Biscotti savoiardi, la ricetta classica

I savoiardi potrebbero essere stati inventati nelle cucine dei Duchi della Savoia, in occasione di un banchetto allestito per una visita del re di Francia.

21/02/2017

Sommario

I savoiardi potrebbero essere stati inventati nelle cucine dei Duchi della Savoia, in occasione di un banchetto allestito per una visita del re di Francia.

Tempo di preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura:
12 minuti
Quantità:
20 biscotti grandi

Ingredienti Ricetta

  • Uova intere medie 4
  • Zucchero semolato finissimo 180 g
  • Farina 00 145 g
  • Pizzico di sale 1
  • Zucchero semolato per guarnire qb
  • Estratto di vaniglia facoltativo 1 cucchiaino
  • Scorza di limone grattugiata facoltativo 1 cucchiaino

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 1 biscotto
  • Calorie 80 kcal
  • Grassi 1 g
  • Carboidrati 15 g
  • Zuccheri 10 g
  • Fibre 0,2 g
  • Proteine 2,3 g
  • Colesterolo 40 mg

Savoiardi o pavesini? Sul biscottino ideale da utilizzare nel tiramisù, s’infrange sovente l’amicizia delle artefici di uno dei dolci italiani più amati nel mondo. Le perplessità non si placano di fronte alla scelta tra savoiardi friabili, savoiardi soffici di Sardegna, biscotti di Novara e caporali liguri.

È tempo di deporre le schermaglie condotte a suon di cucchiaini, pensando che in fondo sono tutti figli dello stesso padre, il pan di Spagna.

Uova, zucchero e farina 00 – e un tocco d’agente lievitante, ma non sempre, perché anche in questo caso la ricetta varia un pochino – è tutto quello che occorre per creare uno dei capisaldi della pasticceria secca italiana, il biscotto che ha fatto la fortuna di alcune celebri industrie dolciarie.

Leggero e nutriente, senza grassi aggiunti, il savoiardo porta il nome della regione dalla quale parrebbe provenire; sembra sia stato inventato nelle cucine dei Duchi della Savoia, in occasione di un banchetto allestito per una visita del re di Francia, in un lontano Medioevo, per nulla buio se rischiarato da simile pasticceria.


Leggi anche: Caccia al tesoro con le uova di Pasqua

Dunque, i savoiardi non sono una moda passeggera, anche se il loro apprezzamento ha subito alterne fortune nel corso di una storia. Sono stati una delizia esclusiva, da intingere in chicchere vezzose fumanti di cioccolata calda, ma anche più umile ingrediente per dolci al cucchiaio.

Cosa sarebbe una zuppa inglese senza savoiardi bagnati nell’Alchermes? Forse sarebbe un “triffle”, nome originale di tutte le zuppe dolci britanniche, stratificate sopra il “patriarca” pan di Spagna, acquistato intero o sotto forma di “sponges” (un equivalente delle nostre merendine da zainetto).

Bando alle chiacchiere, per riprendere la sciccheria del savoiardo fatto in casa, ecco la ricetta.

Preparazione

  1. Accendi il forno ventilato a 180°C.
  2. Separa 2 uova e nella ciotola dei 2 tuorli aggiungi 2 uova intere. Aggiungi lo zucchero e lavora a lungo con la frusta elettrica. Se possiedi una planetaria, imposta il timer su 15 minuti.
  3. Nel frattempo, monta a neve ferma i 2 albumi con un pizzico di sale.
  4. Scalda leggermente la farina in una padella e aggiungila poco per volta alle uova montate con lo zucchero.
  5. Unisci anche gli albumi, lavorando a mano con estrema delicatezza per non smontarli.
  6. Ungi gli stampini di silicone e riempili per metà. Cospargi i savoiardi con un po’ di zucchero semolato e mettili a cuocere per 12 minuti circa.
  7. Se hai utilizzato uno stampo, attendi un istante prima di girare i savoiardi a raffreddare su una gratella. Per riutilizzare subito uno stampo di silicone, ti sarà sufficiente ungerlo nuovamente senza lavarlo, cosa che farai solo prima di riporlo. Se non possiedi gli stampi, distanzia bene i savoiardi sulla carta da forno perché si gonfiano e si allargano durante la cottura.


Potrebbe interessarti: Michael Schumacher uscito dal coma e dimesso