Consigli e suggerimenti per adottare un cane
Animali domestici

Consigli e suggerimenti per adottare un cane

Voglia di prendere un amico a quattro zampe? Ecco tutti i consigli e i suggerimenti per adottare un cane.

Sono sempre di più le famiglie che hanno voglia di adottare un cane. Eppure non bisogna mai dimenticare alcuni aspetti che sono fondamentali soprattutto per garantire che possa vivere in un ambiente consono e circondato da affetto.

Adottare un cane dal canile o prenderlo in negozio?

Questa è sicuramente una delle domande più interessanti quando si parla di un argomento del genere. Indubbiamente bisogna mettere in conto che adottare un cane abbandonato non può che essere un gesto d’amore unico: ecco perché rivolgersi ad un canile è qualcosa di saggio. Al loro interno si possono trovare anche cani di razza e il personale lì presente sarà in grado di dare i giusti consigli sia per il carattere degli animali, che per le loro esigenze.
In alternativa esistono anche degli allevamenti riconosciuti dall’Ente Nazionale Cinofilia Italiana. Al loro interno si possono trovare poche razze proprio perché vi è una grande attenzione verso i cani presenti.
Attenzione invece in caso di negozi che vendono animali in quanto si potrebbe trovare professionisti veri e propri che hanno tutti i certificati inerenti gli animali. Ma vi sono anche persone che lo fanno solo per soldi e potrebbero aver ottenuto quegli animali in maniera illecita, togliendoli ad esempio alla mamma troppo presto oppure vendendoli senza vaccini.

Come scegliere il proprio cane

Uno dei parametri da tenere in considerazione è l’attitudine comportamentale dell’animale. In questo modo si potrà scegliere un cane che sia perfettamente in linea con le esigenze della famiglia in cui si troverà. L’errore più comune è farsi prendere dall’aspetto fisico di un cane o anche dall’età, preferendo dunque un cucciolo ad un animale già più grande. Eppure non bisogna dimenticare che la gestione del cucciolo richiede un impegno maggiore che non tutti sono in grado di soddisfare per motivi di tempo.
Per quanto concerne coloro che regalano i cani, devono sempre prendere in considerazione la soddisfazione di tutti i membri della famiglia. Questo perché solo se ci sarà la volontà comune di averlo si potrà essere pronti a prendersene cura.

Adottare un cane l’approccio con la nuova casa

La persona che vuole adottare un cane deve sicuramente considerare che la pazienza è un elemento fondamentale. Inizialmente un animale che si trova in un nuovo ambiente potrebbe non essere a proprio agio, per cui bisogna aiutarlo a prendere familiarità. Ci vuole tempo per adattarsi, motivo per cui è bene stabilire con anticipo le regole in maniera tale da non trovarsi brutte sorprese col passar del tempo. I comportamenti corretti, per esempio, vanno premiati in maniera tale che si faccia capire che quelli sono i giusti modi di fare. Qualora invece faccia qualcosa di sbagliato, bisogna ignorarlo per un po’: meglio evitare punizioni fisiche, anche date a posteriori.
Inoltre, in caso di cani che erano stati abbandonati o maltrattati, potrebbero non essere abituati al contatto fisico. Ci vorrà del tempo anche per questo, così che impari a fidarsi e a sentirsi in sintonia con le persone che lo circondano e che gli danno qualche coccola.

Adattare gli spazi in casa

Da non sottovalutare anche l’importanza dell’organizzazione degli spazi all’interno della casa in presenza di un cane. La cuccia, per esempio, deve essere pensata proprio in base alle sue dimensioni e posizionata in un ambiente che gli dia tranquillità e serenità. Anche perché quello dovrà essere il suo spazio di relax, lì dove potrà riposare durante la giornata o nel corso della notte. Inoltre è sempre bene abituarlo a rimanere in casa da solo: lasciandogli qualche osso che possa masticare o anche qualche gioco pieno di cibo così che non si annoi né intristisca.
In casa anche la gestione del cibo del cane è fondamentale facendo attenzione alle dosi giornaliere suddividendo gli alimenti così da evitare che possa mangiare troppo. La ciotola deve essere posizionato in luogo in cui il cane possa sfamarsi senza essere disturbato. Invece la ciotola che contiene l’acqua deve essere lasciata sempre nello stesso posto e con l’acqua sempre presente così che possa dissetarsi ogni volta che ne abbia bisogno.

