Meteo di fine settembre: bel tempo fino a…sabato mattina

Sereno o poco nuvoloso: sarà così il cielo della Penisola per tutta la settimana salvo rare e circoscritte eccezioni. Da sabato invece atteso un peggioramento.

Meteo della settimana dal 26 al 30 settembre

Anche settembre ha quasi terminato la sua corsa e con ilo prossimo venerdì ci saluta per lasciare spazio al più marcatamente autunnale ottobre. Tuttavia, nonostante questa sua natura un po’ malinconica che si trascina dietro dal fatto di essere il mese che chiude l’estate, dal punto di vista del tempo atmosferico settembre 2016 è stato decisamente generoso e lo sarà anche nel suo ultimo scorcio.

In questi giorni, infatti, salvo rare e generalmente locali eccezioni, l’alta pressione finirà per rimanere prevalente sulle latitudini della nostra beneamata Penisola e così il bel tempo, la stabilità diffusa ed i cieli per lo più soleggiati o poco nuvolosi, saranno decisamente protagonisti su tutte le regioni. Insomma, dopo un periodo “travagliato” anche le zone del centro-sud “si adegueranno” alla situazione del nord e conosceranno una settimana stabile e dalla temperatura piacevolmente tiepida. Insomma, ideale per “prolungare” qualche attività dal sapore ancora estivo…

meteo tendenze

Scendiamo nei dettagli della settimana dunque, la cui descrizione vedrete essere piuttosto semplice. Da lunedì 26 e in fotocopia per martedì 27 alata pressione decisamente prevalente su gran parte dell’Italia: eccezioni in vista solo per l’arco alpino – specialmente nel quadrante orientale – sulla Sardegna e sulla Sicilia, dove potranno presentarsi rovesci dal carattere talvolta temporalesco. Sereno o poco nuvoloso il tempo su tutte le altre regioni.

La situazione sarà praticamente invariata mercoledì 28, dove anche le Alpi e la Sardegna avranno “superato” i residui di instabilità e si saranno allineati al resto delle regioni nell’avere cieli tersi e al più punteggiati da qualche nuvola non persistente. Resta invece il pericolo-pioggia solo sulla Sicilia, specie sul Catanese ed il Messinese.

Sole pieno senza eccezioni anche giovedì 29, giornata in cui non sarà invaruata solo la situazione climatica, ma anche le temperature che, come tutte la settimana, si attesteranno praticamente ovinque fra i 22 ed i 26 gradi per le massime e fra i 14 ed i 20 gradi per le minime.

Infine venerdì 30, ultimo giorno del mese, avrà a sua volta poche differenze rispetto ai suoi predecessori: resterà qualche possibilità di pioggia sulla Sardegna, mentre in serata – e soprattutto nella notte fra venerdì e sabato – una “sacca” di instabilità arriverà dal Mediterraneo occidentale sulla costa tirrenica ed in particolare su Liguria e Toscana portando qualche possibilità in più di pioggia: si tratta della prima avvisaglia della perturbazione che porterà una nuova ondata di maltempo a partire da sabato 1. Ma questa, come direbbero alcuni, è un’altra storia…

 

Meteo del week-end 24-25 settembre

Sereno o poco nuvoloso al centro nord, un po’ più travagliato con anche la possibilità di piogge e temporali a tratti intensi al sud. Questo in estrema sintesi il quadro meteorologico generale della nostra beneamata Penisola nel prossimo week-end, l’ultimo appartenente al mese di settembre.

Una fascia di alta pressione proveniente dal centro dell’Atlantico, arriverà infatti sulle nostre latitudini già venerdì contribuendo così a rendere generalmente più stabile il tempo ed invogliando così a sfruttare ancora il primo fine settimana “formalmente” autunnale come fosse tardo-estivo, magari all’aperto. Le temperature infatti resteranno generalmente superiori ai venti gradi per quanto riguarda le massime, e tra i 12 ed i 18 per quanto riguarda le minime.

