Le Olimpiadi di Sochi: Bruno Banani, da Tonga sul ghiaccio

L'incredibile storia dello slittinista proveniente dall'Oceania arrivato alle Olimpiadi dopo un casting voluto dalla principessa della sua isola. Che voleva Tonga a Sochi…

Bruno Banani
Bruno Banani

Abbiamo eletto il nostro idolo olimpico 2014. Si chiama Bruno Banani. O meglio, si chiama in realtà Fuahea Semi è nato nelle Isole Tonga, nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico il 4 dicembre 1987. Fuahea alias Bruno è il primo atleta proveniente dal suo paese a partecipare ad una edizione delle Olimpiadi Invernali, cosa non certo sorprendente visto che a Tonga la neve non l’hanno mai vista nemmeno in foto. Cosa fa a Sochi? Lo slittinista. E’ successo che nel 2008 la principessa di Tonga Salote Mafile’o Pilolevu Tuita, grande appassionata – almeno così si dice – di sport invernali stava cercando un suo connazionale che potesse essere in grado di realizzare il suo sogno: vedere la bandiera di Tonga garrire nel vento durante la sfilata degli atleti nella cerimonia di apertura di una Olimpiade Invernale. Fu così che l’intraprendente sovrana trovò la collaborazione di un noto brand tedesco produttore di biancheria intima – la Bruno Banani – disposta ad “adottare” un tongano, a portarselo in Germania e insegnargli la complicata arte dello slittino. Fu quindi attraverso un casting stile X-Factor che Fuahea è stato scelto. A patto che all’anagrafe il suo nome fosse cambiato in quello dell’azienda, Bruno Banani appunto. Per diventare un vero e proprio testimonial vivente. Una storia incredibile e originale che ha fatto storcere più di un naso ed è stata criticata duramente da membri in vista del Comitato Olimpico Tradizionale. Ma tant’è: Bruno ha ottenuto i tempi minimi di ammissione ai Giochi ed è a Sochi. Sceso in pista, ha pure messo cinque avversari – un indiano, un coreano, un moldavo, un bulgaro e un cinese di Taipei – dietro di sé nella prima manche del singolo maschile nella sua specialità. E la principessa, che era a fine pista ad attenderlo, aveva un grande sorriso…

Banani portabandiera di Tonga. Dietro di lui, la principessa Salote Mafile'o Pilolevu Tuita

 


Vedi altri articoli su: Attualità | Eventi | Olimpiadi Sochi 2014 |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *