Armani SS 2016

Armani SS 2016: “fil rouge” tra stile classico ed eleganza contemporanea

Da Re Giorgio sale in passerella l’inaspettato, con lo stilista che propone una silenziosa rivoluzione di stile fatta di colori, forme e volumi ispirati a temi nautici e declinata in una collezione giovane, elegante e briosa, inconfondibilmente Armani

Nessuna dichiarazione di intenti, ma una rivoluzione silenziosa. La collezione primavera-estate 2016 presentata da Giorgio Armani alla Milano Fashion Week è un’evoluzione dell’estetica della maison che prende spunto da temi marinari per “salpare” verso nuovi orizzonti di stile, ma sempre nel nome di un’eleganza sofisticata e rarefatta.

Modern woman

Neppure Giorgio Armani è immune dalla pressione di essere al passo con i tempi e così ecco il desiderio, la necessità, di proporre qualcosa di inaspettato. “Si tratta di un’alternativa, un’evoluzione – ha spiegato, riferendosi alla filosofia e all’ispirazione della sua proposta per la primavera-estate 2016 – Tutti gli stilisti sono terrorizzati all’idea di disegnare vestiti da ‘sciura’. Perciò io non mi riferisco a una donna borghese, ma a una donna moderna, che vede quello che la circonda e, se è intelligente, lo fa diventare parte del proprio DNA“.

Il risultato è Fil Rouge, una collezione che parte da riferimenti marinari come i colori bianco, rosso e blu, le corde, le bandiere e tante – tantissime – righe per dare forma a capi che mescolano forme asciutte e ampie, linee dritte e ondulate, tessuti semplici ed estremamente lussuosi.

L’eleganza è fluida, senza sforzo, ed è rappresentata da larghi short e pantaloni lunghi, gonne corte o al ginocchio il cui movimento lieve è dato dal taglio e dalle cuciture, top scivolati, maxi t-shirt e vestiti che valorizzano le forme pudicamente. E naturalmente dalle giacche, indiscutibile signature look dello stilista, che nella proposta per la prossima stagione le rende ancora più morbide, più aderenti e sensuali.

L’insieme è un incantesimo di grazia e bellezza che conquista e ribadisce con garbo – quasi sottovoce – il titolo di Re Giorgio e la sua grande, inarrivabile, bravura.

Il gioco del colore, dei volumi e delle lunghezze

E’ un gioco la collezione SS 2016 di Armani. Un gioco di metamorfosi, scoperte, ritorni, scommesse, proposte. Ma soprattutto di colore e volumi.

Il “filo rosso” del nome è reale e intesse trame in tinta unita, che risplendono in sfumature di fiamma, ceralacca e geranio e digradano in tonalità pallide, oppure melange, a contrasto e geometriche con bianco, panna, grigio perla, blu e nero.

Un moto ondoso di nuance e suggestioni che crea una vera e propria malia, seduce e cattura lo sguardo, creando un gioco di specchi con i volumi e le lunghezze.

Lo stilista infatti ancora una volta si diverte ad accostare maxi e mini, corto e lungo e sovrappone strati di peso e consistenza diversi, fino a ottenere un perfetto equilibrio in movimento.



Ristoranti sott'acqua: i più belli del mondo
Viaggi

Ristoranti sott’acqua: i più belli del mondo

Sahar Tabar, chi è l'iraniana che vuole somigliare ad Angelina Jolie
Celebrity

Sahar Tabar, chi è l’iraniana che vuole somigliare ad Angelina Jolie

Attualità

Steve Jobs, com’è cambiata la Apple dopo la sua morte

Cinque cose da fare a New York con le tue amiche
Viaggi

Cinque cose da fare a New York con le tue amiche

Ferie non godute: verranno pagate dopo la pensione?
Lavoro

Ferie non godute: verranno pagate dopo la pensione?

Mazurka Klandestina
Cultura

La Mazurka Klandestina in un videoclip

coming-out
Attualità

Coming Out, significato e differenza con outing

Stoccolma de La Casa di Carta: chi è Esther Acebo
TV

Stoccolma de La Casa di Carta: chi è Esther Acebo

La banana di Cattelan scatena i brand sui social
Attualità

La banana di Cattelan scatena i brand sui social

David Datuna mangia la “banana”, l’opera d’arte da 120mila dollari di Maurizio Cattelan e i brand si sbizzarriscono sui social