5 tratti della personalità rivelano che l’uomo che ci piace è violento

12/01/2024

La violenza domestica è un fenomeno purtroppo diffuso e spesso difficile da prevenire. Molte donne si ritrovano a subire abusi fisici o psicologici da parte del proprio partner, senza averne colpa e senza sapere come uscirne. Esistono, però, alcuni segnali che possono aiutare a riconoscere un potenziale aggressore, prima che sia troppo tardi.

Vediamo quali sono i 5 tratti della personalità che rivelano che l’uomo con cui usciamo potrebbe diventare violento e che non potrà nascere una relazione sana.

La gelosia eccessiva dell’uomo violento

Un uomo che è eccessivamente geloso e possessivo nei confronti della propria compagna, tende a controllare i suoi spostamenti, le sue amicizie, i suoi vestiti e il suo cellulare. Questo comportamento nasconde una profonda insicurezza e una paura di perdere il controllo. Se non viene affrontato e risolto, può sfociare in atteggiamenti violenti, come minacce, insulti, percosse o stalking.

Narcisismo

Il narcisista si crede superiore agli altri e si aspetta di essere sempre al centro dell’attenzione. Non accetta le critiche e non ammette i propri errori. Cerca di manipolare la propria partner, facendole credere di essere l’unica persona che lo capisce e che lo ama. Se la donna non si sottomette ai suoi desideri, reagisce con rabbia e aggressività, colpendola fisicamente o verbalmente.


Leggi anche: Citazioni e frasi contro la violenza

Un uomo violento (ph Unsplash)

Un uomo violento (ph. Unsplash)

Non sa stare senza alcol? Potrebbe diventare violento

Se è dipendente da sostanze come alcol, droghe o farmaci, ha una personalità instabile e impulsiva. Non riesce a gestire le proprie emozioni e a risolvere i propri problemi. Si rifugia nell’abuso di queste sostanze, che alterano il suo stato mentale e lo rendono più propenso alla violenza. Spesso, scarica le proprie frustrazioni e le proprie colpe sulla propria partner, accusandola di essere la causa dei suoi mali.

Isolamento

Un uomo che è isolato, non ha una rete di relazioni sociali e familiari significative. Si chiude in se stesso e non condivide i suoi pensieri e i suoi sentimenti con nessuno. Questo lo rende più vulnerabile e più sensibile alle situazioni di stress e di conflitto. Se la sua partner cerca di aprirsi con lui o di coinvolgerlo in attività con altre persone, lui si sente minacciato e reagisce con ostilità e violenza.

La storia personale può dire molto

Quando si inizia a frequentare un uomo, sarebbe bene scoprirne la storia familiare. Se ha alle spalle un passato di violenza, ha subito o assistito a episodi di abusi fisici o psicologici durante l’infanzia o l’adolescenza, questo potrebbe avere influito negativamente sul suo sviluppo emotivo e relazionale, facendogli interiorizzare dei modelli disfunzionali di comportamento. Se la sua partner lo contraddice o lo delude, lui potrebbe ripetere gli stessi schemi appresi e maltrattarla.

Cosa fare se si è vittime di un uomo violento

Questi sono solo alcuni dei tratti della personalità che possono indicare un potenziale aggressore. Ovviamente, non tutti gli uomini che presentano questi tratti diventano violenti, ma è bene prestare attenzione e non sottovalutare i segnali di allarme.

Se si è vittime o si sospetta di essere vittime di violenza domestica, è importante chiedere aiuto e denunciare il proprio aguzzino. Non si è sole e non si è colpevoli. Si merita di essere amate e rispettate.


Potrebbe interessarti: Come capire se si sta subendo una violenza psicologica

Foto copertina: Credit Unsplash