Pamela Prati: “Ho pensato di togliermi la vita!”

Pamela Prati: “Ho pensato di togliermi la vita!”
-
16/12/2021

Anche se sono ormai passati più di due anni, il pubblico ricorderà sicuramente la vicenda che coinvolse Pamela Prati e Mark Caltagirone, un fantomatico uomo che la showgirl avrebbe dovuto sposare ma che, in realtà, non esisteva. La donna, ricordando la dolorosa esperienza, ha rivelato di aver pensato anche al suicidio, una volta scoperta la verità! 

Pamela-Prati-dramma-che-si-nasconde

Era stata rinominata “Prati-gate” ed era la vicenda che riguardava Pamela Prati la sua (a sua insaputa) finta relazione con Mark Caltagirone, un uomo che non esisteva davvero e che l’aveva raggirata per anni, creando anche due finte identità per quelli che sarebbero dovuti essere i suoi bambini, Sebastian e Rebecca.

Visto quanto successo di recente anche al povero Roberto Cazzaniga, che dopo 15 anni di fidanzamento online ha scoperto di essere sempre stato preso in giro, la donna è voluta tornare sull’argomento, per sensibilizzare il pubblico sul fenomeno del catfishing, cioè del fingersi qualcun altro per raggirare quelle che sono a tutti gli effetti vittime.

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, così, la soubrette ha rivelato di aver sofferto molto per quanto successo e, addirittura, di aver pensato di togliersi la vita.

Pamela Prati: voleva morire dopo il Prati-Gate?

Pamela-Prati-pubblicato-un-audio-in-cui-parla-di-Mark-Caltagirone-1280×720

“Cosa ho pensato quando il castello di bugie è crollato? Non l’ho mai detto prima, ma ho anche pensato di togliermi la vita. La fine di una storia è sempre un trauma, ma scoprire che una persona addirittura non esiste è uno choc psicologico. Quando ho realizzato che era tutta una finzione mi sentivo svenire, mi mancava l’aria. Una violenza psicologica terrificante“.

ha rivelato in queste ore Pamela Prati, che per anni è stata manipolata per far sì che credesse all’esistenza di Mark Caltagirone, un uomo con cui credeva di essere fidanzata ma che, in realtà, non è mai stato reale.

“Sono stata manipolata da due persone che conoscevano le mie fragilità. Sono tantissime le persone che finiscono nella mia stessa trappola, e oggi il mio impegno è sensibilizzare l’opionione pubblica intorno a questo genere di truffe. Durante l’organizzazione del matrimonio ho più volte provato l’abito da sposa, era quello dei miei sogni, come l’ho sempre immaginato. Ho ancora i regali che compravo ai due bambini”.

ha aggiunto la donna, rivelando che aveva persino organizzato una festa di compleanno al bambino sulla sua terrazza a cui, ovviamente, non ha partecipato nessuno.

“Ho video, messaggi, prove, regali. Il mio desiderio più grande è poter far vedere tutto quello che posseggo in modo da dimostrare alle persone quanto macabro sia stato il tutto”.

ha continuato la donna. E speriamo che la sua esperienza aiuti tante persone che, come lei, sono vittime di truffatori e gente senza scrupoli.

Arianna Preciballe
  • Scrittore e Blogger