Giorgio Armani sfila alla Milan Fashion Week spring/summer 2014

Una nuvola di colori per la primavera-estate 2014 di Giorgio Armani

La collezione di Re Giorgio gioca con volumi, materiali leggeri, tessuti sottili e colori naturali

Libertà di accostamenti, capi leggeri e tessuti sottili per una donna che ha grinta da vendere. È la collezione primavera-estate 2014 che Giorgio Armani ha presentato sulle passerelle meneghine l’ultimo giorno di Milano Moda Donna.

Tailleur, capispalla e ricami in cristalli

Una linea briosa che fa indossare alla donna capi con indecifrabili stampe floreali, sovrapposizioni leggere e tessuti sottili: seta jacquard e tricot impalpabile, soprattutto, per una collezione dai materiali lievi ma voluminosi. La donna di Re Giorgio si muove sulla passerella come su una nuvola vestendo leggerezza e nuovi accostamenti; andando contro corrente rispetto alla tradizionale spring/summer, come ha dichiarato lo stesso Armani dal backstage della sfilata tenutasi lunedì 23 settembre: «I miei collaboratori insistevano per farmi usare tessuti rigidi che tengono le forme, non ero d’accordo e ho fatto il contrario». Una scelta azzeccata quella presa dallo stilista che disegna una linea in cui volumi e leggerezza vanno a braccetto. Ecco quindi sfilare silhouette sottili ma consistenti per una femminilità decisa e quasi eterea. Combinazioni che solo Giorgio Armani è in grado di realizzare, lui che dopo aver inventato la giacca destrutturata ha deciso di alleggerirla nuovamente sulle spalle e allungarla su gonne pantalone corte che a prima vista sembrano addirittura degli shorts.

Lo stile tutto italiano di Re Giorgio, il suo tocco e la sua matita, riescono a unire sapientemente tessuti molto differenti tra loro, uniformati grazie al colore che «non crea fratture nella collezione». Glicine, indaco, rosa, viola, blu elettrico e corallo campeggiano su capispalla in tessuto trasparente e stampa floreale, eleganti tailleur in seta che lasciano scoperta la schiena – velata da tulle ricamato in cristalli, gonne lunghe a fiori con ricami traforati e camicioni corti e trasparenti. Se i tessuti preziosi e le sovrapposizioni di chiffon creano volumi e giochi di forme, i ricami di cristalli illuminano i capi che sfilano in passerella, mentre stampe di diversi tessuti e nuance si sovrappongono creando un piacevole e ricercato contrasto. È il caso delle giacche dalle tinte forti come il rosso anemone e il blu Majorelle abbinate a gonne dalle nuance neutre.

Tantissimi i tailleur (da sempre molto amati da Giorgio Armani che in tanti anni è riuscito a trasformali ed evolverli) e le gonne, che diventano corte, strette e a corolla grazie allo chiffon e al raso. Nuvole di tessuti, materiali e colori che fanno capolino anche sugli accessori come i foulard luccicanti di cristalli e i fazzolettini ricamati con cristalli portati al collo.


Il color glicine e il sabbia arrivano anche sui tronchetti infradito con tacco a camperos; al collo le grandi collane in pandan con orecchini che di certo non passano inosservati.

Ti potrebbe interessare anche

Abbigliamento

Quali colori indosseremo nell’autunno inverno 2019/2020?

Scarpe autunno 2019: tutte le tendenze
Scarpe

Scarpe autunno 2019: tutte le tendenze

Abbigliamento

5 look da sfoggiare in autunno

Abbigliamento

Coprire le gambe ma non troppo: i modelli delle gonne di tendenza

Blazer, i modelli più belli dell'autunno
Abbigliamento

Blazer: i modelli più belli dell’autunno

Abbigliamento

Mela, pera o clessidra? Valorizza il tuo corpo in pochi step

Abbigliamento

I brand fondati da influencer da seguire per essere alla moda

Abbigliamento

La camicia: il capo che ci risolve sempre il look!