Vladimir Luxuria: perché non ha completato la transizione?

Vladimir Luxuria: perché non ha completato la transizione?
-
04/01/2022

Vladimir Luxuria, in una recente intervista, si è raccontata rivelando per la prima volta perché non ha mai completato il processo di transizione che l’avrebbe portata a cambiare sesso. L’ex parlamentare, comunque, ha specificato che non è detto che in futuro non possa ripensarci. 

vladimir-luxuria-

Vladimir Luxuria si è raccontata a cuore aperto in una recente intervista dove, per la prima volta, ha parlato del percorso di transizione per cambiare sesso, che non ha mai portato a termine. L’opinionista televisiva, ex parlamentare e volto noto del piccolo schermo, è sempre stata molto diretta e molto sincera nel parlare delle sue scelte di vita, cercando anche di sensibilizzare sull’argomento.

Fin da quando era piccola, Vladimir Luxuria ha sempre sentito di non riconoscersi affatto nell’identità maschile di cui si sentiva “prigioniera”. Ecco perché ha ben presto iniziato il suo processo di transizione, sottoponendosi ad interventi di chirurgia estetica, che hanno modificato i lineamenti del suo volto e del suo fisico.


Leggi anche: Michael Schumacher uscito dal coma e dimesso

Vladimir Luxuria: il terrore dell’anestesia

vladimir-luxuria-2021-rai

Vladimir Luxuria ha ricordato questo processo al quale si è sottoposta, spiegando perché non ha mai avuto il coraggio di andare fino in fondo:

“L’anestesia mi terrorizza. Anche se poi è vero: mi sono rifatta naso, labbra e seno in una botta sola. E, a dire il vero, attiravo l’attenzione degli uomini più come trans. La transizione richiede varie fasi: avendo piena proprietà del corpo si può fermare quando si vuole. Ma anche andare avanti: non è detto che non cambi sesso del tutto”.

L’opinionista televisiva, quindi, non esclude che un giorno possa completare il processo di transizione per diventare donna, anche se al momento questa scelta non è nei suoi piani. C’è una scelta del suo passato, però, che Vladimir Luxuria non rifarebbe mai, quella di concedersi fisicamente ricevendo dei soldi in cambio dopo le tante delusioni subite in amore:

Non mi prostituirei un’altra volta. Non posso dire di essermi pentita, era un periodo della mia vita. L’ho trascorso con lunghe sedute dall’analista; avevo passato talmente tante delusioni con gli uomini che, per ripicca, nella mia testa, decisi: non mi date niente o vi vergognate di me? Almeno datemi i soldi”.


Potrebbe interessarti: Meteo di fine marzo: week-end di sole decisamente primaverile

Ilaria Bucataio
  • Scrittore e Blogger