Le abitudini da mantenere fuori casa

Adottare un cane vuol dire prestare molta attenzione alle esigenze del cane. Non parla, dunque è fondamentale cogliere ciò di cui possa avere bisogno facendo in modo che possa mantenere serenità. Il cane deve uscire tre volte nell’arco della giornata e non soltanto per le sue funzioni fisiologiche, ma anche per abituarlo a socializzare sia con persone che con altri cani. Bisogna anche darsi degli orari precisi che diano regolarità in maniera tale che il cane si abitui a sporcare fuori casa e mai all’interno dell’abitazione. Va sempre tenuto al guinzaglio senza slegarlo mai per almeno un mese: dovrà essere libero solo nel momento in cui vedrà il padrone come un riferimento vero e proprio e dunque non si allontani troppo.

Mai umanizzare il cane

In molti casi l’errore frequente di chi adotta un cane in casa è quello di renderlo umano. Essi sono animali e come tali vanno trattati, ovviamente senza mai dimenticare che è importante dargli attenzioni e quelle coccole necessarie per farlo sentire in fiducia. Attenzione dunque all’acquisto di capi di abbigliamento che il cane possa mal sopportare: va bene farlo per un bambino, per un cane no. Il cane deve imparare a vivere come tale, sempre nel rispetto di regole prestabilite dal padrone.

Segnali di disagio? Leggerli è importante

Anche un cane può avere sensazioni di disagio che mal tollera. Dunque chi sceglie di averlo deve prestare attenzione anche a quei piccoli segnali che potrebbero sembrare nulla di eclatante, ma che il cane manifesta. Quando il cane mostra i denti, morde l’aria o ringhia potrebbe essere legato a situazioni particolare che vede o vive regolarmente. Mai sottovalutare questo tipo di manifestazione in quanto il cane potrebbe mandare dei messaggi di disagio a cui deve seguire un feedback del padrone. Ciò vuol dire provare a capire cosa non vada. Si pensi che anche i movimenti continui con la testa, sbadigli frequenti o movimenti rallentati del corpo potrebbero far capire che è teso e ha paura di qualcosa o qualcuno. Il che significa che potrebbe aver bisogno di aiuto, per cui mai dimenticare che questi segnali sono a tutti gli effetti una forma di linguaggio dell’animale.



Accessori per cani
Animali domestici

Accessori per cani

Dove lasciare il cane durante le vacanze
Animali domestici

Dove lasciare il cane durante le vacanze

Come lavare il cane con prodotti naturali
Animali domestici

Come lavare il cane con prodotti naturali

Cani e gatti nello stato di famiglia, tutto quello che c’è da sapere
Animali domestici

Cani e gatti nello stato di famiglia, tutto quello che c’è da sapere

Cosa mangiano i criceti
Animali domestici

Cosa mangiano i criceti

Si può dare la mela ai cani?
Animali domestici

Si può dare la mela ai cani?

Taglie vestitini dei cani: come districarsi con le misure
Animali domestici

Taglie vestitini dei cani: come districarsi con le misure

Il latte fa male ai cani
Animali domestici

Il latte fa male ai cani

Pulizie post vacanza
Pulizie di Casa

Pulizie post vacanze, 10 cose che dovete assolutamente pulire

Consigli pratici e rimedi fai da te per pulire velocemente e a fondo la propria casa quando si torna dalle vacanze estive.

Leggi di più