tinte per capelli

Tinte per capelli: con o senza ammoniaca?

Cosa scegliere tra la grande varietà di tinte per capelli? Con ammoniaca, senza o naturali?

Colorazione con ammoniaca o senza, questo é il problema!
Uno dei grandi dilemmi di tutte le donne che decidono di colorarsi i capelli, dal parrucchiere o a casa, é scegliere se nella tinta deve esserci o meno questa sostanza. Perché?

L’eterna lotta tra con o senza ammoniaca

L’ammoniaca non é certo un prodotto delicato, ma in fondo é per quello che ci serve, per decolorare e ricolorare in profondità i capelli.
Le tinte con ammoniaca sono infatti dedicate a chi vuole un cambio drastico di capelli – da moro a biondo – o a chi ha molti capelli bianchi, perché la penetrazione nel capello é molto più intensa e resistente, proprio grazie all’ammoniaca.
Per chi invece non ha molti capelli bianchi o non vuole fare un cambio drastico, si può optare per una tinta senza ammoniaca, ma comunque con altri elementi chimici ossidanti che permettano la resa del colore, oppure per tinte il più possibile naturali.

Le tinte con ammoniaca

La maggior parte delle tinte per capelli in commercio o che si trovano dal parrucchiere contengono ammoniaca: facile trovarle negli scaffali del supermercato, magari con la dicitura “copre tutti i capelli bianchi” o dal parrucchiere, dove le riconoscere dal caratteristico odore pungente. Sono tinte da evitare in gravidanza, per la loro aggressività e per la maggiore sensibilità che ha la pelle e il cuoio capelluto in quel periodo.


Le tinte senza ammoniaca

Oramai la maggior parte delle case cosmetiche ha la propria tinta senza ammoniaca: in commercio le trova agli olii di frutta o all’olio d’Argan. Ricordate che hanno comunque componenti chimici affinché funzionino e per quanti “olii” ci siano, ci sarà sempre una percentuale di crema ossidante e colorante, sono comunque più tollerate di quelle con ammoniaca proprio per la presenza di sostanze meno aggressive e quindi si possono utilizzare anche in gravidanza. Anche molti parrucchieri, data la sensibilità all’ ammoniaca sempre più diffusa, hanno nel loro campionario anche tinte senza ammoniaca.

Le tinte naturali

Infine le tinte naturali: si trovano di solito in erboristeria o in negozi specializzati e sono adatte a chi ha un’alta sensibilità ai prodotti chimici oppure a chi non vuole irritare troppo capelli e cuoio capelluto.
Spesso sono a base di henné o di altre erbe e sostanze naturali coprenti, ma hanno una tenuta più bassa e si ha bisogno di rifarle spesso e non sono consigliate per chi ha i capelli bianchi perché la loro forza non è tale da poterli coprire (e anzi si creerebbero mix e risultati non proprio piacevoli).
Nei saloni le troviamo poco, a parte qualche hair stylist “biologico” piuttosto raro in Italia.

Ti potrebbe interessare anche

Manicure

Black is the new black: lo smalto nero è tornato

Carbossiterapia: benefici, risultati, costo e controindicazioni
Skincare

Carbossiterapia: benefici, risultati, costo e controindicazioni

Skincare

Pelle sensibile come curarla

Hairstyle

Capelli raccolti: i look a cui ispirarsi

Make up

Aria d’autunno: le nuove fragranze della stagione

Make up

Palette ombretti, i colori da scegliere per l’autunno

Hairstyle

Capelli biondi corti, i look più belli

Skincare

Tutto quello che dovete sapere sul retinolo e sugli effetti sulla pelle

Make up

Palette ombretti, i colori da scegliere per l’autunno

Tonalità calde che richiamano il foliage autunnale. Scoprite quali nuance andranno per la maggiore in autunno e via libera agli ombretti!

Leggi di più