GF Vip 7, è ufficiale: i concorrenti potranno uscire dalla casa

27/08/2022

Nessun rinvio per la settima edizione del Grande Fratello Vip. Nelle ultime ore era circolata un’indiscrezione a proposito del programma condotto da Alfonso Signorini. Per le elezioni politiche, infatti, si pensava ad uno slittamento, che invece non avverrà: i concorrenti potranno uscire dalla casa! 

Si preannuncia una novità assoluta per il Grande Fratello Vip 7. Per questa edizione del reality, infatti, ci sarà qualcosa che non è mai accaduto prima. Nelle ultime settimane si era vociferato con insistenza della possibilità di un rinvio del programma a causa delle elezioni politiche che si terranno il 25 settembre, una settimana dopo l’inizio del reality.

Dato che i concorrenti, una volta entrati nella casa, non possono uscire sia per motivi di gioco ma soprattutto per la quarantena che viene ormai imposta per preservare le condizioni di salute di tutti gli altri, si pensava che il Grande Fratello Vip potesse partire dopo le elezioni, in modo da consentire ai vipponi di prendere parte al voto.

In realtà, però, non sarà così…

GF Vip 7: nessun rinvio per il reality

alfonso-signorini-

Come riportano alcune indiscrezioni rilanciate da Fanpage, quest’anno il Grande Fratello Vip partirà come previsto lunedì 19 settembre. Non ci sono motivi validi per rimandare la data d’inizio del reality. Ovviamente, però, gli autori hanno previsto la possibilità che i concorrenti vogliano recarsi al voto, e questa opportunità non gli verrà negata.

Secondo quanto riportato, infatti, ciascun concorrente del GF Vip che voglia andare a votare dovrà informare la produzione e, il giorno delle elezioni, potrà lasciare la casa per essere accompagnato al seggio di appartenenza, per poi fare ritorno a Cinecittà. Sarà cura del Grande Fratello Vip cercare di tutelare gli altri, che invece sceglieranno di rimanere in casa, e di prevenire qualsiasi forma di contagio.


Leggi anche: Michael Schumacher uscito dal coma e dimesso

Ancora non è stato confermato, ma sembra che questo sia il modo migliore per consentire a tutti di esercitare il diritto al voto.