La nazionale Usa femminile fa causa alla Federazione

La Nazionale americana di calcio chiede più diritti alla Federazione e gli fa causa.

La nazionale Usa femminile fa causa alla Federazione
La nazionale Usa femminile fa causa alla Federazione

Non è la prima volta che succede negli Stati Uniti: la Nazionale di calcio femminile ha deciso di fare causa alla United States Soccer Federation, ovvero la Federazione di calcio americana. Quali sono i veri motivi?

A quanto detto dalle ragazze che portano avanti la causa legale, depositata presso una corte distrettuale di Los Angeles, il problema principale riguarda la disparità di trattamento e diritti tra la nazionale femminile e quella maschile. Sembra infatti che le ragazze non si sentano trattate in maniera equa dalla Federazione di calcio.

Quello che le giocatrici lamentano è innanzitutto lo stipendio più basso rispetto ai ragazzi, la disponibilità e lo stato dei campi da gioco e soprattutto la differenza di trattamento a loro riservato durante le trasferte. Un’altra accusa riguarda anche il livello di preparazione tecnico, tattico e sanitario riservato loro dalla Federazione che sarebbe inferiore a quello della nazionale maschile.

Come raccontato su Sportdonna.it, la causa è stata portata avanti dal capitano Alex Morgan, che già in passato si era battuta insieme ad altre compagne di squadra (Hope Solo, Megan Rapinoe, Becku Sauerbrunn, Carli Lloyd) per ottenere uno stipendio più equo. Ciò accadeva nel 2016 ma non ha sortito gli effetti sperati. Attualmente Alex gioca nella squadra dell’Orlando Pride ed è una delle giocatrici più amate nonché più rappresentative della nazionale, grazie anche alle sue lotte.

Queste disparità non si comprendono soprattutto se si considera l’enorme successo che la Nazionale USA femminile ottiene presso il suo pubblico, molto più di quella maschile. Basti pensare che nel 2015 e ragazze hanno vinto la Coppa del Mondo di calcio femminile e, rientrate dal Canada, sono state accolte con entusiasmo e acclamate dai tifosi che le attendevano con impazienza e orgoglio.

Inoltre, a Giugno le aspetta il prossimo Campionato mondiale di calcio che si disputerà in Francia e qui proveranno a dimostrare ancora una volta il loro valore: chissà che non riusciranno a fare cambiare idea alla Federazione!

In collaborazione con SportDonna


Vedi altri articoli su: Sport Femminili |

Commenti