Mundial News: la caduta delle grandi di Europa

Il Mondiale si sta rivelando una trappola per alcune grandi europee: dopo la Spagna fuori anche gli inglesi e i bosniaci ed appesi ad un filo il Portogallo e la Russia. E l'Italia? Non se la passa bene…

Delusioni Mondiali...
Delusioni Mondiali...

Fuori gli inglesi, gli spagnoli ed i bosniaci, ad un passo dal baratro il Portogallo del deludente Cristiano Ronaldo e la Russia del granitico ma contestato Fabio Capello. E non se la passa bene nemmeno l’Italia. Come tradizione vuole, i Mondiali giocati nel continente americano mettono in difficoltà le squadre europee e tendono a generare sorprese.

Pirlo
E fino a qui occorre dire che le sorprese non sono mancate. Che la Costa Rica faccia fuori l’Inghilterra e una nazionale “storica” fra Uruguay ed Italia è notizia che avrebbe fatto la gioia di scommettitori, così come il Cile che fa a fette la Spagna. Fra personaggi inattesi e protagonisti mancati, nei prossimi giorni continua il Mondiale che  con una raffica di partite da far tremare i polsi e i telecomandi, emetterà i suoi primi  e definitivi verdetti. Oggi lo zoppicante Brasile cercherà di scacciare i fantasmi del passato e di convincere la torcida della concretezza delle sue velleità di titolo, mentre Messico e Croazia si giocheranno la qualificazione in un vero e proprio spareggio. Nella notte, invece, Olanda e Cile, già qualificate, faranno passerella mentre la Spagna dei Campioni saluterà il palcoscenico brasiliano con una inutile partita contro l’Australia. Domani il giorno della verità per gli azzurri, troppo osannati dopo la vittoria contro gli spellacchiati leoni inglesi e troppo brutti per essere veri contro la ex-cenerentola Costa Rica. Tanto per non farci mancare nulla, ecco anche una bella rivoluzione tattica voluta nel bel mezzo del girone dal nostro Commissario Tecnico Cesare Prandelli. Che speriamo non sia alle prese anche lui con gli effetti debilitanti del caldo afoso del Brasile…


Vedi altri articoli su: MondialiRosa |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *