Apre a Milano la nuova sede di Facebook Italia

Tra graffiti e design italiano, ecco il nuovo open space firmato Facebook: pensato per la creatività, ma soprattutto per l'interazione

like facebook
Il grande "like" a Menlo Park, sede di Facebook

Una vera latteria milanese, un biliardino in mezzo alla stanza, poltrone di design, lavagne su cui scrivere e murales su tutte le pareti. Non stiamo parlando di un nuovo locale di grido milanese, bensì della nuova sede di Facebook Italia, appena aperta a Milano per gestire meglio i rapporti con clienti ed utenti italiani.

Facebook Italia

La prima sede è stata aperta nel 2009, ma vista la crescita del social network nel Bel Paese (gli utenti totali di Facebook sono circa 1,23 miliardi, di cui 24 milioni italiani) c’era la necessità di un nuovo spazio pensato per la creatività e l’interazione. Via libera quindi agli open space: niente uffici e niente porte, a parte per le calling e meeting room ovviamente.
L’idea è quella di vivere a pieno la filosofia di Facebook, lasciando la libertà della totale auto espressione. L’idea è quella di creare una vera e propria community, aperta e trasparente, la stessa che si è creata nella sede ufficiale di Facebook in California: infatti neppure Mark Zuckerberg ha un suo ufficio!

L’open space

Per creare questo tipo di interazione, la scelta è ricaduta su un grande open space che si affaccia su Milano, a pochi passi dal Duomo, che però non tralascia dettagli di stile non indifferenti. S’ispira alle latterie milanesi, luoghi di incontro ed interazione ante genere, in una versione di design (italiano ovviamente) che non dà spazio a dubbi.
Ma per non dimenticare la dimensione relazionale, ecco che le pareti sono riempite di graffiti e murales, di scritte ognuna diversa. Graffiti che richiamano i must dell’italianità ovviamente, come la storica Olivetti, la moca, i tram milanesi, i panni stesi al sole.
E ogni tanto, qua e là, qualche frase ispiratori come Move Fast, muoviti veloce, Break Thing, rompi le cose (metaforicamente e non), Hack Often, ovvero rompi le regole, pensa fuori dai contorni.
Infine una piccola chicca: le meeting e calling room hanno il nome dei vini italiani.
Chi non vorrebbe fare riunione nella saletta Prosecco?


Vedi altri articoli su: Attualità |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *