Litigi in famiglia

Sappiamo benissimo che la famiglia perfetta non esiste e che, anzi, è più frequente trovarsi in una famiglia dove si litiga spesso: saper dialogare è fondamentale.

Litigi in famiglia
Litigi in famiglia: il segreto è il dialogo.

Sono molti i motivi per i quali, in qualsiasi famiglia, si possono innescare dei litigi. Che siano di lunga durata – capaci di trascinarsi dietro rancori e malumori anche per anni – o apparentemente insignificanti, ogni volta che un litigio si  genera bisogna provare a gestirlo quanto meglio possibile, per impedirne la cronica ripetizione, che, alla lunga, può compromettere la serenità di tutti i membri della famiglia.

Quando si inizia a litigare

Certo, non è semplice mantenere la calma o tentare di restare lucidi quando in famiglia scoppia una lite.

Spesso si può giungere a situazioni spiacevoli a causa del continuo ripetersi di alcuni comportamenti che possono risultare per qualcuno disturbanti; dalla semplice gestione della casa (pulizia, ordine, rispetto degli altri) a incomprensioni che possono sorgere tra genitori e figli o tra moglie e marito: vivere a stretto contatto induce ad esasperare alcune problematiche.

Superare questi momenti è fondamentale per il benessere di tutti: creare un rapporto basato sull’armonia e la comunicazione è il primo passo per raggiungere un nuovo equilibrio.

Dialogare e chiarirsi

Come appena detto è fondamentale che il dialogo non sia assente in famiglia (non solo per esprimere i propri malumori, ma anche e soprattutto per manifestare il proprio affetto; quante volte, per esempio tra fratelli, è difficile dirsi «ti voglio bene»?).

Ascoltarsi e discutere dei problemi è la strada giusta da imboccare se si vuole preservare la serenità familiare.

Poiché le discussioni potrebbero sempre avvenire, il giusto atteggiamento da assumere non è quello di evitarle creando, così, ancora maggiori problemi. Molto più opportuno è affrontare ogni cosa con lucidità e calma, ponendosi in modo costruttivo nei confronti degli altri.

Avere un atteggiamento positivo verso gli altri significa prima di tutto ascoltare ciò che hanno da dire, accettare le critiche che possono muoverci (facendo terminare sempre il discorso), e solo alla fine esporre la propria idea. Sappiamo bene che urlare, offendersi e voltare le spalle all’altro sono atteggiamenti che complicano ulteriormente la situazione.

Vivere in uno stato di tensione e di questioni irrisolte può non essere positivo per i membri più fragili della famiglia, come ad esempio i bambini, i quali possono percepire queste situazioni e restarne colpiti in modo negativo.

Siamo consapevoli che le discussioni familiari sono all’ordine del giorno e a volte sembrano non risolversi mai, ma ciò che conta è il nostro atteggiamento grazie al quale sapremo gestire al meglio ogni conflitto, trasformandolo da evento negativo a momento di confronto e crescita. D’altronde la famiglia è proprio quel luogo in cui ci si deve sentire sempre liberi di esprimersi ed essere sé stessi nel rispetto degli altri.


Vedi altri articoli su: Vita di Coppia |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *