Chiedere scusa, ecco perché è importante: 5 modi per farlo bene

28/11/2023

Quante volte vi è capitato di dover chiedere scusa a qualcuno? Forse per aver detto o fatto qualcosa di sbagliato, di offensivo o di inopportuno. Forse per aver deluso o ferito le sue aspettative o sentimenti. Oppure per aver commesso un errore o una negligenza. Chiedere scusa è una situazione che tutti abbiamo vissuto almeno una volta nella vita, e che spesso ci mette in difficoltà. Ma come si fa a farlo in modo corretto e convincente? Perché è importante? Quali sono i benefici di questo gesto?

Chiedere scusa è un gesto che dimostra umiltà, rispetto e responsabilità. Non è facile ammettere i propri errori e riconoscere di avere ferito qualcuno, ma è necessario per riparare i rapporti e mantenere la fiducia. Chiedere scusa non significa essere deboli o sottomessi, ma al contrario, significa essere forti e maturi.

I vantaggi del chiedere scusa

Chiedere scusa ha anche dei vantaggi psicologici e relazionali. Da un lato, ci aiuta a liberarci dal senso di colpa e dal rimorso, emozioni negative che possono influire sul nostro benessere e sulla nostra autostima. Dall’altro, ci permette di ristabilire un contatto positivo con la persona offesa, di mostrare il nostro interesse e la nostra cura per lei, e di rafforzare il legame e la complicità. Ma come si fa a chiedere scusa in modo efficace e sincero? Ecco cinque consigli per farlo bene.

Scegliere il momento e il luogo giusti

Non è opportuno chiedere scusa in pubblico, davanti ad altre persone, o in un momento di tensione o di fretta. Bisogna trovare un’occasione tranquilla e privata, in cui si possa parlare a quattrocchi con la persona offesa, senza interruzioni o distrazioni.

Chiedere scusa esprimendo il proprio rammarico

Non basta dire “mi dispiace” o “scusa”, bisogna spiegare perché ci si scusa e cosa si è fatto di sbagliato. Bisogna usare un tono di voce calmo e sincero, guardando la persona negli occhi, e mostrare empatia per i suoi sentimenti. Per esempio: “Mi dispiace molto di averti alzato la voce, so che ti ho fatto sentire male e non era mia intenzione”.

Assumersi la responsabilità delle proprie azioni

Non bisogna cercare scuse o giustificazioni, né incolpare la persona offesa o le circostanze. Bisogna riconoscere il proprio errore e ammettere di avere sbagliato. Per esempio: “So che ho sbagliato a non ascoltarti quando avevi bisogno di me, non ho avuto riguardo per i tuoi problemi e mi sono comportato in modo egoista”.

Offrire una soluzione o una riparazione

Non basta chiedere scusa, bisogna anche dimostrare di voler rimediare al danno causato e di voler evitare di ripetere lo stesso errore in futuro. Bisogna proporre una soluzione concreta o un gesto di buona volontà, che possa ripristinare la fiducia e il rispetto reciproci. Per esempio: “Voglio farti vedere che mi importa di te e che sono disposto a cambiare, per questo ti propongo di andare insieme a quella mostra che volevi vedere da tanto tempo”.

Chiedere scusa e accettare qualsiasi risposta

Non bisogna pretendere o forzare il perdono, ma lasciare alla persona offesa il tempo e lo spazio di elaborare le proprie emozioni e di decidere come reagire. Bisogna rispettare la sua scelta, anche se non è quella che si sperava, e non insistere o arrabbiarsi. Per esempio: “Capisco che sei ancora arrabbiata e che hai bisogno di tempo, spero che mi perdonerai e che potremo tornare come prima”.

Chiedere scusa è un atto di coraggio e di amore, che può fare la differenza in una relazione. Non lasciate che l’orgoglio o la paura vi impediscano di farlo, se ne avete l’occasione. Ricordate che chiedere scusa non vi fa perdere nulla, ma vi fa guadagnare molto: il rispetto, la fiducia e l’affetto di chi vi sta a cuore.

Foto copertina: Pixabay