Non ci resta che il crimine

Non ci resta che il crimine con Giallini, Gassmann e Tognazzi

Il nuovo film di Massimiliano Bruno con protagonisti Marco Giallini, Alessandro Gassmann e Giammarco Tognazzi alle prese con un improbabile viaggio nel tempo in stile “Non ci resta che piangere”.

È un film genuinamente divertente, irriverente e un tantino nostalgico Non ci resta che il crimine, dal 10 gennaio al cinema con un cast stellare che riunisce quattro dei migliori e più ricercati interpreti del cinema italiano più l’attrice in erba, ma già David di Donatello per Lo chiamavano Jeeg Robot, Ilenia Pastorelli.

Il film di Massimiliano Bruno, scritto dal regista insieme ad Andrea Bassi, Menotti e Nicola Guaglianone (lo stesso di Jeeg Robot), è un mix di commedia, azione e fantasy anni Ottanta, ricco di citazioni ed omaggi al grande cinema italiano in cui non sarà difficile riconoscere un tributo a Non ci resta che piangere di Benigni e Troisi, già dal titolo ma anche nella trama, come pure alla saga cult Ritorno al futuro o, per tornare ancora più indietro nel tempo, alla banda de I Soliti Ignoti.

I protagonisti Marco Giallini, Alessandro Gassmann e Giammarco Tognazzi interpretano Moreno, Sebastiano e Giuseppe, tre spiantati che vivono arrangiandosi e si inventano un “tour della malavita romana” per portare i turisti in giro sui luoghi cardine della storia della banda della Magliana, un espediente che dovrebbe aiutarli a sbarcare il lunario e invece finisce per catapultarli attraverso una finestra temporale nel 1982.

Anno in cui il feroce Renatino De Pedis (Edoardo Leo) aveva già accumulato un tesoro inestimabile con la sua banda, tra scommesse clandestine, rapine ed altri delitti. Ma anche anno dei gloriosi Mondiali di Spagna con una travolgente Italia guidata da Rossi e Cabrini, della moda freak e dei night club.

E allora perché non approfittarne per cambiare il corso della storia ed evitare di diventare i poveracci che i tre si ritrovano ad essere nel 2018?

L’avventura, tra scommesse vinte conoscendo i risultati delle partite e tentativi di rubare alla banda della Magliana il suo tesoro nascosto nei sotterranei di Sant’Apollinare a Roma, si rivelerà pericolosa e surreale per i tre protagonisti, costretti ad improvvisarsi rapinatori travestiti da membri del gruppo rock dei Kiss e affrontare drammi della gelosia con la donna del boss (Ilenia Pastorelli, unica presenza femminile di rilievo ma ritratta in modo piuttosto stereotipato come la grezza spogliarellista e in quanto tale mai vestita: “In questo film sto praticamente sempre nuda” ha sottolineato la stessa attrice in conferenza stampa), ma anche a fare i conti con i propri limiti, riscoprendo il valore dell’amicizia, per cercare di ritornare sani e salvi nel presente.

Non ci resta che il crimine
Il cast di Non ci resta che il crimine presenta il film in conferenza stampa

Scimmiottando il genere poliziesco e le serie tv in stile Romanzo Criminale, questa lotta tra tre improbabili amici e i membri della banda che ha terrorizzato Roma negli anni Settanta e Ottanta fa della commistione di generi e dell’effetto amarcord il suo forte, con una sceneggiatura che pur con qualche limite fa rivivere ed esalta tanti elementi della cultura pop dell’epoca con genuina ironia, ridicolizzando il potere criminale annullando ogni effetto di fascinazione del male, con una regia capace di valorizzare i tempi comici degli attori, un’ottima fotografia, una colonna sonora all’insegna del rock e del pop dell’epoca e un montaggio che diverte con abbondante uso di split screen.

E con un finale più che aperto, decisamente propedeutico ad un seguito, o magari ad una trilogia in stile Smetto quando voglio.


Vedi Anche


Ti potrebbe interessare anche

Meghan Markle, tutte le regole infrante dalla Duchessa
Celebrity

Meghan Markle, tutte le regole infrante dalla Duchessa

remake di Aladdin Disney
Celebrity

Il remake di Aladdin in stile Broadway, sontuoso, idealista e femminista

Celebrity

Un’Avventura, il film con le canzoni di Battisti e Mogol tra melò e musical

Se la strada potesse parlare
Celebrity

Se la strada potesse parlare tra questione razziale e romanticismo, il sogno americano che diventa incubo

Sognare è Vivere, Natalie Portman
Celebrity

Sontuoso esordio alla regia per Natalie Portman in Sognare è Vivere, dal romanzo di Amos Oz (recensione in anteprima)

I Pirati dei Caraibi 5 la battaglia vita - morte e il senso di famiglia con La Vendetta di Salazar (recensione)
Celebrity

Ne I Pirati dei Caraibi 5 la battaglia vita – morte e il senso di famiglia con La Vendetta di Salazar (recensione)

Nicolai Lilin - I miei 60 giorni all'inferno
Celebrity

Intervista a Nicolai Lilin, voce de I miei 60 giorni all’inferno su Sky: “In carcere per guardarci dentro”

Tutti i tatuaggi di Rihanna
Celebrity

Tutti i tatuaggi di Rihanna

Quanto costa un taxi a Ibiza
Viaggi

Quanto costa un taxi a Ibiza

Muoversi a Ibiza è piuttosto semplice, soprattutto se scegliete di farlo in taxi: scopriamo quanto costa e cosa fare.

Leggi di più