Paul Smith sfila alla London Fashion Week spring/summer 2014

Sexy maschiacchi sfilano alla primavera-estate 2014 di Paul Smith

Gli anni Settanta rivisitati in chiave contemporanea per una donna femminile che copia il look del suo Lui

Sessantasette anni, metà dei quali passati a creare abiti. Stiamo parlando del britannico Paul Smith, che dopo tutti questi anni di onorata carriera riesce ancora a stupire gli addetti ai lavori del mondo del fashion system internazionale, fashion victim inclusi. Benché nella collezione mostrata in occasione della settimana della moda londinese prevalgano la sartorialità e le combinazioni contrastanti di colore, da sempre marchio di fabbrica dello stilista di Nottingham, la proposta per la prossima primavera/estate 2014 mostra novità quali bluse trasparenti e l’innalzamento di un paio di centimetri degli orli rispetto agli standard a cui Smith ci ha abituati fino ad oggi.

Scollature vertiginose, colore e linee maschili

Abiti lunghi fino ai piedi o corti al ginocchio, pantaloni a vita alta cadono morbidi sulle gambe delle modelle, microshorts a quadri, bluse a maniche lunghe con scollature vertiginose o più caste, bottoni, tagli e linee sartoriali, persino un abito total white trasparente che lascia intravedere culotte a vita alta nella stessa tonalità. È una collezione completa quella presentata da Paul Smith, adatta a una donna in carriera, elegante e di classe che non vuole rinunciare alla componente femminile e sensuale del suo essere donna. Vasta anche la palette di colori proposta per l’occasione: da look total white passiamo a completi con pantaloni total azzurro, giallo, fantasie colorate, mix di nuance, tinte forti come un caldo arancio, rosa e rosso.

Ammirando le uscite è innegabile l’ispirazione vintage avuta dallo stilista che mixa tagli contemporanei con linee anni Settanta presenti soprattutto sulle camicie, nei pantaloni e negli accessori, come il cappello a falde larghe rosso abbinato a look total white e il panama grigio con inserto nero per un look più metropolitano composto da camicia trasparente, pantaloni a vita alta, sandali e trench a tartan blu/verde smeraldo. Tratti retrò che si uniscono a peculiarità già viste in passerella durante la New York Fashion Week che lo stilista, già nominato cavaliere della Regina Elisabetta nel 2000 per il suo impegno nel mondo della moda, fa proprie realizzando creazioni classiche ma in pieno stile Paul Smith.

Ecco dunque sfilare capi quali abiti, completi, bluse e pantaloni dalle linee tipiche del menswear: per la prossima stagione la donna Paul Smith infatti si ispira al guardaroba maschile, “femminilizzandolo”. Quella che sfila in passerella è un maschiaccio supersexy dalle scollature sensuali.



Tredici Pietro, chi è il figlio di Gianni Morandi
Celebrity

Tredici Pietro, chi è il figlio di Gianni Morandi

Giorni della merla 2020 quali sono
Attualità

Giorni della merla 2020 quali sono

Ivana Icardi, chi è e cosa fa la sorella di Mauro
Celebrity

Ivana Icardi, chi è e cosa fa la sorella di Mauro

Ristoranti sott'acqua: i più belli del mondo
Viaggi

Ristoranti sott’acqua: i più belli del mondo

Sahar Tabar, chi è l'iraniana che vuole somigliare ad Angelina Jolie
Celebrity

Sahar Tabar, chi è l’iraniana che vuole somigliare ad Angelina Jolie

Attualità

Steve Jobs, com’è cambiata la Apple dopo la sua morte

Cinque cose da fare a New York con le tue amiche
Viaggi

Cinque cose da fare a New York con le tue amiche

Ferie non godute: verranno pagate dopo la pensione?
Lavoro

Ferie non godute: verranno pagate dopo la pensione?

Attualità

Seggiolini antiabbandono, obbligo dal 7 novembre

Diventano obbligatori i dispositivi antiabbandono per il trasporto in auto dei bambini fino a 4 anni. Ecco tutto quello che dovete sapere.

Leggi di più