Salone 2015: Complemento d’Arredo Classico

Ricchezza e luce illuminano il Salone

Camera da letto Exedra @ Saloni 2015
Camera da letto Exedra @ Saloni 2015
  • Camera da letto Exedra @ Saloni 2015
  • Jos Van Dijck Guardate Collection @ Saloni 2015
  • Chandelier Maison Santamaria
  • Un delizioso allestimento al Salone del mobile 2015
  • Bedroom by Dolfi @ Saloni 2015
  • Alchymia @ Saloni 2015
  • Elledue @ Saloni 2015
  • Villari @ Saloni 2015
  • Letto con Testata by Mobili Pellegatta
  • Chandelier Maison Santamaria @ Saloni 2015
  • Total white: Villari @ Saloni 2015
  • Allestimento by AB Italia Dal 1922
  • Caspani Tino La Grande Bellezza @ Saloni 2015
  • Lampadario Mezzaluna @ Saloni 2015
  • GIovanni Visentin @ Saloni 2015
  • Una camera da favola: Barinini Oseo @ Saloni 2015
  • Uno sfarzoso complemento d'arredo @ Saloni 2015
  • L'incantevole allestimento di Turri @ Saloni 2015
  • Complementi d'arredo Blumarine
  • Vismara Design @ Saloni 2015
  • Jos Van Dijck Guardate Collection @Saloni 2015
  • Lusso e stile by Roberto Cavalli
  • Le inconfondibili stame di Roberto Cavalli Living
  • I Marmi Antolini @ Salone 2015
  • Zona Living Asnaghi Interiors
  • Roberto Cavalli Living  Saloni 2015
  • Davide Medri @Saloni 2015
  • Davide Medri @Saloni 2015
  • Davide Medri @Saloni 2015

 

 

Opulenza: è questa la parola d’ordine che sembra regnare sovrana all’interno della sezione “classico” del Salone del complemento d’arredo, parte del Salone Internazionale del Mobile in svolgimento dal 14 al 19 Aprile 2015 presso FieraMilanoRho.

Lusso sfrenato

Ai padiglioni dedicati al classico, la parola “crisi” sembra essere molto, molto lontana: i complementi d’arredo ricchi, sfarzosi, con tessuti preziosi e ricamati, e i materiali pregiati, lucenti, ornati, sono il vero fiore all’occhiello di questa parte dell’esposizione, dal sapore ultra luxury.

E il settore di riferimento è proprio il luxury, tanto amato al di fuori dei confini italiani: tanti gli operatori di settore e i buyers stranieri presenti tra gli stand del Padiglione dedicato all’arredo classico – cinesi e russi ammirano i marmi, i cristalli e gli intarsi dorati dei mobili dal sapore sfarzoso, a volte quasi kitsch; americani, inglesi e tedeschi chiedono informazioni dettagliate ai brand espositori. Pochi gli italiani nei paraggi: il gusto dei materiali e dei design è forse troppo ricco e complesso per incontrare i palati tricolori.

Luce e cristalli

Tra le creazioni in esposizione, spiccano i grandi lampadari, riproposti da vari brand: enormi cascate di cristalli che brillano e riflettono la luce, altra protagonista del Salone di quest’anno, e che traggono ispirazione dai palazzi reali di sfarzosi periodi storici. Ricche e maestose creazioni lucenti che non sfigurerebbero in dimore d’epoca, ma che sono frutto di profonde rivisitazioni del design storico in chiave lusso e che continuano ad essere amate dai compratori di tutto il mondo.

Notte: le proposte

Anche le proposte per la notte non deludono: i letti sono sfarzosi, con baldacchini drappeggiati da tessuti preziosi come l’organza e la seta; le testate sono riccamente ornate, quasi come quelle dei letti dei regnanti del Sedicesimo secolo in Francia. Anche il resto dei complementi d’arredo della camera da letto sposano in tutto e per tutto lo sfarzo, con decori e intarsi che impreziosiscono comodini, toilettes e armadi. Tornano nei trend anche i throws di pelliccia, al naturale o colorate, un morbido tocco di lusso che continua ad essere in auge, nonostante siano sempre di più i detrattori di questo materiale.

Il lusso non risparmia neanche i più piccoli: diverse, infatti, le proposte da sogno per quanto riguarda l’arredo bimbi – culle retrò, anch’esse drappeggiate da tessuti preziosi, maxi toys dai toni pastello, tinte neutre, ma anche fiocchi ad ornare e punti luce in stile romantico, per un quadro d’insieme delizioso e, al contempo, estremamente chic.

Zona Living

Ma è la zona living il vero regno dello sfarzo e del lusso. I lampadari, grandi protagonisti, sono sempre al centro della sala, e illuminano tavoli di fatture eccellenti, realizzati con materiali di primissima qualità, lucidi, caldi nei toni, imponenti e autoritari. I divani e le sedute richiamano il mood; sembra essere passato il tempo della pelle, da sempre sinonimo di eleganza nel design, per lasciare spazio ai tessuti, dai velluti ai damascati, passando per broccati e stampe talvolta molto fantasiose, meno severe e più giocose, non tralasciando le animalier prints, marchio di fabbrica inconfondibile per alcuni brand.

La sensazione è che “classico” non abbia più la connotazione di “tradizionale”, bensì di “ricco”: un tipo di arredamento che certamente non è alla portata di tutti, ma che non può che far sognare.

ph. Davide Iacobone

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *