Torta falsa sbrisolona

Un dolce dall'intenso sapore di mandorla, perfetto per una pausa caffè e più leggero del classico mantovano perché senza strutto

Sommario

Un dolce dall'intenso sapore di mandorla, perfetto per una pausa caffè e più leggero del classico mantovano perché senza strutto

Tempo di preparazione:
1 ora
Tempo di cottura:
45 minuti
Quantità:
10 persone

Ingredienti Ricetta

  • Zucchero bianco 150 g
  • Farina 00 250 g
  • Farina di mais fumetto 50 g
  • Sale 1 pizzico
  • Lievito per dolci 12 g
  • Burro freddo tagliato a cubetti 100 g
  • Uova fresche 3
  • Ricotta vaccina 700 g
  • Amaretti tritati finemente 150 g
  • Mandorle pelate tostate e tritate finemente 75 g
  • Estratto di vaniglia 1 cucchiaio
  • Amaretto di saronno 3 cucchiai
  • Zucchero a velo per decorare qb

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1
  • Calorie 488 kcal
  • Grassi 24 g
  • Carboidrati 53 g
  • Zuccheri 32 g
  • Fibre 2 g
  • Proteine 14,5 g
  • Colesterolo 120 mg

Vi domanderete perché falsa sbrisolona. Infatti, ricorda il dolce tipico mantovano ma con alcune differenze. La torta sbrisolona è dura (infatti si consiglia di romperla con le mani) e non prevede alcun ripieno. Nasce come un dolce della tradizione contadina lombarda a base di farina di mais, strutto e nocciole.
La ricetta che vi propongo è una mix tra torta sbrisolona e crostata, quindi il nome falsa. La base, tipo pasta frolla, la preparo con farina 00 e una piccola aggiunta di farina di mais tritata finemente (farina fumetto) e impiego anche lievito per dolci per renderla soffice. Lo strutto lo sostituisco con il burro, dal gusto più delicato e le nocciole con le mandorle che invece metto nel ripieno. Una variante personale è il ripieno preparato con ricotta, amaretti, mandorle e amaretto di Saronno, un liquore dal gusto dolce, fragrante e inimitabile.
Potete servire questo dolce come dessert dopo cena o per una pausa caffè.

[dup_immagine align=”aligncenter” id=”115973″]

Preparazione

  1. Preriscaldare il forno a 170° C.
  2. Per la pasta frolla, mescolare gli ingredienti secchi (zucchero, farina, sale e lievito). Aggiungere il burro, lavorare con una forchetta fino a ottenere un composto sabbioso. Aggiungere un uovo al mix di ingredienti secchi e burro. Lavorare prima con un cucchiaio e poi impastare con le mani. In alternativa impastare con una planetaria. Formare una palla, avvolgere in pellicola aderente e lasciar riposare in frigo per circa 20 minuti.
  3. Tostare le mandorle pelate in una padella antiaderente per pochi minuti a fuoco medio-basso. Lasciare raffreddare.
  4. Tritare finemente nel mixer le mandorle e gli amaretti.
  5. In una ciotola sbattere la ricotta con due uova e la vaniglia, aggiungere il mix di amaretti e mandorle, poi l’amaretto di Saronno. Mescolare per ottenere un composto omogeneo.
  6. Stendere 2/3 dell’impasto con le mani sul fondo in una tortiera apribile di 24 cm di diametro precedentemente ricoperto con carta da forno. Versare il composto di ricotta e ricoprire con il resto (1/3) della pasta frolla sbriciolandola con le mani.
  7. Cuocere per circa 45 minuti (fino a doratura della superficie). Lasciar raffreddare su una griglia.
    Potete servire con una spolverata di zucchero a velo.


Leggi anche: Sbrisolona mantovana