In bici, a cavallo o a piedi 5 proposte per un viaggio slow e green

In bici, a cavallo o a piedi: 5 proposte per un viaggio slow e green

Nell’estate del Covid, si cercano località immerse nel verde e con ampi spazi, dove poter praticare attività all’aria aperta e in sicurezza.

Il richiamo della natura è più forte che mai. E in tema di viaggi e vacanze – soprattutto dopo il lockdown – sono sempre più ambite le località immerse nel verde e lontane dai centri affollati.

Destinazioni incastonate tra le montagne, dove dedicarsi ai cammini nei boschi, alle attività tra le vette e ritrovare la connessione con l’ambiente.

È questo il momento per riscoprire luoghi isolati ma autentici, con spazi aperti, pochi posti, ma un grande senso di accoglienza.

Alberghi diffusi in cui soggiornare in case indipendenti, chalet disseminati nella vegetazione, glamping con tende e lodge sospesi sull’acqua. Insomma piccoli grandi gioielli dell’ospitalità per sentirsi sicuri di viaggiare e totalmente liberi.

E anche le attività che caratterizzeranno le nostre vacanze saranno più a misura d’uomo: trekking, passeggiate a cavallo, cicloturismo… Uno slow living che ci avvicinerà maggiormente alla nostra terra e probabilmente a noi stessi, in una dimensione decisamente green, ma anche attuale e ricercata.

Un ritorno quindi a un turismo più lento, che permette di esplorare l’Italia e le sue bellezze con un ritmo diverso scandito da mezzi alternativi, come le bici.

Oppure mettendosi alla prova con attività outdoor in località meno battute. Trekking gastronomici e tour on the road che consentono di entrare in contatto con le comunità locali e vivere il territorio in modo differente.

Senza dimenticare l’equiturismo, che ci sta facendo riscoprire la dimensione del viaggio in sella a magnifici cavalli, per avventure alla portata di tutti o escursioni anche di più giorni per i più esperti.

Ecco qualche proposta che si colloca proprio in queste direzioni, forse ancora poco esplorate, ma di certo affascinanti e sorprendenti.

Per gli amanti della bicicletta

L’emergenza legata al Coronavirus ha riacceso i riflettori sul tema riguardante l’uso in città di mezzi più sostenibili come la bicicletta. Oltre al ripensare interamente la struttura urbanistica delle città in chiave più bike friendly, incentivandone così un maggior uso.

Perché quindi non cimentarsi in una vacanza in sella alla bici per scoprire in un modo alternativo le bellezze che l’Italia offre? Sono diverse in tal senso le startup del turismo che si sono attivate per garantire un servizio efficiente.

Una, ad esempio, è Bikeit – The Bike Experience, marketplace dove prenotare online il noleggio presso oltre 100 località. A dipsosizione qualsiasi tipologia di bici: e-bike, bici da strada, city bike, mountain bike, bici da downhill e da enduro.

A oggi sulla piattaforma sono presenti oltre 50 noleggi di bici in Italia e in Europa e diversi ciclo-percorsi che si snodano lungo le 12 regioni italiane.

E per chi ama pedalare, ma con il giusto “supporto”, arriva in aiuto Bikesquare, la piattaforma europea del cicloturismo esperienziale in ebike.
Nello specifico la startup ha come obiettivo quello di connettere strutture ricettive, ristoranti, produttori enogastronomici lungo percorsi GPS.

Questi sono studiati anche per i turisti non sportivi che possono contare sulla bici a pedalata assistita.

Attraverso l’app sviluppata, il turista può scoprire che percorsi seguire, cosa vedere durante il viaggio e che tipo di esperienze poter fare. In particolare, tutti i percorsi proposti possono essere scoperti o seguendo direttamente le indicazioni contenute sull’app o richiedendo in loco una guida locale che porterà il turista alla scoperta degli angoli più nascosti del territorio.

Viaggi su due ruote e tappe enogastronomiche

Chi apprezza il cicloturismo, ma non vuole rinunciare alla componente gastronomica può fare riferimento a Bike Food Stories progetto ideato da Davide Pagani che propone dei percorsi nella zona dell’Emilia.

Un’idea che nasce dalla passione per le due ruote e l’amore verso il proprio territorio, da sempre uno dei cuori pulsanti della tradizione gastronomica italiana, con l’obiettivo di offrire un’esperienza vera e autentica a impatto zero.

©Pixabay

I mille volti della vacanza con trekking

Attenta alle tradizioni, soprattutto a quelle enogastronomiche, è Gastronomic Trekking che con i suoi tour abbina al trekking la scoperta della cucina, in particolar modo quella partenopea e romana, proponendo walking tour arricchiti da vere e proprie cooking class e degustazioni.

L’obiettivo è quello di coinvolgere i viaggiatori in un’esperienza “walk-cook & eat” come attività legate alla ruralità e alle origini dell’enogastronomia locale. Una proposta che coniuga trekking con la raccolta di erbe, fiori e piante aromatiche e una cooking class per la trasformazione del raccolto secondo le ricette tradizionali. Senza dimenticare la degustazione finale.

Gli appassionati di sport outdoor troveranno invece in Skouty un
valido alleato nella pianificazione delle proprie vacanze avventurose.

Si tratta di uno dei principali portali di prenotazione di esperienze outdoor con professionisti certificati, che da sempre si pone l’obiettivo di far riscoprire e promuovere territori meno battuti, soprattutto del Nord Italia.

Per questo motivo la startup lavora a stretto contatto con guide e istruttori locali, che vivono ogni giorno questi luoghi proponendo diverse attività outdoor, adatte a tutti.

L’obiettivo è anche quello di creare una vera e propria community di appassionati di attività outdoor, che condivida i valori di rispetto e preservazione della natura e del territorio.

Presente in 19 regioni italiane, Skouty offre qualsiasi genere di esperienza all’aperto: dal trekking all’alpinismo, da tour in bici allo snorkeling, dal parapendio ai voli in mongolfiera. E molto altro.

©Cogneturismo.it

L’abbraccio verticale della montagna

Per chi in viaggio vuole sperimentare un po’ tutto, perfetta è la formula Climb & Ride proposta dal Gruppo Guide Alpine di Cortina.

Consiste in un viaggio di 4 giorni tra le vette più famose della conca ampezzana.

È un’esperienza completa, che permette di vivere la montagna in tutta la sua articolata complessità. Di giorno si esplorano, a piedi, pedalando, scalando, territori magnifici. Di sera si raggiungono i rifugi di Cortina Delicious, ovvero l’area che si estende tra Pocol e i passi dolomitici Falzarego e Giau, per una cena a base di prodotti locali e un buon riposo.

E ci sarà anche modo di ammirare le cascate di Fanes, Nuvolau e Averau, il lago di Federa, il Becco di Mezodì.

Novità dell’estate è la palestra open air di roccia per l’arrampicata sportiva ai piedi della parete sud del Monte Averau.

Realizzata dalle Guide Alpine, la palestra si trova verso la fine del sentiero 441 che dal rifugio Averau si snoda verso Croda Negra e Col Gallina.

La zona è raggiungibile dal Passo Giau con la funivia Fedare. In alternativa si prende la seggiovia 5 Torri, si arriva alla Forcella.

©Pixabay

L’equiturismo: in sella alla scoperta del territorio

L’equiturismo è un’attività ricreativa e non sportiva che si pratica a cavallo passeggiando in luoghi aperti quali paesini, spiagge, montagne, colline, campagne e boschi.

È un’attività che si pratica a contatto con la natura, molto simile alle escursioni che si praticano a piedi, ma con la differenza che anziché camminare si monta a cavallo.

Per l’equiturismo ci sono sia maneggi che agriturismo ben organizzati con tanto di guida e cavalli preparati per lo scopo.

Trattandosi di turismo equestre, è opportuno informarsi bene riguardo le mappature, i punti d’appoggio e la possibilità di una guida, prima di partire all’avventura.

Meglio evitare spiacevoli sorprese, specialmente se si vuole andare in particolari parchi nazionali.

La cosa essenziale e che, per una passeggiata a cavallo in sicurezza, ci si affidi a strutture serie, con cavalli sani e guide competenti.

All’Horse Country Resort di Arborea (OR), ad esempio, potrete scoprire un angolo magnifico di Sardegna, la costa nord occidentale, che conserva il fascino selvaggio di un territorio straordinario, in sella a magnifici destrieri. Il resort è immerso in un grande parco privato, che si affaccia sul mare e propone una vacanza da vivere secondo uno stile beach country.

Quattro hotel e ristoranti, una cinquantina di villini indipendenti immersi nella pineta, due piscine, un centro benessere e uno spazio a tema western. Un’ampia offerta di comfort e attività, ma i veri amanti della natura si innamoreranno dei cavalli.

Circa sessanta docili e bellissimi animali addestrati per il turismo equestre sono a disposizione degli ospiti.

Si possono organizzare esperienze che vanno dalle passeggiate al trekking più impegnativo, fino all’emozionante bagno in mare in sella insieme agli animali.
Per i più piccoli dolcissimi pony sono perfetti per la prima esperienza di cavalcata. E possono insegnare cosa significa l’affetto incondizionato che si legge nei loro occhi.

Dopo lunghi mesi passati nel grigio delle città e al chiuso di quattro mura, cosa chiedere di più a una vacanza di una total immersion in un mondo completamente differente?

©Pixabay


Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino
Viaggi

Vendemmia 2020, le destinazioni perfette per chi ama il vino

Forest Bathing, cos'è e dove farlo in Italia
Viaggi

Forest bathing, il benessere arriva dagli alberi

In bici per (ri)scoprire l'Italia, dall'Alto Adige alla Riviera Romagnola
Viaggi

In bici per (ri)scoprire l’Italia, dall’Alto Adige alla Puglia

Viaggi post quarantena consigli per viaggiare sicuri
Viaggi

Viaggi post quarantena: consigli per viaggiare sicuri

Blue hole cos'è e come si forma
Viaggi

Blue hole, alla scoperta del blu profondo

Vacanza a settembre, dove andare
Viaggi

Vacanze a settembre, dove andare?

Spiagge dove vedere le stelle marine
Viaggi

Spiagge dove vedere le stelle marine

Gole dell'Alcantara in Sicilia escursioni e mappe
Viaggi

Gole dell’Alcantara in Sicilia: escursioni e mappe

Malena La Pugliese: chi è Filomena Mastromarino
Celebrity

Malena La Pugliese: chi è Filomena Mastromarino

Malena La Pugliese, il cui vero nome è Filomena Mastromarino, è un’attrice di film hard scoperta da Rocco Siffredi.

Leggi di più