Glossario del benessere: quali sono le differenze tra spa, terme e hammam?

Come districarsi fra le varie proposte benessere, e capire di cosa si ha più bisogno.

piscina con trattamenti idroterapici

 

Spesso sentiamo parlare di benessere, di centri massaggi, SPA, hammam e quant’altro, ma diciamoci la verità, quante di voi sanno esattamente la differenza tra ciascuno di questi luoghi devoti al ritrovamento del benessere e della pace esteriore ed interiore? Così, dopo anni passati ad annuire e rispondere biascicando sull’argomento con le amiche, ho finalmente deciso di documentarmi a fondo e soprattutto di condividere il risultato della mia ricerca con voi. Preparatevi, d’ora in poi, a guardare con occhi nuovi gli opuscoli e le pubblicità delle SPA in cui vi imbatterete, tutto vi sarà più chiaro grazie a questo piccolo glossario del benessere.

piscina termale
L'acqua è uno dei principali alleati della bellezza.

 

Il benessere viene dall’acqua: la SPA

Ne ho sentite diverse a riguardo. La versione che va più in voga è quella secondo cui la parola SPA derivi niente meno che dal latino Salus per Aquam. In effetti i romani furono proprio coloro che inventarono le terme, non fa una piega, ma attente! Questo acronimo è incorretto.

Infatti il termine SPA deriva dal nome di un piccolo villaggio Belga di nome Spa, che raggiunse la notorietà intorno al XVI secolo proprio grazie alle proprietà uniche delle sue acque. Situato nelle provincia di Liegi, Spa ha visto passare per le sue fonti personalità storiche quali Victor Hugo, lo zar russo Pietro il Grande, Casanova e molti altri nomi di spicco della nobiltà europea di quell’epoca. Uno scorcio di tutta questa mondanità, che passò per Spa, è ritrovabile perfino nell’unico film storico che Stanley Kubrick ha dedicato a questo periodo: Barry Lyndon. Sono certa che questo breve ripasso storico-etimologico vi aiuterà a sentir scorrere un po’ di sangue blu nelle vostre vene la prossima volta che mettere piede in una SPA.

Quello che invece adesso avete bisogno di sapere è cosa una SPA può offrirvi.

getti d'acqua nella spa
Getti d'acqua nella SPA per il benessere cervicale.

 

Da dizionario si dice SPA un centro benessere dove vengono eseguiti solamente trattamenti a base d’acqua, termale o marina, come ad esempio l’idroterapia e la talassoterapia. All’interno di una SPA potrete trovare idromassaggi, percorsi Kneipp con acqua calda e fredda alternate, impacchi con fanghi e alghe terapeutiche. Questi sono trattamenti ideali ed efficaci per curare i disturbi osteo-articolari, respiratori e perfino ginecologici. Inoltre sono ottimi per riattivare la circolazione e drenare i liquidi: insomma, un’arma fornitaci da madre natura per combattere attraverso l’acqua il nemico numero uno, la cellulite. Le SPA possono trovarsi sia in città che fuori, e le più efficaci sono quelle costruite dove si trova una fonte termale le cui acque abbiano delle particolarità curative.

Parlando di SPA si intende:

Vasche idromassaggio: vasche dove viene sfruttata la pressione esercitata da getti di aria calda e fredda al fine di stimolare la circolazione sanguigna. Questo tipo di trattamento viene consigliato per le patologie osteoarticolari. Solitamente ai bordi delle vasche sono situate delle docce calde o fredde per ottenere lo stesso effetto sulla schiena e gli arti superiori.

Percorso Kneipp: percorso che prevede getti d’acqua calda e fredda dal ginocchio in giù.

Bagno turco: trattamento che si svolge in un ambiente chiuso, in cui l’umidità relativa è molto alta e la temperatura può variare dai 40 ai 60°C. Viene consigliata per una profonda pulizia e purificazione della pelle, e per favorire la circolazione dato che il primo effetto del calore è proprio la dilatazione dei vasi sanguigni.

Sauna finlandese: è un bagno di calore a secco, ovvero una sala isolata solitamente di legno dove la temperatura è compresa tra gli 80 e i 100°C. La funzione della sauna è di generare un’importante traspirazione della pelle al fine di aumentare le difese immunitarie.

 

sauna finlandese
La sauna finlandese con il tipico rivestimento in legno.

 

L’acqua sorgiva: le Terme

Come abbiamo visto, le terme sono parenti molto strette delle SPA, o meglio: nel caso in cui una SPA sfrutti le benefiche acque sorgive provenienti dal sottosuolo, allora si può parlare di Terme. Generalmente alle terme i percorsi e i trattamenti idroterapici presenti sono gli stessi di quelli delle SPA, anche se, in alcuni casi, proprio per godere al meglio della salutare qualità dell’acqua, vengono semplicemente create delle vasche di acqua pura in cui potersi immergersi.

relax e benessere
La beauty farm può offrire tantissimi trattamenti utilizzando prodotti naturali.

Trattamenti di bellezza: la Beauty Farm

Parlando di beauty farm invece non ho trovato nessun blasone storico, ma ho bensì scoperto che si definisce con questo nome un centro in cui la bellezza viene conquistata attraverso un lavoro muscolare, cioè tramite massaggi manuali, e trattamenti eseguiti servendosi di macchinari all’avanguardia.

massaggi schiena
Benessere e relax sono i principali effetti dei massaggi.

Anche qui potrete trovare differenti proposte. Ad esempio ci sono centri il cui scopo è il dimagrimento, ottenibile tramite un’alimentazione controllata e sana (da qui l’appellativo farm, ovvero fattoria). Molti di questi abbinano all’alimentazione anche alcune attività sportive seguite, o il linfodrenaggio attraverso la massoterapia. Non di sola acqua vive la bellezza del vostro corpo, ma anche di tutto ciò che offre la vita naturale della fattoria: chi di voi non ha mai sentito parlare dei bagni di fieno?

Altro punto di forza delle beauty farm è senza dubbio la ricca offerta di trattamenti estetici che variano dalla ceretta alla manicure, la pulizia viso, le maschere d’argilla, trattamenti antirughe e algoterapia, un processo che garantisce il rilassamento e la rimineralizzazione della pelle tramite l’avvolgimento del corpo con tre strati di alghe calde.

Inoltre nelle beauty farm non mancano numerose proposte di massaggi: thailandese e shiatsu tra i più comuni.

Un tocco esotico: l’Hammam

Dopo aver provato i centri termali di origine europea e dopo esservi lasciate sedurre dalle pratiche di rivitalizzazione orientale, l’ultima tappa che vi manca è il mondo arabo. Ed è proprio dalla cultura araba che arriva l’hammam, ovvero il luogo termale dove i musulmani effettuano i loro lavacri al fine di poter conseguire la purità rituale, requisito fondamentale per poter adempiere all’obbligo canonico della preghiera giornaliera. La pratica di pulizia corporea viene eseguita fino a 5 volte al giorno, e deve essere svolta sia dagli uomini che dalle donne in hammam separati. L’hammam diviene così luogo d’incontro ed ha anche un’importante funzione sociale.

Oggigiorno non occorre essere musulmani per poter provare l’esperienza dell’hammam perchè è possibile ritrovare anche nelle nostre città dei centri costruiti secondo l’antica tradizione islamica, luoghi dove lo spazio e il tempo parlano il linguaggio antico di una civiltà millenaria. L’hammam si snoda attraverso l’apodyterium (spogliatoio), il tiepidarium (stanza di preparazione al bagno con temperatura tra 30-35°C) e il calidarium (stanza del bagno vera e propria  con temperature che vanno dai 40-45°C e un tasso di umidità del 95%).

Inoltre nell’hammam moderno è possibile trovare stanze destinate al massaggio e al relax, insomma una valida alternativa esotica per chi cerca qualcosa di nuovo rispetto alla spa occidentale. I trattamenti offerti possono prevedere bagni di vapore con saponi provenienti dal Marocco, gommage esfoliante e idromassaggio, nonché massaggi di tipo olistico, rilassanti o tonificanti. E non manca certo la possibilità di gustare del tè sdraiati tra divani e ampi cuscini.

 

photo courtesy: Unique Hotels GroupBeLiveHotels.comCamping Marjal Costa Blanca; Unique Hotels Group; dharma communications


Vedi altri articoli su: SPA |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *