Gf Vip, Wilma Goich lo tradiva? Parla l’ex marito Edoardo Vianello

04/12/2022

Wilma Goich, attuale concorrente del GF Vip 7, da diverso tempo ormai è separata dal marito Edoardo Vianello con cui formava un importante duo musicale. Oggi Vianello ha spiegato quali sarebbero state secondo lui le cause della loro separazione.

 

Quando Wilma Goich è entrata al Gf Vip ha confessato i motivi della fine del rapporto con Edoardo Vianello:

C’è stata tanta infedeltà e ho subito tanti tradimenti. Di tradimenti ne ricordo diversi, ma quello che ricordo meglio è prima che ci sposassimo, ci stavamo frequentando, io ero innamorata persa. Un giorno sapevo che era a Milano, io sempre sospettosa perché già avevo delle piccole avvisaglie, mi sono fatta accompagnare da lui, sono scesa, l’ascensore si è aperto e lui è uscito insieme a una ragazza. Mi ha salutato e poi se n’è andato.

Edoardo Vianello però di recente, in una lettera pubblicata dal settimanale Nuovo, ha voluto dire la sua sul divorzio dalla moglie. Secondo il cantante la colpa sarebbe tutta di Wilma, che aveva un altro uomo.

La verità dietro al divorzio tra Edoardo Vianello e Wilma Goich: ecco perché fra i due è finita

wilma-goich-

Al settimanale Nuovo il cantante ha spiegato:

Tra noi due è finita perché lei aveva un altro. Io non nego di essermi concesso qualche scappatella, ma sempre senza coinvolgimenti emotivi. Il matrimonio per me non era in discussione fino al giorno in cui mia moglie mi disse di aver finalmente capito il vero significato della parola ‘amore’. Mi disse anche di non amare più me, ma un altro uomo. Ricordo ancora che rimasi di sasso e chiamai subito la madre di Wilma che abitava a Roma, pregandola di venire a Roma per convincere la figlia a non fare scelte sbagliate.

Edoardo Vianello non nega i tradimenti, che definisce “scappatelle”, dimostrando una certa arcaica visione del matrimonio, ma addossa la colpa alla scelta di Wilma Goich di trovarsi un nuovo compagno anche a livello emotivo:

Volevo disperatamente salvare la nostra unione, ma l’intervento di mia suocera peggiorò la situazione. Io intanto mi scervellavo inutilmente per scoprire chi fosse questo mio rivale. Alla fine la rottura fu inevitabile, anche se io e Wilma per altri quattro anni – per i comuni impegni di lavoro e per non traumatizzare Susanna – continuammo a vivere insieme, ma da separata in casa ovviamente. Però l’atmosfera in famiglia era cambiata e nostra figlia ne soffriva. La vedevo spesso piangere e poi lei andò con la madre in un altro appartamento. Io facevo di tutto per dimostrarle il mio affetto.