Salone 2015: Complemento d’Arredo Design

Salone 2015: Complemento d’Arredo Design

Il legno è protagonista, tra natura e design

-
14/04/2015

Quando si pensa al design, generalmente, si pensa a forme nuove, creazioni con materiali d’avanguardia e oggetti dal look decisamente avveniristico.

Niente di più sbagliato, per lo meno se contestualizzato al Salone del Complemento d’Arredo Design, sezione del Salone del Mobile 2015, in svolgimento a Milano.

Il trend del Salone sembra essere back to basics: le forme, i materiali, le linee e i design sono puliti, basic, appunto; verrebbe quasi da dire “semplici”, se non ci fosse la certezza che, dietro ad ogni singolo pezzo esposto dai brand italiani e internazionali, ci sia una cura e una ricerca minuziosa.

Back to Nature

Il concetto di natura sembra esse stata l’ispirazione principale per gli espositori del padiglione: elementi che richiamano foglie, erba e paesaggi a tutta natura la fanno da padrone, sia nelle creazioni, sia nella scelta dei materiali – una forte volontà di ritornare alla purezza e alla semplicità, un vero e proprio ritorno alle origini delle linee e dei design, enfatizzato dall’uso di materiali che sposano appieno questo concetto. La natura è anche protagonista degli allestimenti degli stand, che incorporano design ed elementi naturali. La sensazione generale è di understatement, in forte contrapposizione con lo sfarzo e l’opulenza dei padiglioni dedicati al complemento d’Arredo Classico.

Materiali: very wood!

Non ci sono dubbi: nella ricerca della semplicità e della naturalità, il materiale prediletto di questa edizione nella maggiorparte degli stand è il legno, in tutte le sue declinazioni. Il legno chiaro è presente in moltissime creazioni, ma anche negli allestimenti degli stand, che fanno grande uso di pallet e materiali allo stato grezzo per accentuare il concept del Salone.
Il legno è poco lavorato, ben lontano dai wengè e dai mogani lucenti delle proposte dell’arredamento classico. E’ accostato al metallo, anch’esso proposto in versione basic, al vetro, a tessuti dalla trama grossa come il lino e il cotone.
Altri materiali presenti nelle proposte dei padiglioni sono i materiali plastici, colorati e lucidi, il vetro, il cristallo.

Colori: tra bianco e multicolor

Due filoni cromatici sembrano animare le proposte di quest’anno: il primo è quello dei toni neutri, dal bianco purissimo a quello “sporco”, grezzo dei tessuti naturali, i crema e i beiges, che ben si accostano al legno chiaro per creare un effetto di naturalità e freschezza. L’altro filone, invece, si sposta sui colori, che non sono pastello, ma forti, pop: i toni sono carichi di saturazione e risaltano su sedie, divani e poltrone, in una sorta di rivisitazione moderna delle tonalità tipicamente anni Settanta applicato alle linee moderne e pulite del design odierno.

  • Scrittore e Blogger