve sull’Italia, anche a bassa quota

Le oasi italiane dove fare birdwatching: Delta del Po (Emilia Romagna-Veneto)

Quali sono le oasi italiane dove fare birdwatching

A cavallo tra il Veneto e l’Emilia Romagna si estende una vastissima area umida, quella del Delta del Po. Questa zona attrae appassionati di birdwatching da tutto il mondo. Durante tutto l’anno si possono osservare moltissime specie, tra cui il fenicottero, l’airone rosso, varie tipologie di gabbiano, la spatola, il tarabusino, la beccaccia di mare, il falco di palude e migliaia di anatre in inverno.

Oasi Lipu Massaciuccoli (Toscana)

Quali sono le oasi italiane dove fare birdwatching

L’oasi Lipu Massaciuccoli, in Toscana, si trova lungo l’omonimo lago. Caratterizzata da un vasto canneto, ospita centinaia di specie diverse di uccelli. In inverno si possono osservare cormorani, svasso maggiore, aironi e anatre, mentre in primavera l’oasi è teatro della migrazione di migliaia di limicoli.

Le oasi italiane dove fare birdwatching: Parco Nazionale d’Abruzzo (Abruzzo-Lazio-Molise)

Quali sono le oasi italiane dove fare birdwatching

Il Parco Nazionale d’Abruzzo è una delle aree naturalistiche più importanti del nostro Paese e una delle più apprezzate per fare birdwatching. Oltre a centinaia di specie di volatili, qui vivono anche mammiferi come cervi, camosci, lupi, orsi bruni.