Torta verde piemontese

Torta verde piemontese

La torta verde piemontese è una torta di riso tipica primaverile e del periodo di Pasqua, preparata soprattutto nel Monferrato.

Sommario

Un tempo venivano usate le erbe spontanee, oggi si prepara con erbette o spinaci

Tempo di preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura:
40 minuti
Quantità:
4 persone

Ingredienti Ricetta

  • Erbette 400 g
  • Riso Roma 180 g
  • Uova 2
  • Parmigiano grattugiato 50 g
  • Cipolla 1/2
  • Olio q.b.
  • Burro q.b.
  • Rosmarino 1 rametto
  • Maggiorana fresca qualche foglia
  • Prezzemolo qualche foglia
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Noce moscata 1 pizzico
  • Pangrattato q.b.

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 340 kcal
  • Grassi 16 g
  • Carboidrati 40 g
  • Proteine 12 g

La torta verde piemontese è una torta di riso ed erbe miste tipica del Basso Piemonte, soprattutto delle zone dell’astigiano e in particolar modo, della città di Nizza Monferrato.

Viene preparata tradizionalmente nel periodo di Pasqua, per cui sarà facile trovarla sulle tavole di molti piemontesi nel pranzo di Pasqua, o nel cestino da picnic del merendino di Pasquetta.

Picnic

Anche conosciuta come turta verdaè nella città capitale del famoso cardo gobbo che questa torta salata viene particolarmente celebrata. Ogni anno, verso la fine di aprile, le viene proprio dedicata una festa, all’interno della Fiera del Santo Cristo.

La ricetta originale della torta verde piemontese

Partiamo dal solito presupposto che non esiste mai una vera e propria ricetta originale, ma ogni famiglia aveva la sua ricetta della tradizione (preparata con gli ingredienti che la terra aveva da offrire).

La torta verde piemontese un tempo veniva preparata con le erbe spontanee dei campi, come la borragine, il tarassaco, ortiche o salvia selvatica. Oggi per comodità e gusti un po’ diversi, si tende a usare semplicemente le erbette o gli spinaci.


Leggi anche: Torta camilla light: la ricetta

Spinaci

Tra le numerose varianti, c’è chi insaporiva la torta verde con pancetta, o lardo, chi usava le erbe aromatiche del proprio orto, chi la arricchiva di formaggi e salumi.

La ricetta che vi proponiamo è quella che più si avvicina alla torta verde piemontese originale, con ingredienti semplici, una preparazione altrettanto semplice e un risultato molto invitante.

Un’ottima idea per il vostro menù di Pasqua o per il merendino di pasquetta, con amici o parenti!

Torta verde piemontese

Preparazione

  1. Lavate e pulite le erbette o gli spinaci, metteteli a cuocere in poca acqua salata per 10 minuti, poi scolate tenendo l’acqua di cottura, che userete per cuocere il riso. Strizzate bene le erbette e mettetele da parte.
  2. In una casseruola mettete a soffriggere mezza cipolla tritata, con un goccio d’olio e una noce di burro. Unite il riso, facendolo tostare per qualche minuto.
  3. A questo punto procedete con la cottura del risotto, bagnandolo di tanto in tanto con un mestolo di acqua di cottura degli spinaci.
  4. Nel frattempo tritate a mano le erbette strizzate, poi preparate anche un trito di erbe aromatiche: rosmarino, maggiorana e prezzemolo.
  5. Aggiungete le erbette e le erbe aromatiche tritate al risotto, mescolate e proseguite la cottura. Quando il riso risulterà al dente, spegnete il fuoco. Lasciate raffreddare.
  6. Quando il risotto sarà raffreddato, spostatelo in una ciotola. Unitevi il parmigiano grattugiato, le uova, aggiustate di sale e pepe, e aggiungete un pizzico di noce moscata. Mescolate bene per amalgamare il tutto.
  7. Imburrate una teglia e cospargetela di pangrattato. Versatevi al suo interno il composto di riso, allargatelo e appiattitelo con un cucchiaio, livellando bene.
  8. Cospargete con altro pangrattato la superficie, aggiungete ancora una spolverata leggera di parmigiano grattugiato, qualche pezzetto di burro e aghi di rosmarino.
  9. Cuocete la torta verde in forno ventilato a 180° per 40 minuti circa, o fino a che la superficie non risulterà bella dorata.
  10. Sfornate la torta verde piemontese e servitela fredda o tiepida. Il giorno dopo risulterà ancora più buona.


Potrebbe interessarti: Menù per la prima comunione: consigli e idee