Come pulire l’oro

Brilla e lascia il segno, l'oro è da sempre il più amato dalle donne. Scopri come pulirlo al meglio per mantenerlo lucido e preservarlo dal tempo e dalle reazioni chimiche indesiderate

Pulire gioielli d'oro

L’oro è qualcosa che ti rappresenta oggi come in passato? È la splendida fede che porti al dito simbolo di un meraviglioso legame? È il bracciale di tua nonna dal quale non riesci a separati? O semplicemente è la tua ultima passione e tendenza da abbinare ad abiti e borse sgargianti?

Ognuna di noi possiede numerosi gioielli od oggetti d’oro particolarmente importanti, ma soprattutto fonte di molti ricordi.
Purtroppo l’oro, come molti altri metalli, è soggetto allo scorrere del tempo e quindi alla tanto temuta ossidazione che lo rende più scuro, spesso a macchie, e ne rovina la bellezza.
Grazie a un’accurata pulizia è possibile mantenere i nostri gioielli e oggetti in oro in perfetto stato ma, attenzione a non utilizzare sistemi troppo aggressivi che potrebbero rovinarlo.
Scopri quindi insieme a noi un metodo infallibile per far brillare l’oro mantenendone al meglio la brillantezza e la cromia.

Il primo punto fondamentale da affrontare è riconoscere quali fattori possono incidere sulla bellezza degli oggetti in oro e quindi intervenire accuratamente. Non solo il tempo è nostro nemico, ma anche le creme per il corpo e i profumi (se si tratta di gioielli) possono innescare diverse reazioni chimiche che opacizzano il metallo.

Ecco quindi cosa procurarsi per una perfetta pulizia fai da te:

  •  Acqua
  • Detersivo sgrassante per piatti
  • Una pentola
  • Alcool denaturato
  • Panno morbido
  • Ovatta
  • Spazzola a setole morbide (o uno spazzolino)

Riempi la pentola d’acqua (la grandezza della pentola dipende dagli oggetti che devi pulire) e immergi i tuoi cimeli in oro. Metti quindi la pentola su un fornello a fiamma media fino a raggiungere il punto di ebollizione.

Spegni il fornello e aggiungi all’acqua una piccola dose di detersivo per piatti (qualche goccia sarà sufficiente).

Come pulire oro
Al posto dell'ovatta puoi usare anche uno spazzoli dalle setole morbide
Dopo circa 40 minuti togli gli oggetti in oro dalla pentola e sciacquali sotto l’acqua corrente. Una volta asciugati con un panno morbido, prendi l’ovatta, immergila nell’alcool e utilizzala per strofinare uno alla volta tutti i tuoi oggetti. Già dopo il primo passaggio inizierai a veder nuovamente ricomparire la naturale brillantezza dell’oro.
Nel caso in cui i tuoi gioielli avessero una forma difficile da pulire con l’ovatta, utilizza una spazzola a setole morbide (anche uno spazzoli può andare bene).

Questo tipo di procedimento è l’ideale se i tuoi oggetti sono tutti in oro giallo. Se invece devi affrontare la pulizia dell’oro rosa, utilizza al posto dell’ovatta e dell’alcool una spugnetta imbevuta di acqua e ammoniaca. Per l’oro bianco invece, che è molto più delicato degli altri due, consulta il tuo orafo di fiducia, soprattutto se sei alle prime armi.

A questo punto non ti resta che indossare nuovamente i tuoi gioielli e lasciarli brillare naturalmente!


Vedi altri articoli su: Consigli per la casa | Pulizie di Casa |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *