fallimento

Presentazione del libro “Fallimento” di Teresa Macrì | Martedì 5 dicembre

Teresa Macrì presenta il suo ultimo lavoro, “Fallimento”, presso la Galleria Nazionale di Roma il 5 Dicembre 2017 alle ore 18.00.

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma ospita la presentazione del libro di Teresa Macrì “Fallimento”, appena pubblicato da Postmedia Books.

Con “Fallimento” viene indagato il concetto di fallimento come antitesi della dimensione ostentativa del successo. Pressoché rimosso dalla sfera della coscienza contemporanea, predisposta sull’efficienza della prestazione e sul conformismo dei canoni, il fallimento viene invece rilanciato, come energia rigeneratrice e ricostitutiva attraverso l’opera d’arte e, al tempo stesso, rinvia alla metafora del fallimento ideologico, politico e culturale della società consumistica.

Il saggio, che si smarca dall’essere un elogio o una sua esegesi, si afferma invece come una analisi di carattere fenomenologica sul rovesciamento di senso che il fallimento può generare tramite il processo artistico. Attraverso un’indagine trasversale sul panorama artistico contemporaneo, si tenta di ridefinire le varie posizioni e le differenti accezioni che intorno al concetto di fallimento si intessono tra loro, generando una struttura reticolare e dialettica.

Le accezione di disfunzione, ripetizione, utopia, rischio, metafora, trauma, antagonismo, perdita, errore, politica si concatenano tra loro e si coniugano attraverso le esperienze estetiche che alcuni artisti, empatici e dissimili tra loro, convertono in paradigmi.

Cesare Pietroiusti, Chris Burden, Iggy Pop, Maurizio Cattelan, Bruce Nauman, John Baldessari, Marcel Broodthaers, Bas Jan Ader, Tacita Dean, Fischli & Weiss, Francis Alÿs, Harald Szeemann, Robert Smithson, Jeremy Deller, Walter De Maria, Sislej Xhafa, Superflex, Francesco Arena ed altri delineano, attraverso le loro ricerche, un paesaggio osmotico dove ogni accezione si connette ad un’altra in un orizzonte che sovverte l’idea improduttiva del fallimento e che ne prefigura il suo possibile riscatto.

Relatrici:

• Teresa Macrì è critica d’arte, curatrice indipendente e scrittrice. Vive e lavora a Roma. La sua ricerca è legata alla teoria critica contemporanea e all’indagine dei Visual Studies e, attraverso questa prospettiva, ha curato mostre internazionali, realizzato reading di letteratura e filosofia, festival di performance, tecnologia e di cinema.

Anna Camaiti Hostert è filosofa e scrittrice. Vive tra l’Italia e gli Stati Uniti. È stata docente di filosofia e Visual Studies nelle Università di Roma, New York, Chicago, Los Angeles, Boca Raton in Florida. Ha collaborato a diverse testate giornalistiche ed oggi, oltre a occuparsi di scrittura creativa, è fondatrice e editorialista del quotidiano online Succedeoggi. È inoltre tra le fondatrici della rivista Agalma.

Ilaria Gianni è curatrice e critica d’arte. Dal 2009 al 2016 è stata Founding Director e curatore della Nomas Foundation, Roma. Ha curato numerose mostre e progetti di ricerca indipendenti in musei, gallerie internazionali e festival culturali, lavorando sul rapporto tra arte contemporanea e linguaggi affini.

Appuntamento martedì 5 dicembre alle ore 18.00 presso la Galleria Nazionale di Roma.



Quando andare a Bali: il periodo migliore
Viaggi

Quando andare a Bali: il periodo migliore

Le figlie di Mara Maionchi: chi sono e cosa fanno nella vita
Celebrity

Le figlie di Mara Maionchi: chi sono e cosa fanno nella vita

Tour Stati Uniti: quanto tempo per visitare tutti gli Stati
Viaggi

Tour Stati Uniti: quanto tempo per visitare tutti gli Stati

Scene romantiche: i film più belli
TV

Scene romantiche: i film più belli

Le frasi più celebri e divertenti di Mara Maionchi
Celebrity

Le frasi più celebri e divertenti di Mara Maionchi

TV

Sanremo 2020, cantanti e musica: ascolta la playlist

Sanremo 2020 cantanti e canzoni: la playlist dedicata
TV

Sanremo 2020 cantanti e canzoni: la playlist dedicata

Turismo sostenibile: tour operator che organizzano i viaggi
Viaggi

Turismo sostenibile: tour operator che organizzano i viaggi

La Dea Fortuna, il miglior Ferzan Ozpetek in un film su felicità e disincanto
TV

La Dea Fortuna, il miglior Ferzan Ozpetek in un film su felicità e disincanto

Il nuovo film di Ozpetek è un ritorno alle origini, alle ambientazioni e ai temi più cari al regista, ma senza stereotipi e con una nuova maturità.

Leggi di più