Selvaggia Lucarelli contro Alessandra Mussolini

Selvaggia Lucarelli attacca Alessandra Mussolini dopo aver espresso il proprio sostegno al DDL Zan. Secondo la giornalista, quella dell’ex politica sarebbe una scelta ipocrita e troppo facile, ora che non fa più politica e non ha bisogno di conquistarsi i voti della destra.

Sono molti i personaggi celebri che hanno aderito all’iniziativa di Vanity Fair di sostenere online il disegno di legge Zan.

Tra gli innumerevoli volti noti provenienti da diversi ambiti, cinema, musica, moda, letteratura, arte, politica, anche Alessandra Mussolini, che ha sorprendentemente deciso di prendere parte alla campagna #DiamociUnaMano.

Le critiche non si sono fatte attendere, soprattutto quelle di Selvaggia Lucarelli, che con un post su Instagram spiega di essere perplessa riguardo la sua adesione, viste alcune dichiarazioni del passato, quando Alessandra Mussolini faceva politica.

Il sostegno di Alessandra Mussolini al DDL Zan

In effetti, sono moltissimi ad essersi sorpresi nel vedere Alessandra Mussolini abbracciare la causa a sostegno del tanto discusso disegno di legge Zan.

Lo scorso venerdì infatti, l’ex politica ha pubblicato sul suo profilo Instagram la foto a sostegno del DDL Zan dell’iniziativa lanciata da Vanity Fair.

Il noto settimanale ha lanciato l’invito a fotografare la propria mano con su scritto “DDL ZAN” per manifestare il proprio appoggio alla causa per la calendarizzazione e approvazione del disegno di legge contro omofobia, transfobia, misoginia e abilismo.

Alessandra Mussolini, in passato, fece molto scalpore quando, in collera con Vladimir Luxuria durante una puntata di Porta a Porta del 2006, le gridò contro “Meglio fascista che fr***o” e anche “Si veste da donna e crede di poter dire tutto quello che vuole”.

Esternazioni notevolmente contrastanti con il suo sostegno ad un disegno di legge volto a contrastare proprio questo genere di atteggiamenti.

Le perplessità di Selvaggia Lucarelli

Proprio in proposito al cambio di rotta repentino dell’ex politica, è intervenuta ieri pomeriggio Selvaggia Lucarelli, che dal proprio profilo Instagram ripubblica la foto precedentemente pubblicata da Alessandra Mussolini, ma con la sua opinione al riguardo spiegata nella didascalia.

Selvaggia Lucarelli parla di troppa vetrina e troppe strumentalizzazioni riguardo alle adesioni alla campagna di sensibilizzazione di Vanity Fair, impressione confermata dalla partecipazione di Alessandra Mussolini, appunto, date le incongruenze con la visione politica più volte espressa in passato, quando era in politica e si schierava dall’altra parte della barricata:

“Parlo a titolo personale ed esprimo il mio disagio nel vedere gente che non ha mai detto mezza parola, che non ha mai messo la faccia in alcuna battaglia e ora mette la mano con la frasetta nella sua pagina Instagram. O peggio, come la Mussolini, che diceva “meglio fascista che fr***o” o “ma dove vai vestito da donna?” e oggi si fa la fotina per sostenere una legge contro le discriminazioni. Fotina che ha confermato le ragioni della mia perplessità.

Facile strizzare l’occhio al mondo lgbt quando si lascia la politica (perché nessuno ti vota più) e si decide di entrare nel mondo dello spettacolo. Poteva raccontarci della sua conversione e fare qualcosa di concreto quando poteva INCIDERE in politica, la Mussolini, non solo ora che balla e canta in tv. Perché il sostegno del mondo lgbt fa comodo, quando si fa spettacolo, meno quando vuoi prenderti voti a destra.”



Celebrity

Andrea Zenga ha un’altra? Le parole di Rosalinda

Celebrity

GF Vip 6: Soleil Sorge tra i concorrenti?

Celebrity

Giulia De Lellis: weekend d’amore con Carlo

Celebrity

Antonella Elia: pronta per un nuovo programma?

Celebrity

Tommaso Zorzi e Stanzani: regalo speciale da un fan

Celebrity

Nicolò Zaniolo diventa papà: la foto con il figlio

Celebrity

Elettra Lamborghini: il concorso a tema Pistolero

Celebrity

Chiara Ferragni: la tenera dedica per Matilda