Graffe senza patate: la vera ricetta

Scopri la storia e la ricetta passo passo per fare delle graffe senza patate perfette, da friggere e cuocere al forno

09/02/2024

Sommario

Il tipico dolce partenopeo per il Carnevale

Tempo di preparazione:
35 minuti
Tempo di cottura:
5 minuti
Quantità:
12 graffe

Ingredienti Ricetta

  • Farina manitoba 600 gr
  • Latte intero 130 ml
  • Lievito di birra fresco 10 gr
  • Uovo 1
  • Zucchero 50 gr
  • Burro 50 gr
  • Aroma di vaniglia qb
  • Scorza di limone 1
  • Scorza di arancia 1
  • Olio per friggere qb
  • Zucchero semolato per guarnire qb

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1 graffa
  • Calorie 215 kcal
  • Grassi 10,4
  • Carboidrati 27,2
  • Zuccheri 15,2
  • Proteine 2,9

Le ciambelle fritte, meglio conosciute come graffe sono una dolce bontà amata da grandi e piccini. Questi dolci sono ideali da mangiare sia a colazione che a merenda. Nonostante, ci siano svariate ricette per la loro preparazione, le graffe senza patate hanno un gusto veramente gradevole. La consistenza morbida e golosa è, allo stesso, tempo consistente e fragrante da colmare il palato di gusto.
Le graffe senza patate somigliano molto a quelle che siamo abituati a mangiare al bar al mattino. Perché non cimentarsi anche a casa nella loro preparazione? Scopriamo insieme la ricetta, conoscendo prima la loro curiosa storia.

Graffe senza patate

Graffe: storia delle ciambelle fritte

Quando ci si accinge ad addentare una soffice graffa calda non si riesce certo a immaginare che, nonostante, la sua origine sia da ricollegare alla Campania, in realtà ha una derivazione straniera. Sembra, infatti, che il suo arrivo in Italia sia collegato alla dominazione austriaca. In particolare, esse furono introdotte con il Trattato di Utrech ovvero intorno al 1713. La parole krapfen, in seguito, venne storpiata diventando Graffa. I napoletani, infine, fantasiosi per natura hanno poi cambiato la forma per renderla più vicina al loro modo di vivere e pensare.

Graffe senza patate: ricetta delle ciambelle fritte

  1. Come primo passaggio bisogna preparare un lievitino con 100g di farina, 100g di acqua e il lievito. Impastando velocemente si ottiene una pasta che va fatta lievitare per almeno 2 ore.
  2. Non appena ha triplicato il suo volume va aggiunta al resto della farina, al latte e allo zucchero. Impastare velocemente e poi aggiungere l’uovo.
  3. Infine, fare incorporare il burro in crema. Amalgamare bene fino ad ottenere un composto liscio.
  4. Lasciare lievitare per almeno 3 ore fino a quando non risulterà aumentato 3 volte di volume.
  5. Stendere la pasta con un mattarello su un piano infarinato. Formare dei dischi grandi con al centro il buco realizzati con coppapasta grande e coppapasta piccolo.
  6. Mettere a scaldare l’olio e quando raggiunge la giusta temperatura tuffare le graffe lasciandole dorare.
  7. Quindi, adagiare le ciambelle su un foglio di carta assorbente e poi passarle nello zucchero semolato.

 


Leggi anche: Graffe napoletane senza patate