Aurora Ramazzotti: insultata di nuovo

Aurora Ramazzotti continua ad essere vittima di offese sessiste sui social per aver denunciato il fenomeno del catcalling. l’Influencer risponde con una storia su Instagram per rivendicare la propria libertà di mostrare il suo corpo come vuole senza che la faccenda precluda il suo diritto a denunciare le molestie verbali di strada.

Alcuni giorni fa Aurora Ramazzotti aveva denunciato dalle sue Instagram stories un fatto molto grave: lei, come moltissime donne in ogni parte del mondo, sono costantemente vittima del fenomeno del catcalling.

Moltissimi personaggi del mondo dello spettacolo hanno dimostrato solidarietà e sostegno alla causa di Aurora, ma nel web sono state tantissime le critiche e le offese nei confronti dell’influencer, volte a minimizzare la gravità delle molestie verbali di strada e a giustificare i molestatori.

Le offese sessiste nei confronti di Aurora Ramazzotti

Ieri mattina, Aurora Ramazzotti è tornata a parlare di ulteriori attacchi subiti per aver denunciato un fenomeno che dimostra che le donne siano costrette a subire molestie verbali semplicemente uscendo per strada.

Gli attacchi rivolti ad Aurora sono attacchi sessisti che si basano sul fatto che l’influencer si sia mostrata in diversi contenuti social in costume da bagno, con parti del suo corpo in mostra, e questo nella mente di alcuni hater ha significato qualcosa di inaccettabile, che andrebbe ad annullare qualunque tipo di denuncia sociale Aurora Ramazzotti potesse diffondere dalle proprie stories.

Ovviamente Aurora ha risposto spiegando che il proprio corpo può mostrarlo come vuole, ma avrà sempre il diritto di indignarsi di fronte a delle molestie verbali.

Perché Aurora Ramazzotti ha denunciato il fenomeno del catcalling

Il catcalling è una vera e propria molestia verbale di strada, subita prevalentemente dalle donne. Si tratta di commenti volgari, sessisti, fischi, complimenti indesiderati ed espressioni ammiccanti non richieste da parte di sconosciuti.

Sono moltissime le donne che dichiarano di esserne state vittima almeno una volta nella vita, di aver avuto paura per aver subito in strada questi atteggiamenti da parte di sconosciuti, e di aver cambiato strada, o perfino di aver intrapreso un tragitto diverso in futuro per evitare di ricorrere nel rischio di incontrare nuovamente il molestatore lungo il percorso abitualmente percorso.

Di fatto sono molestie e provocano in chi le subisce delle conseguenze che possono anche prolungarsi nel tempo.



Celebrity

Drag Race Italia: i primi indizi sulle 8 Queen

Celebrity

Wanda Nara perdona Icardi? La foto

Celebrity

Ballando Con Le Stelle: ascolti battuti da Tu Sì Que Vales?

Celebrity

Francesco Facchinetti: attaccato da McGregor

Celebrity

Ambra Angiolini: la lettera di Striscia La Notizia

Celebrity

Balotelli: nuovo amore per il calciatore

Celebrity

Paola Turani: come ha scelto il nome del figlio?

Celebrity

Guè Pequegno diventa papà