I film da vedere assolutamente nel 2019

Una lista di film da vedere assolutamente nel 2019, con grandi ritorni come Eastwood e Tarantino e i nuovi remake in live action della Disney.

Quali saranno i film da vedere assolutamente nel 2019? Cosa ci aspetta nell’anno appena iniziato sul grande schermo?

Il cinema italiano come sempre continua a battere molto sulle commedie, mentre dall’estero arrivano tante pellicole in costume, molta azione e qualche film d’autore che certamente vale la pena di essere messo in lista.

Non mancherà in questo nuovo anno qualche appuntamento da non perdere tanto per i cinofili quanto per i semplici appassionati e perfino gli spettatori meno assidui nelle sale (e magari più abituati alla visione domestica sui servizi streaming o ancora con la vecchia e cara televisione ben lontana dall’essere archiviata).

Tra i film da vedere assolutamente nel 2019 ci saranno ad esempio quello del ritorno di Quentin Tarantino con un cast all star, quello di Clint Eastwood già nelle sale a febbraio con un nuovo film da regista e protagonista, l’esperimento di Matteo Rovere con un film in protolatino con un eccezionale Alessandro Borghi e molto altro ancora.

Ecco una lista utile per ricordare cosa è appena uscito in questo inizio d’anno nelle sale e cosa uscirà nei prossimi mesi, cui si aggiungeranno nel corso delle settimane anche altri titoli da inserire tra i film da vedere assolutamente nel 2019.

Non ci resta che il crimine di Massimiliano Bruno (leggi la nostra recensione)
Risate a profusione in questa commedia ispirata a Non ci resta che piangere di Benigni e Troisi ma anche un po’ alla saga di Ritorno al futuro, con tanti riferimenti alla cultura popolare italiana e un quartetto d’assi come Alessandro Gassmann, Marco Giallini, Gianmarco Tognazzi ed Edoardo Leo come protagonisti.

Non ci resta che il crimine
Non ci resta che il crimine, dal 10 gennaio al cinema la commedia action di Massimiliano Bruno

Il primo re di Matteo Rovere
Esperimento coraggiosissimo che, se non fosse per l’altisonante e popolare nome di Alessandro Borghi tra i protagonisti, avrebbe rischiato di essere relegato ad un pubblico di nicchia quello di Matteo Rovere, con un film tutto girato in un protolatino e sottotitolato in italiano sulla leggenda di Romolo e Remo, già nelle sale.

Green Book di Peter Farrelly
Dal regista di Scemo & più scemo e Tutti pazzi per Mary, la commedia in odore di Oscar sull’amicizia capace di abbattere ogni barriera è ispirata a una storia vera: eccezionale la coppia di protagonisti, Viggo Mortensen e Mahershala Ali che interpretano un rozzo buttafuori italo-americano e un raffinato pianista di jazz, due soggetti agli antipodi tra cui nascerà un legame profondo. Già in sala.

La Favorita di Yorgos Lanthimos
Accuratissimo nella ricostruzione del periodo storico, con interpreti eccezionali (Olivia Colman, Emma Stone e Rachel Weisz) e un’impeccabile sceneggiatura, La Favorita è già al cinema forte di ben 10 candidature agli Oscar nelle principali categorie.

Vice – L’uomo nell’ombra di Adam McKay
Rischia di portare a casa un bel po’ di Oscar anche il film per cui il povero Christian Bale ha dovuto affrontare l’ennesima, sofferta, prova da camaleonte, con una trasformazione fisica che l’ha portato ad ingrassare di 20 chili per calarsi nei panni del vicepresidente Dick Chaney diventando irriconoscibile e – proprio per questo – credibilissimo. Già disponibile nelle sale da gennaio.

Se la strada potesse parlare
Se la strada potesse parlare, il poster del film di Barry Jenkins

Se la strada potesse parlare di Barry Jenkins (leggi la nostra recensione)
Il melodramma del regista premio Oscar per Moonlight ha debuttato nelle sale a gennaio ed è in corsa agli Oscar: adattamento del romanzo omonimo di James Baldwin, racconta una generazione di afroamericani i cui sogni di vita sono stati spezzati dal razzismo dilagante e istituzionalizzato.

The Mule – Il Corriere
In sala dal 7 febbraio l’ultima fatica di Clint Eastwood, ormai alla soglia dei novant’anni, che dirige se stesso in film drammatico sulla solitudine, l’importanza dei rapporti umani e delle seconde opportunità esplorate con l’espediente di una storia di narcotraffico in cui non mancano le battute taglienti e politicamente scorrette del protagonista – in perfetto stile Eastwood – a vestire il tutto anche di una chiave ironica.

Dolor y Gloria di Pedro Almodovar
Il maestro del cinema spagnolo torna a lavorare con alcuni dei suoi attori feticcio come Antonio Banderas, Penelope Cruz e Cecilia Roth (già diretti ne Gli amanti passeggeri) su un film dalla trama felliniana, la storia di un regista in declino che ripercorre i momenti più esaltanti della sua lunga carriera dagli anni Sessanta al presente. Esce in Spagna il 22 marzo.

Dune di Denis Villeneuve
Un altro film dal super cast quello diretto dal regista di Blade Runner 2024 e Arrival, un remake tratto dal capolavoro di fantascienza di Frank Herbert. Javier Bardem, Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Charlotte Rampling sono tra i grandi nomi di questo film annunciato come un moderno Star Wars e diviso in due parti, che non ha ancora una data d’uscita.

Beautifil Boy di Felix Van Groeningen
Il talentuoso Timothée Chalamet (protagonista dello straziante Chiamami col tuo nome dopo il quale è diventato gettonatissimo a Hollywood) è anche nel cast di questo film con Steve Carell sulla storia di un padre che cerca di aiutare il figlio ad uscire dalla tossicodipendenza, già presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma lo scorso autunno ma in arrivo nelle sale solo a giugno 2019.

Once Upon A Time In Hollywood di Quentin Tarantino
Quattro anni dopo il western The Hateful Eight, il regista che si è inventato un genere ha chiamato a raccolta un cast straordinario composto da Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie, Al Pacino, Dakota Fanning e Kurt Russell per una storia di omicidi ambientata alla viglia degli anni ’70. Atteso il 26 luglio negli Stati Uniti.

Classici Disney in live action
Dopo i successi dei remake in live action de La Bella e la Bestia e Cenerentola, quest’anno Disney riproporrà nuovi classici come Dumbo, diretto da Tim Burton e Il Re Leone, con le voci di Donald Glover e Beyoncé, ma soprattutto il remake di Aladin, con Will Smith nei panni del genio della lampada. Un tris di film-evento da non perdere.

Star Wars: Episodio 9 di J.J. Abrams
Nono ed ultimo episodio per la saga di Skywalker, imperdibile per gli appassionati del genere, anche stavolta affidato per la regia a J.J. Abrams, con protagonista Daisy Ridley. Bisognerà attendere dicembre 2019 per l’uscita.

Frozen 2 di Jennifer Lee, Chris Buck
Film d’animazione dagli incassi più alti di sempre, Frozen avrà un seguito col ritorno di Kristen Bell e Idina Menzel a dare le voci ad Anna and Elsa (nella versione italiana sono Serena Rossi e Serena Autieri). L’uscita è prevista entro fine anno.

Piccole donne di Greta Gerwig
Il romanzo di Louisa May Alcott del 1868 ambientato nel Massachusetts torna al cinema 25 anni dopo il celebre adattamento con Winona Ryder. Stavolta le protagoniste sono Emma Watson, Saoirse Ronan, Florence Pugh ed Eliza Scanlen nei ruoli di Meg, Jo, Amy e Beth, mentre Meryl Streep sarà la zia March. Dirige Greta Gerwig, l’unica donna ad ottenere una nomination all’Oscar come miglior regista dal 2010.

Ti potrebbe interessare anche

Shopping

Come risparmiare su tutto con il cashback

TV

Quando esce la casa di carta 4

Viaggi

Un assaggio d’Irlanda in autunno

Celebrity

Joker: tutti gli attori che lo hanno interpretato

Celebrity

Chi è la regista del film su Chiara Ferragni: Elisa Amoruso

Celebrity

Apple Martin: chi è la figlia di Gwyneth Paltrow

Visitare gli Stati Uniti risparmiando: consigli utili
Viaggi

Visitare gli Stati Uniti risparmiando: consigli utili

TV

Chi è Nuela, il cantante di Carote che ha conquistato X Factor 2019

Piatti tipici da mangiare a Fuerteventura
Viaggi

Piatti tipici da mangiare a Fuerteventura

È una delle isole più belle e visitate delle Canarie. Oltre ad avere spiagge bellissime Fuerteventura offre anche una cucina sfiziosa e gustosa.

Leggi di più