meteo tendenze

Scendiamo nel dettaglio di questo week-end mettendo la nostra lente di ingrandimento su sabato 24 settembre: situazione generale serena o poco nuvolosa al centro-nord, fatta eccezione per qualche precipitazione non molto convinta che potrebbe manifestarsi nel Piemonte occidentale, soprattutto intorno al confine con la Francia. Sulle regioni del centro, a partire dalla cerniera Lazio-Abruzzo e scendendo verso sud, specialmente nel pomeriggio, pur senza pioggia le nuvole saranno più intense ed i cieli più coperti. Su Sicilia, Calabria e gran parte della Sardegna, invece, a partire da metà mattinata e fin verso sera, ci saranno precipitazioni e a tratti anche intense e qualche volta “degenerate” in temporali.

La situazione si presenterà analoga ma perfino più accentuata domenica 25: su tutto il nord ed il centro splenderà il sole praticamente senza eccezioni e senza soluzione di continuità. Al sud, sereno o poco nuvoloso su Campania, Puglia e Basilicata, mentre sotto la pioggia, anche forte e temporalesca, resteranno gran parte della Calabria, tutta la Sicilia e la metà meridionale della Sardegna.

Un quadro che minaccia di rimanere tale anche il lunedì successivo.

 

Meteo della settimana dal 19 al 23 settembre

L’autunno è ondivago, variabile, spesso imprevedibile. Sospeso com’è fra l’estate e l’inverno, ovvero fra due opposti che cerca di unire. Insomma, la nuova stagione che proprio in questa settimana inizia lasciando alle spalle il tempo estivo, dal punto di vista meteorologico ha proprio nella alternanza di situazioni, climi e temperature, una sua caratteristica peculiare.

E questa settimana settembrina che ci apprestiamo a vivere non deroga affatto da questa tendenza generale, anzi: lunedì infatti permarrà la situazione di variabilità tendente al bello al centro-nord e di prevalente maltempo al sud, che vedrà decisamente mitigarsi i suoi effetti martedì. Mercoledì, invece, una nuova “ricaduta” di cattivo tempo investirà quasi l’intera Penisola con piogge e temporali diffusi ed un calo di temperature sensibili. Ma sarà il sentire di un giorno: già da giovedì ed ancora di più venerdì l’alta pressione tornerà a prevalere sulla bassa ed i cieli, da nord a sud, se non proprio limpidi e soleggiati saranno quantomeno privi di nuvole cariche di pioggia, facendo guardare al successivo week-end con discreto ottimismo…

meteo tendenze

Rapidamente i dettagli delle singole giornate: lunedì 19 resta sostanzialmente analoga a quella dei giorni precedenti. Clima sereno o poco nuvoloso al nord con massime ancora al di sopra dei venti gradi, più variabile al centro con qualche piovasco possibile soprattutto sulla Romagna e sulla Marche, decisamente peggiore al sud dove permarranno piogge e temporali fino a sera sia sul versante Tirrenico che su quello Adriatico, coinvolgendo anche la Sicilia.

Martedì 20 segnerà una piccola inversione di tendenza. Fatta salva qualche precipitazione residua mattutina specialmente sui rilievi della Puglia, della Lucania e della Calabria, anche il cielo del sud tornerà a conoscere una prevalenza del sereno o poco nuvoloso, con progressivo miglioramento nel corso della giornata. Invariata la situazione sul resto delle regioni, se si eccettuano alcune piogge che si potranno verificare sui rilievi alpini a sera.

Nella notte di mercoledì 21 ecco improvviso l’irrompere della perturbazione atlantica che con grande rapidità si porta sulle nostre latitudini riportando piogge e temporali diffusi su tutto lo Stivale, specialmente sulle regioni nord-occidentali e su tutto il versante Adriatico dalla Liguria alla Sicilia, Sardegna compresa. Leggermente migliore, ma sempre imprevedibile, la situazione sulle coste adriatiche che comunque non saranno del tutto esenti a episodi locali di maltempo. La perturbazione va veloce, come detto, e a sera avrà quasi completamente superato l’Italia viaggiando verso il centro Europa.

Per questo motivo, già dalla serata di mercoledì ma soprattutto da giovedì 22, la situazione sarà decisamente in miglioramento su tutte le regioni. Giovedì 22 sarà prevalente decisamente il sole, fatti salvi gli ultimi temporali nelle zone della Calabria, della Sicilia e della Puglia interessate degli ultimi strascichi di bassa pressione. Venerdì 23 settembre, infine, su quasi tutta l’Italia la nuvolosità se presente sarà decisamente ridotta e, su larghi tratti, le schiarite arriveranno a regalare un pione sole. Precipitazioni praticamente assenti e temperature in nuovo, leggero, rialzo dopo la “buriana” di mercoledì.

 

Meteo della settimana dal 12 al 16 settembre

Situazione stazionaria fino a martedì, mercoledì di diffuso bel tempo come “intermezzo” fra una perturbazione e l’altra e maltempo “autunnale” da giovedì che riporterà l’instabilità soprattutto sul centro nord. E’ questo in sintesi l’andamento del tempo atmosferico nei giorni della settimana centrale del mese di settembre, una sequenza di giorni che può essere preso a “paradigma” dell’ormai imminente modifica della tendenza metereologica sempre più votata all’autunno.

Se infatti lunedì e martedì resterà la perturbazione che ha portato già da diversi giorni pioggia e maltempo al centro sud, questa scomparirà mercoledì, ma sarà sostituita da giovedì da una nuova ed intensa “sorella” proveniente dall’Atlantico e che impatterà l’Italia a partire dal nord-ovest e procedendo in direzione sud-est. Anche il nord, dunque, da giovedì subirà un ritorno della pioggia, per alcuni malaugurata, per altri – specie gli allergici all’ambrosia… – sospirata…

meteo tendenze

Cominciamo il nostro consueto “viaggio” nei singoli giorni da lunedì 12 e martedì 13: poche le differenze da rimarcare rispetto alla situazione del precedente week-end con prevalenza di tempo soleggiato e stabile al centro-nord e sulla Sardegna e situazione decisamente più instabile a partire dal Molise e dal Lazio meridionale e giù fino alla Calabria e alla Sicilia Orientale. Piogge a tratti anche intense e a volte tramutate in temporali saranno la situazione prevalente in queste zone, come peraltro accade ormai da circa una settimana. Uniche eccezioni allo status quo, qualche precipitazione possibile sull’arco Alpino e lungo la dorsale appenninica in Toscana ed Umbria.

La situazione tenderà decisamente a migliorare nella sera di martedì ed infatti la giornata di mercoledì 14 sarà su tutta l’Italia serena con possibilità di piogge limitatissime e pure poche nubi all’orizzonte a “disturbare” i cieli tersi. Si tratta di una felice – l’ultima ? – parentesi che separerà le due perturbazioni, quella uscente e quella entrante che comincerà a far sentire i suoi effetti nella notte fra mercoledì e giovedì 15.

Saranno la Sardegna ed il Piemonte le prime regioni ad essere interessate dal nuovo fenomeno atmosferico, ma fin dalla mattina la pioggia ed i temporali, con anche il rischio di qualche nubifragio – saranno estesi a tutto il nord fatta eccezione per il Friuli, e l’alto Adriatico fino all’intera Toscana. In queste zone le temperature subiranno un sensibile calo. Migliore resta la situazione sul versante adriatico e sul centro sud, dove sarà prevalente il sole al massimo limitato da un cielo poco nuvoloso.

Venerdì 16, infine, la perturbazione si sarà spostata ancora di più verso l’Italia, coprendo tutto il nord ed il centro e spingendosi fino all’interno del Lazio, sull’Umbria e sulle Marche. In queste zone piogge e temporali saranno presenti pressoché senza soluzione di continuità, fatta eccezione per l’Emilia e la Toscana interna dove, a sprazzi, si potranno verificare maggiori schiarite. Sereno o poco nuvoloso al sud e sulle isole – anche sulla Sardegna, ormai “fuori” dall’area di influenza della perturbazione – con un sole pieno che si registrerà sulle coste joniche. Fra sabato e domenica ci si aspetta una situazione più variabile su tutto lo Stivale, ma per le notizie precise in merito non resta che… attendere qualche giorno!

 

Meteo del week-end 10-11 settembre

Un’Italia a due facce dove il nord ride ed il sud piange… Almeno in relazione alle attese di ciascuno riguardo al tempo meteorologico! Permane infatti per il fine settimana settembrino che ci apprestiamo a vivere la forte influenza della perturbazione atlantica che già nei giorni scorsi ha fatto confluire sull’Italia tutta le sue correnti instabili che hanno colpito soprattutto le regioni centro-settentrionali della Penisola.

Anche sabato e domenica questa tendenza si manterrà senza grosse modifiche e così, mentre le regioni settentrionali godranno di due giorni di bel tempo con soleggiamento decisamente prevalente e precipitazioni praticamente assenti se non ad intermittenza sull’estremo arco alpino, quelle centro-meridionali si troveranno in situazione del tutto opposta, con piogge e temporali che caratterizzeranno tutta la giornata e saranno a tratti anche decisamente intensi.

meteo tendenze

Sabato 10, dunque, sarà una giornata serena o poco nuvolosa su tutte le regioni del nord, sulla Sardegna, sull’Emilia e sulla Toscana. Unica eccezione la presenza di qualche rovescio, specie in mattinata, sulle Alpi orientali e presso le zone di confine. A partire dalla fascia Lazio-Umbria-Marche e a scendere fino alla punta dello Stivale, la situazione sarà decisamente diversa con pioggia intensa e continua, lo svilupparsi di diversi temporali e temperature in lieve diminuzione. Esente da questa situazione la Sicilia, che sarà lambita dalla zona di maltempo solo in maniera trascurabile. La sera si registrerà un lieve miglioramento, specialmente nella fascia centrale della Penisola e sulla costa tirrenica, ma si tratterà di una situazione di calma transitoria.

Nella notte di domenica 11, infatti, il maltempo tornerà ad estendere la sua area di influenza nuovamente ritornando, più o meno, a ricalcare fedelmente la situazione di sabato. Lazio meridionale, Campania, Basilicata, Puglia – specie nella zona del Gargano – e Calabria saranno le regioni più “colpite” dalla pioggia intensa che, verso sera, tenderà ancora una volta ad attenuarsi coinvolgendo soltanto l’area jonica. Qualche piovasco anche su Sicilia e Sardegna, ma in forma meno rilevante e più isolata. Gli strascichi della perturbazione si faranno sentire anche lunedì 12, per scomparire quasi completamente nelle giornate successive.

 

Meteo della settimana dal 5 al 9 settembre

Confermato, ma con qualche sorpresa: il tempo atmosferico della nuova settimana si presenta così, con la attesa perturbazione che come previsto arriverà sullo Stivale, ma con una “traiettoria” inattesa di accesso che coinvolgerà non il nord ma bensì il centro-sud.

Se infatti ci eravamo lasciati alla vigilia del fine settimana con una previsione che prevedeva un peggioramento della situazione a partire dall’arco alpino e via via sulle aree immediatamente adiacenti ad esso del centro nord, gli sviluppi successivi, ed in particolare la rotte “inattese” che le correnti di aria fredda hanno seguito “aggirando” l’Italia e rientrandovi da est, hanno modificato un po’ le carte in tavola portando al centro dell’area di instabilità il centro ed il sud.

Il nord, invece, sarà sostanzialmente risparmiato dal maltempo e, fatta salva per una attenuazione del caldo, continuerà a godere di giornate di bel tempo piuttosto continuo.

meteo tendenze

Scendiamo subito nei dettagli delle singole giornate dato che molto c’è da dire: lunedì 5 settembre la situazione si presenterà decisamente variabile al nord, con precipitazioni sull’arco alpino e sulle Venezie. L’area dove la perturbazione atlantica porterà maggiormente i suoi “bagnati” strascichi è tuttavia quella del centro e, in particolare modo, del versante adriatico: Romagna, Marche, Umbria, Abruzzi, Puglia e l’interno di Lazio e Campania saranno battute da forti piogge e temporali che, in serata, raggiungeranno anche il resto del sud sconfinando in Calabria e Lucania. Le temperature saranno generalmente in calo.

Anche martedì 6 la costa adriatica, ed in particolare quella compresa fra Marche e Gargano, sarà la zona più interessata dalle piogge, presenti anche se in forma più locale anche in Calabria e nella Sicilia Orientale. Migliore la situazione sulle coste tirreniche e sulla Sardegna, dove salvo qualche nuvola sparsa, prevarrà ancora il sole. Al nord, sebbene le piogge siano pressoché assenti, il cielo sarà decisamente più soleggiato ad ovest che ad est, dove non mancheranno annuvolamenti anche intensi.

Mercoledì 7 l’Italia sarà decisamente “divisa in due” dal maltempo: al nord i cieli saranno prevalente mente sereni o poco nuvolosi, con temperature comunque al di sotto dei trenta gradi. A partire dal sud della Toscana e dall’Umbria, la perturbazione conoscerà un terzo giorno di maltempo con piogge generalizzate e diffuse su tutte le regioni, Sicilia e Sardegna comprese. Le temperature subiranno un ulteriore calo.

Tale situazione, con lievi differenze, continuerà sia giovedì 8 che venerdì 9 settembre: piogge e temporali saranno piuttosto costanti al centro sud, con il versante tirrenico in situazione sempre leggermente “migliore” rispetto a quello adriatico. Continua invece il tendenziale bel tempo al nord, dove la nuvolosità sarà relativa e, se presente, non porterà se non in rarissimi casi isolati possibili soprattutto sui rilievi dell’arco alpino orientale, a rovesci consistenti.

 

Meteo del week-end 3-4 settembre

Settembre, il mese della fine dell’estate, il mese della malinconia e del ritorno alla normale routine. Ma anche un mese imprevedibile, dai colori intensi ed affascinanti, che racchiude opportunità e spesso riserva sorprese. Settembre è arrivato, dalla metà della scorsa settimana, e si appresta a vivere il suo primo week-end. E per adesso il nono mese dell’anno ci ha riservato un trattamento privilegiato mantenendo un clima in linea ancora con la piena estate.

Sabato e domenica, dunque, la bassa pressione alimentata dalle correnti africane continuerà a farla da padrona su tutto il Paese e, salvo qualche rara eccezione – sotto forma di qualche rovescio e qualche temporale sulla fascia alpina per domenica – contribuirà a mantenere un clima ovunque soleggiato ed una temperatura ancora calda. Ma, attenzione: potrebbe trattarsi del “canto del cigno” della bella stagione. Subito lunedì infatti è previsto l’arrivo di una nuova perturbazione dall’Atlantico che, in prima battuta al centro-nord, contribuirà a riportare instabilità ed un sensibile calo termico. Godiamoci il fine settimana dunque, in attesa di saperne di più sul prossimo futuro…

meteo tendenze

Come ormai nostra consuetudine, dettagliamo un attimo il tempo sull’Italia nei due giorni del fine settimana: approfondendo quanto accadrà sabato 3, ecco che lo Stivale si presenta con una netta prevalenza di sole e di cieli tersi. Qualche velatura in più del cielo – ma senza alcuna precipitazione né influenza sulle temperature che resteranno calde – si potrebbe registrare su alcune aree del centro-nord e, nel pomeriggio, lungo la dorsale appenninica. Poco altro da segnalare se non la conferma del sole pieno che regnerà sulle regioni del sud e su praticamente tutte le coste.

Domenica 4 la situazione resterà praticamente invariata salvo però una eccezione: le prime avvisaglie della perturbazione molto più instabile che arriverà lunedì sulla nostra beneamata Penisola, farà caolino sulla fascia alpine e, soprattutto nel pomeriggio, porterà su essa una buona probabilità di piogge che, dapprima deboli, si faranno più intense nella notte. Ne saranno interessate soprattutto le zone di confine. In conseguenza di ciò una maggiore nuvolosità si registrerà nella seconda parte della giornata anche sulle zone più basse del Piemonte, della Lombardia e del Triveneto. Nessuna variazione significativa sul resto delle regioni.


Vedi altri articoli su: Meteo |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *