Estée Lauder celebrata a “Donne nel Mito”

Dalle creme vendute porta a porta alla fondazione di un colosso della bellezza: un docufilm il 20 aprile su Diva Universal celebra Estée Lauder

Estée Lauder
Estée Lauder, regina del mondo della bellezza, scomparsa 10 anni fa

Lo charme e l’impronta delle grandi donne rimangono immutati nel tempo ed è così per Estée Lauder, fondatrice del marchio di cosmetica che porta il suo nome. A celebrarla nel decimo anno di anniversario dalla morte è il canale Diva Universal. Domenica 20 aprile 2014, alle ore 20.50, le viene dedicato sul canale 133 di Sky un appuntamento dello speciale “Donne nel Mito”. Estée Lauder è stata un’acuta imprenditrice e a lei dobbiamo l’introduzione del campioncino gratuito di prodotto, che oggi viene regalato in tutte le profumerie per far provare alle clienti le ultime novità. La rivista “Time” ha stilato la classifica delle 20 personalità imprenditoriali più influenti del ventesimo secolo ed Estée Lauder è stata l’unica donna ad essere inserita in questa prestigiosa classifica.

Estée Lauder
Estée Lauder agli inizi della sua attività

Durante la serata a lei dedicata su Diva Universal, un docufilm ripercorrerà le tappe principali della sua scalata del mondo della cosmetica, partita in una modesta cucina di casa, dove la futura fondatrice di un colosso del mondo beauty preparava le creme per poi venderle direttamente, con la tecnica porta a porta, nei saloni di bellezza. Proprio la vendita diretta è una delle rivoluzioni che la portò al successo, guadagnato anche grazie allo studio di tecniche commerciali che privilegiavano il contatto con il cliente. Nel 1930 Estée aprì un punto vendita a New York, dove applicava una tecnica di vendita allora innovativa: talk and touch, con cui promuoveva i prodotti applicandoli sul viso delle clienti per farli loro provare. Ha fondato nel 1935 la sua azienda di cosmetica, oggi guidata dal figlio Leonard.


Vedi altri articoli su: Make up | Spettacoli |

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *