Mondiali di Carta: una mostra fra fumetti e album

Un modo originale per celebrare i Mondiali di calcio 2014. Allo WOW Spazio Fumetto di Milano si uniscono due cult senza tempo: le strisce di Topolino e gli album Panini

La febbre Mondiali si sta diffondendo a macchia d’olio e rischia di contagiare anche chi di calcio se ne occupa solo in modo marginale. E così si moltiplicano anche le iniziative che prendono spunto dalla kermesse pallonara per sottolinearne aspetti inediti, originali o curiosi.

Un caso assai interessante di tale specie è la mostra “I Mondiali di Carta – i Mondiali di calcio fra fumetti e figurine” proposto presso WOW Spazio Fumetto, il museo del fumetto, dell’Illustrazione e dell’immagine animata di Milano nei suoi spazi in Viale Campania 12. La mostra, che sarà aperta dal 12 giugno al 31 luglio prossimi, è stata curata da due dei più noti artisti italiani del fumetto come Paolo Ongaro e Marco Rota, e intende unire in un connubio che potrebbe sciogliere i nostalgici in brodo di giuggiole due grandi cult dell’immaginario collettivo italiano: gli album di figurine Panini e le storie di Topolino. Due modi diversi ma assolutamente complementari di raccontare lo sport attraverso le immagini, i colori, i disegni che hanno attraversato decenni di storia della gioventù italiana. Un modo davvero originale di celebrare i Mondiali di Brasile 2014 che ha in sé un elemento distintivo assai particolare: unire nell’interesse generazioni assolutamente diverse come i ragazzi del XXI secolo affascinati dai volti e dalle storie di oggi e i ragazzi di quarant’anni fa che rivivono i miti della loro infanzia.

Nella mostra il cui acceso è assolutamente libero, ecco quindi che viene ripercorsa la storia dei mondiali a fumetti come fu raccontata da Topolino nel 1986 o rianimarsi scendendo dai polverosi scaffali non solo gli album Panini dal 1970 ad oggi, ma anche preziosi e rari album degli anni ’60 provenienti dal Sud America e dall’Inghilterra.

WOW SPAZIO FUMETTO
Viale Campania 12 – Milano
Ingresso libero
Dal 12 giugno al 31 luglio 2014


Vedi altri articoli su: Cultura | MondialiRosa |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *