Donne che trasformano il loro aspetto: esigenza personale o pressione sociale?

Donne che trasformano il loro aspetto: esigenza personale o pressione sociale?

Chissà perché quando si tratta di donne, il loro aspetto fisico è sempre esposto al pubblico giudizio e ogni cambio di look diventa un affare di Stato. Il nuovo pezzo della rubrica di Giulia

-
16/12/2021

Ho sempre ritenuto che i cambiamenti fisici, di qualsiasi tipo, siano private business. Qualcosa che riguardi il singolo individuo e basta, ma a quanto pare per la società se ingrassi, se dimagrisci, se ti rifai le tette o il naso o cambi colore di capelli, è un affare di stato. Che merita la più attenta delle analisi (solo se sei donna, ovvio).

Le donne e i cambiamenti

Detto da me, direte voi, potrebbe suonare strano un discorso del genere, nasco come modella ed effettivamente ho sempre dovuto dare conto e soddisfazione ai miei agenti del mio aspetto. Ho sempre dovuto giustificare un aumento o una perdita di peso, non ho mai potuto decidere di cambiare colore dei capelli (bionda saresti troppo banale cit.), ho sempre cercato di essere al meglio della mia forma fisica per compiacere gli altri.

Per carità scelta mia, ma nonostante tutto questo sia parte del mio lavoro e della mia vita, ho comunque sviluppato dei pensieri che voglio condividere con voi. Perché si io sono una modella ed essere costantemente sotto giudizio per il mio aspetto è una caratteristica di questo lavoro e mi va bene. Ma sono anche una donna e le mie scelte estetiche non dovrebbero essere giudicate da nessuno.


Leggi anche: Intervista a Nicolai Lilin, voce de I miei 60 giorni all’inferno su Sky: “In carcere per guardarci dentro”

donne di diverse etnie
Donne sorridenti self confident

Le donne e le pressioni sociali

Recentemente sono rimasta molto affascinata da come ha reagito la società alla perdita di peso di Adele e della nostrana Noemi. “Ma wow, ma perché, ma come ha fatto, avrà usato un palloncino gastrico, sarà merito di dieta e allenamento. Adesso si che è bella però forse no era bella anche prima, si è omologata alla società, non doveva dimagrire”, ne ha fatto appunto un affare di stato.

Tanto affascinante tutto ciò quanto super creepy, si proprio creepy, INQUIETANTE.

Inquietante che una donna non possa essere libera ad un certo punto della sua vita, di volersi sentire e vedere diversa per x motivi che riguardano solo lei e nessun altro ed essere analizzata sotto una lente di ingrandimento alla ricerca di chissà quale scheletro nell’armadio.

E soprattutto giudicata perché non è più quella di prima, ha deciso di cambiare modo di apparire e modo di pensare è questo nella nostra società è apparentemente non concesso.

Io credo che la metamorfosi di una donna, sia legata ad un certo punto di svolta nella loro vita nel quale magari non si riconoscono più e questo è assolutamente ok.

Siate libere di seguire la vostra natura e di trasformarvi in quello che volete!

Giulia Accardi
  • Scrittore e Blogger